Tartrazina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tartrazina
Tartrazine-2D-skeletal.png
Tartrazine-3D-vdW.png
Nome IUPAC
Trisodio (4E)-5-osso-1-(4-sulfonatofenil)-4-[(4-sulfonatofenil)idrazono]-3-pirazolecarbossilato
Abbreviazioni
E102
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C16H9N4Na3O9S2
Massa molecolare (u) 534,3
Numero CAS [1934-21-0]
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante

attenzione

Frasi H 317
Consigli P 280 [1]

La tartrazina o giallo tartrazina (E102) è un colorante artificiale azotato di colore giallo limone.

Uso[modifica | modifica wikitesto]

La tartrazina è aggiunta nelle bevande gassate, nelle caramelle alla frutta, nei budini, nelle minestre confezionate, nel gelati, nei chewing gum, nel marzapane, nelle marmellate, nelle gelatine, nella mostarda, nello yogurt e in molti altri alimenti assieme alla glicerina, limone e miele. La si può persino trovare negli involucri delle capsule dei medicinali.

È utilizzato anche in cosmetica, in questo caso viene riportato in etichetta con la sigla C.I. (Color index). Il color index del Giallo tartrazina è CI 19140. Secondo la nomenclatura CTFA viene indicato come Yellow 5. Il CI 19140 è un colorante autorizzato in tutte le tipologie d prodotti cosmetici (presente nell’allegato IV del Nuovo Regolamento). I coloranti vengono impiegati in ambito cosmetico al fine di rendere visivamente riconoscibile i prodotti, per coprire una colorazione di fondo o per renderli più gradevoli dal punto di vista estetico. Nel make-up, invece, sono utilizzati per conferire una particolare colorazione alla parte del viso su cui vengono applicati. Per quanto riguarda CI 19140 non ci sono limiti di concentrazione al suo utilizzo.

A volte viene addizionato al colorante E133, o Blu Brillante FCT, o al E142 Verde S, per produrre diverse sfumature di verde durante i processi di inscatolamento dei piselli.

Patologie[modifica | modifica wikitesto]

È causa di molte allergie e intolleranze, reazioni causate da tutti i coloranti azotati, in particolare tra coloro che sono già intolleranti all'aspirina e tra gli asmatici[2]: la tartrazina è implicata nella liberazione di istamine con un meccanismo di attivazione indiretta della degranulazione da parte dei mastociti.

Tra le altre reazioni a questo colorante vi sono: l'emicrania, edemi, la visione di macchie, prurito, riniti, macchie rosse sulla pelle, problemi di respirazione. L'azione sinergica della tartrazina con l'acido benzoico (E210), è una concausa dell'iperattività nei bambini.

Regolamentazioni[modifica | modifica wikitesto]

Questo colorante è permesso nel Regno Unito, in Italia, negli Stati Uniti e in Canada ma è proibito in Norvegia e in Austria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda della sostanza su IFA-GESTIS
  2. ^ E102 Tartrazine, FD&C yellow No.5, UK Food Guide. URL consultato il 30 novembre 2007.