Tartina city

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tartina City
Titolo originale Tartina City
Paese di produzione Ciad, Francia, Gabon
Anno 2006
Durata 85 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere dramma
Regia Serge Issa Coelo
Interpreti e personaggi

Tartina City è un film del 2006 diretto dal regista ciadiano Serge Issa Coelo, prodotto in Ciad / Francia / Gabon. Presentato al 27º Festival del Cinema Africano di Verona.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Un film duro, che colpisce lo spettatore dritto allo stomaco, mostrando le condizioni in cui hanno vissuto e continuano a vivere milioni di persone in Africa e in molti altri Paesi del mondo. Un grido contro ogni forma di dittatura, una speranza di rinascita.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il giovane giornalista Adoum sta cercando in ogni modo di ottenere il passaporto per fuggire all'estero e diffondere un reportage sulla situazione attuale del suo paese. Ma il giorno della partenza viene fermato all'aeroporto e nei suoi abiti viene trovata una lettera compromettente. Immediato l'arresto e la reclusione nelle terribili prigioni sotterranee gestite dallo psicopatico e crudele colonnello Koulbou. Torture disumane, buio, freddo, terribili condizioni igieniche. Un incubo orchestrato dalla mente malata di Koulbou, assetata di violenza e incapace di compassione.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema