Tarjei Vesaas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tarjei Vesaas

Tarjei Vesaas (Vinje, 20 agosto 189715 marzo 1970) è stato uno scrittore norvegese.

È un autore molto prolifico, le opere si collocano su un arco temporale che va dal 1923 al 1970. Agli esordi segue il modello neoromantico sulla scia di Knut Hamsun e Selma Lagerlöf, successivamente si specializza nei romanzi di tipo simbolico.

Oltre a romanzi e racconti, scrive anche drammi, radiodrammi e raccolte di novelle.

Ha ricevuto il Premio del Consiglio Nordico per la Letteratura nel 1964 per il romanzo Is-slottet, il Premio Venezia per I venti. È stato nominato in tre diverse occasioni (1964, 1968 e 1969) per il Premio Nobel per la letteratura.

Le opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Menneskebonn (1923)
  • Dei svarte hestane (1928)
  • Det store spelet (1934)
  • Kvinner ropar heim(1935)
  • Kimen (1940)
  • Huset i mørkret (1945)
  • Bleikeplassen (1946)
  • Signalet (1950)
  • Vindane (1953)
  • Fuglane (1957)
  • Is-slottet (1963)
  • Liv ved straumen (1970)

Bibliografia in italiano[modifica | modifica wikitesto]

  • Gli uccelli ("Fuglane", 1957, trad. it. 1990), Iperborea (ISBN 88-7091-015-6)
  • Il castello di ghiaccio ("Is-slottet", 1963, trad. it. 2001), Iperborea (ISBN 88-7091-094-6)
  • Il perdigiorno, Feltrinelli, 1963
  • Il cavaliere selvaggio e altri racconti, Rizzoli, 1954

Controllo di autorità VIAF: 32004086 LCCN: n80028918