Tarnova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando voci su toponimi quasi omografi, vedi Târnova.
Tarnova
insediamento
(SL) Trnovo
Localizzazione
Stato Slovenia Slovenia
Regione statistica Goriziano
Comune Nova Gorica
Territorio
Coordinate 45°58′19.92″N 13°44′20.4″E / 45.9722°N 13.739°E45.9722; 13.739 (Tarnova)Coordinate: 45°58′19.92″N 13°44′20.4″E / 45.9722°N 13.739°E45.9722; 13.739 (Tarnova)
Altitudine 780.8 m s.l.m.
Superficie 15,65 km²
Abitanti 305 (2002)
Densità 19,49 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 5252
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Slovenia
Tarnova

Tarnova[1] (fino al 1945 Tarnova della Selva, in sloveno Trnovo) è un paese della Slovenia, frazione del comune di Nova Gorica.

La località, che si trova a 780.8 metri s.l.m. ed a 7.7 chilometri dal confine italiano, è situata al centro dell’omonima Selva a nord della parte occidentale della Valle del Vipacco.

L’insediamento (naselja) è formato inoltre da altri agglomerati: Rialzo (Rijavci), Trpinovšče.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Durante il dominio asburgico Tarnova fu comune autonomo.[2]

Dal 1920 al 1947 fece parte del Regno d'Italia, inquadrato nella Provincia di Gorizia e fu comune autonomo.

Durante la seconda guerra mondiale, alla fine del 1944 e fino a gennaio 1945, il luogo fu teatro di aspri e sanguinosi scontri tra reparti della Xª Flottiglia MAS e truppe iugoslave (la 19ª brigata slovena "Srečko Kosovel") appoggiate da partigiani italiani[3][4]

A Tarnova, sul monte Kobilnik, sorge un memoriale sloveno che ricorda i caduti negli scontri dell'inverno 1944-45 (256 caduti) e i 2.300 caduti totali tra le truppe jugoslave[5]

Alture principali[modifica | modifica sorgente]

Vitovskik vrh, m 919[senza fonte]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tarnova, e Rialzo – Catasto austriaco franceschino 1822
  2. ^ Il comune – Catasto austriaco franceschino 1822
  3. ^ Marino Perissinotto, Duri a morire - storia del Battaglione Barbarigo, Ermanno Albertelli
  4. ^ Sergio Nesi, Rivisitando storie già note di una nota Flottiglia - parte seconda, Editrice Lo Scarabeo, Bologna, 2000
  5. ^ Nova Gorica Municipality Info, 30-01-10.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]