Tara Maclay

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tara Maclay
AmberBenson-Tara.png
Universo Buffyverse
Lingua orig. Lingua inglese
1ª app. in L'urlo che uccide
Ultima app. in Perversi
Interpretato da Amber Benson
Voce italiana
Sesso femminile
Professione
  • studentessa
  • strega
Abilità
  • conoscenza e utilizzo della magia
  • capacità di apprendere e lanciare incantesimi con o senza un oggetto specifico
  • capacità di eseguire rituali
  • levitazione
  • telecinesi
  • percezione di anime e aure
  • localizzazione
  • lumocinesi
  • pirocinesi
Parenti
  • Mr. Maclay (padre)
  • Donald Maclay (fratello)
  • Beth Maclay (cugina)

Tara Maclay è un personaggio della serie televisiva statunitense Buffy l'ammazzavampiri. Creata da Joss Whedon, Tara è stata interpretata dall'attrice Amber Benson dal decimo episodio della quarta stagione, L'urlo che uccide (Hush), al diciannovesimo della sesta, Profondo Rosso (Seeing Red), in cui uscirà di scena in seguito alla sua sanguinolenta morte.

Giovane donna dotata di un potenziale magico naturale (poiché, al contrario di molte apprendiste streghe che studiano per ricevere i loro poteri, lei ha ereditato i suoi da sua madre che ha sua volta li ha ereditati da sua nonna), Tara è una ragazza estremamente riservata, che non ha fiducia in se stessa. Proprio grazie all'interesse per le arti magiche, Tara ha la possibilità di fare la conoscenza di Willow Rosenberg, di cui si innamora tempestivamente. Insieme, le due streghe formano una coppia indivisibile, essenziale alla cacciatrice Buffy Summers nella sua sfrenata lotta contro le forze del male che albergano nella cittadina californiana di Sunnydale.

Essendo uno dei tre personaggi principali della serie televisiva, Willow era di già molto popolare quando Tara fece il suo ingresso nello show, e la loro storia d'amore è stata accolta con un certo calore dai fan. La loro storia d'amore, oltre ad essere costantemente positiva, è stata una delle prime rappresentazioni televisive di una coppia omosessuale.

Casting e creazione[modifica | modifica sorgente]

Joss Whedon ha raccontato di come fosse stato particolare il casting per il personaggio di Tara. Whedon cercava una ragazza che ricordasse la Willow dei 'vecchi tempi'. Voleva una ragazza fisicamente esile, ma Marti Noxon (sceneggiatrice della serie televisiva) insisté per Amber Benson anche se l'attrice non rientrava perfettamente nello stereotipo di ragazza che Whedon aveva in mente per il ruolo di Tara, essendo l'attrice piuttosto alta e formosa, rispetto alla più minuta Hannigan, costringendo Joss a richiamare la Benson per un altro provino. Tara viene introdotta nell'episodio dieci della quarta stagione del telefilm, L'urlo che uccide (Hush), come una qualsiasi studentessa universitaria che decide di presenziare a un incontro del club delle streghe del campus di cui Willow entra a far parte per affinare le sue doti magiche. Inizialmente Tara era stata creata solamente per essere amica di Willow, da cui quest'ultima avrebbe potuto imparare tutto quel che c'era da sapere sulla magia e sui suoi incantesimi più complessi, e le sue comparizioni erano inizialmente destinate ad un paio di episodi. Ma una volta vista la chimica che c'era tra Amber e Alyson Hannigan, i produttori decisero di trasformare il loro rapporto in qualcosa di più intimo. Verso la fine dell'episodio L'urlo che uccide, è presente una scena in cui Willow e Tara dovettero intrecciare le loro mani per posizionare una macchinetta di dolciumi di fronte una porta con la forza della telecinesi, per mettersi in salvo dai mostruosi Gentiluomini. Whedon, i produttori e i dirigenti di rete trovarono la scena molto sensuale; tant'è che dopo qualche breve discussione, Whedon informò Amber Benson ed Alyson Hannigan che i loro due personaggi femminili sarebbero divenute anime gemelle.

Willow è stata caratterizzata fin dall'inizio della serie e aveva già una forte base di fan. All'inizio della quarta stagione, aveva un fidanzato di nome Oz (Seth Green), che ha lasciato dopo aver scoperto il tradimento con la licantropa Veruca. Oz torna nell'episodio "New Moon Rising", determinato a riconquistare Willow. Willow si trova di fronte ad una scelta: Oz o Tara. La ragazza alla fine predilige Tara, innescando reazioni furenti tra i fan della coppia Willow-Oz che per ripicca ebbero imbrattato le bacheche dei siti fan di messaggi discriminatori, omofobici e offensivi nei confronti della Benson, reputandola una ragazza grassa e decisamente poco attraente. Amber Benson ne fu ovviamente contrariata e coraggiosamente si collegò online il 4 maggio 2000 con il seguente messaggio:

Ho pensato molto a quello che la gente ha detto su internet di Tara dopo la messa in onda dell'episodio. All'inizio, ero molto ferita. Ho cercato di dissociare me stessa dal sentirmi depressa, dicendomi: "è di Tara che stanno parlando, non di me". Ma non potevo. Penso che faccia male quando qualcuno ti dice che sei orrendo o fa commenti odiosi sul tuo peso, anche se non si stanno 'tecnicamente' riferendo a te. Sono solo un essere umano e mi sembra di meritare di essere trattata come tale. Penso anche che Tara si meriti di essere trattata con un po' più di gentilezza e compassione. Sì, non sono un GRISSINO. Sono una DONNA NORMALE, IN BUONA SALUTE...Penso che interpretare una bellissima, in carne, strega omosessuale, sia uno sballo! Al di là di quello che potrebbe succedere sono felice di avere la possibilità di camminare nei panni di Tara.

Primi anni di vita[modifica | modifica sorgente]

Tara è nata il 16 ottobre del 1980, e di fatti la ragazza ha più o meno la stessa età del resto degli Scoobies. La sua vita familiare è stata incredibilmente traumatica e lei prima di incontrare Willow non aveva molti amici. Tara ha perso la madre quando aveva 17 anni. In seguito a questo evento decisamente traumatico, Tara ha attraversato un breve periodo di ribellione post-traumatica, arrivando a compiere piccoli gesti stupidi e insensati, come mentire a suo padre e suo fratello Donny e restare fuori di casa tutta la notte. In giovane età, il padre di Tara - uomo da metodi irruenti e violenti - raccontò a sua figlia che lei era per metà di origine demoniaca proprio come sua madre che, come Tara, era dotata di poteri magici (Tara rivela che i poteri di sua madre erano altrettanto potenti come quelli di Willow). Ma in seguito la ragazza scoprirà che si tratterà soltanto di una perfida menzogna messa in giro dal padre profittatore, che voleva avere pieno controllo sulla figlia. Tara si è probabilmente resa conto di essere omosessuale al suo primo anno di studi all'università di Sunnydale.

Morte[modifica | modifica sorgente]

« È incredibile, vero? Un pezzetto di metallo... distrugge tutto. Ha fatto a pezzi i suoi organi. L'ha portata via dalla luce... da me... dal mondo. Un minuscolo pezzo di metallo. Riesci a sentirlo? Riesci... a sentirlo?! »
(Willow a Warren Mears, torturandolo con lo stesso proiettile che ha ucciso Tara e dopo averlo reso incapace di urlare cucendogli magicamente la bocca, poco prima di scuoiarlo vivo, nell'episodio Perversi)

Tara è stata uccisa il 7 maggio del 2002, da un proiettile vagante sparato dalla pistola di Warren Mears (il capo del Trio), inizialmente destinato a Buffy. Una volta sfondato il vetro della finestra della stanza di Willow e Tara, il proiettile si è probabilmente conficcato nel cuore di quest'ultima, facendo zampillare del sangue sulla camicia bianca di Willow. Infine, Tara ha biascicato: La tua camicia, notando il suo stesso sangue sulla camicia di Willow, per poi crollare a terra morta.

Willow, consumata dal dolore e dalla rabbia, si prepara a perdere tutto pur di vendicare con il sangue la morte della sua ragazza. La strega, spinta da una furia distruttiva e masochista, non solo uccide Warren (torturandolo e scuoiandolo vivo) ma in un secondo momento decide anche di distruggere il mondo, utilizzando un antico tempio della dea romana Proserpina, situato sulla scogliera di Sunnydale. Fortunatamente, Xander giunge alla scogliera giusto in tempo per fermare la follia omicida di Willow.

Successivamente, Willow è partita con il signor Giles per Westbury (Inghilterra), per imparare da una congrega di streghe a tenere sotto stretto controllo il suo potente potenziale magico.

Biografia del personaggio[modifica | modifica sorgente]

Nella quarta e quinta stagione[modifica | modifica sorgente]

Tara MacLay fa il suo esordio in punta di piedi, con l'umiltà che sempre la caratterizzerà e quello sguardo - penetrante, imbarazzato - di chi c'è e non c'è.

Goffa, solitaria, malvestita, Tara è uno dei tanti brutti anatroccoli della serie (ovviamente recitato: Amber Benson è una bellissima donna), uno spirito tremendamente recettivo quando si tratta degli altri eppure inconsapevole del proprio valore. Discendente di una famiglia di streghe – la madre defunta e la nonna lo erano prima di lei, mentre Willow, pur essendo una strega molto più potente di lei, non ha parentele con altre streghe – Tara porta in sé il potere e quello spirito giudizioso che sempre dovrebbe accompagnarlo. Ed è proprio l’interesse per le arti magiche che fa collidere il mondo solitario ed etereo della strega bionda con quello di Willow, in un rapporto costruito su una complicità estrema e delicato come lo sono le cose speciali. Questo legame sussurrato, totalizzante, sempre più intenso, è inizialmente l’unica raison d’etre del personaggio, che per buona parte della quarta stagione non ha interazione con gli altri Scoobies.

E poi Oz fa il suo ritorno. Oz: il leggendario, Oz che ha lasciato Willow per combattere la sua licantropia ed è tornato ora a Sunnydale, vincitore, per ricominciare da dove aveva interrotto. Così l’idillio è rotto, l’insicurezza di Tara prende il sopravvento e le suggerisce che non può competere in alcun modo con il lupo mannaro. Sarà Willow a smentirla, prendendo una decisione fondamentale, ma soprattutto definendo quel loro rapporto che ancora non aveva un nome, o – se l’aveva - pronunciarlo ad alta voce faceva troppa paura. Ha così inizio una delle storie d’amore più emozionanti del Buffyverse.

Tara diventa un elemento costante nella vita di Willow e degli Scoobies. Ma mentre con la prima l’intesa era stata immediata, più difficile è l’integrazione in un gruppo unito e solido, che in un primo momento fatica ad ammettere una persona così timida. Misteriosa, incompresa dai più, questa new entry sorprendente nella vita di Willow riesce poi a socializzare con i membri meno storici della gang, come Dawn e Anya, ma fatica ancora a sentirsi veramente parte del gruppo.

Ma le calunnie di un padre autoritario e dei parenti profittatori (che la convincono che la sua natura è qualcosa di sbagliato e distruttivo, da nascondere) fanno ulteriormente cadere la ragazza nel baratro. Ma non c’è traccia di demonio in Tara, e questa falsa convinzione non tarda a dissiparsi nel momento in cui qualcuno – qualcuno che l'ama, che per una volta crede in lei – ne prende le difese. Nel momento in cui l’intera Scooby Gang (compreso il ben poco sentimentale Spike) si schiera dalla sua parte e trova nel padre l’artefice di tutto il malinteso. Ed è questa la svolta. Il decollo di Tara, che di episodio in episodio, grazie al rapporto con Willow, diventa più forte, aperta, innamorata e capace di squarciare il velo sottile che la divideva dal mondo.

Un amore forte il loro, che infonde coraggio. Il coraggio necessario per non cedere alle intimidazioni di una divinità infernale molto innervosita che – non riconoscendo in Tara la sua preziosa Chiave – finisce per risucchiarle il cervello. Tuttavia nemmeno l’onnipotenza di Glory impedirà a una strega innamorata di raccogliere la sua ragazza dall’abisso di oscurità nel quale all’improvviso è precipitata.

Amber Benson è Tara

Sesta stagione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Episodi di Buffy l'ammazzavampiri (sesta stagione).

Con la ritrovata salute mentale, Tara si affaccia alla sesta stagione in una veste tutta nuova. Abbandonate finalmente quelle ”cose” che era solita indossare, la vediamo già nella première sfoggiare un abbigliamento da vera ragazza "dura", e più avanti nella stagione addirittura indossare una giacca di pelle in stile Spike. A volte le riesce anche di abbinare i colori… Ma il rinnovamento del personaggio va più a fondo di così, ed è evidente nel momento in cui la sentiamo pronunciare con piena nonchalance battute cool dopo che ha piantato un'ascia nella schiena del cattivo di turno!

Insomma, siamo lontani anni luce da quella ragazza goffa e spaesata che non riusciva a concludere una frase senza balbettare. E in una stagione in cui tutto sembra sgretolarsi e franare sotto ai piedi dei protagonisti, Tara è l’unica persona che riesce a mantenere un equilibrio e si rivela, dopo la dipartita di Giles, la figura più sensata e matura in circolazione, quella che dice sempre la cosa giusta. Quella capace di rassicurare Dawn, per cui ormai è una figura genitoriale. La spalla su cui piangere per Buffy, affranta per via della sua relazione con Spike.

Ma soprattutto colei che per il bene della persona amata sa prendere una decisione, la più difficile di tutte. Lasciare Willow. Lasciarla per farle capire quanto l’abuso della magia l’abbia cambiata, distorta, e quanto in fondo non abbia bisogno di tutto quel potere per essere la persona che Tara ama. Andare avanti, per un po’, ognuna sulle proprie gambe. Dare tempo e modo a Willow di comprendere gli equilibri che sta rompendo, riflettere sui propri errori. E, alla fine, perdonarli. Ricominciare.

Di nuovo insieme, quindi, ma per poco. Dopo un solo giorno dal ricongiungimento, un proiettile vagante partito dalla pistola del perfido Warren, diretto alla cacciatrice, colpisce mortalmente Tara. La ragazza si accascia a terra, e muore fra le braccia della sua amata Willow, che precipita in un baratro di disperazione e si prepara a perdere tutto pur di vendicare la sua ragazza.

Miss Kitty Fantastico[modifica | modifica sorgente]

« Sai, potremmo chiamarla Miss Kitty... Fantasy o altro! »
(Tara a Willow, nell'episodio Luna Nuova)

Miss Kitty Fantastico (semplicemente Miss Kitty nell'adattamento italiano) è stata la gatta domestica di Willow e Tara. Era nera/grigia con zampine posteriori bianche, una striscia bianca dal mento al petto e una piccola macchia di pelo bianco intorno al muso. Dopo la quinta stagione del telefilm, Miss Kitty Fantastico non verrà più menzionata sino al penultimo episodio della stagione finale del telefilm, End of days, quando si scopre essere stata uccisa per sbaglio da Dawn.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Curioso come la diciannovesima puntata di ogni stagione abbia sempre qualcosa di importante, nel bene e nel male, per Tara: nella 4ª stagione è Luna Nuova (New Moon Rising), nella 5ª Contrasti d'amore (Tough Love) e nella 6ª Profondo Rosso (Seeing red).
  • In origine Amber Benson avrebbe dovuto partecipare ad almeno un episodio della settima stagione, Conversazioni con l'aldilà (Conversations with dead people). Alla fine però è stata rimpiazzata da Azura Skye (Cassie), perché, come la stessa Amber ha dichiarato in seguito, non voleva interpretare un ruolo da cattiva per non deludere i fan, ancora sconvolti dalla morte di Tara. Amber infatti avrebbe dovuto recitare nel ruolo del Primo che assumeva le sembianze di Tara per tormentare Willow.
  • La morte di Tara nell'episodio Profondo Rosso scatenò molte polemiche: i Willow-Tara shipper, in gergo detti kittens, si infuriarono non poco con Whedon per aver ucciso Tara, e, di conseguenza, aver distrutto una delle pochissime coppie omosessuali della televisione.

Ci fu anche qualche articolo che accusò Whedon e il resto della crew di omofobia; come se la morte di Tara fosse una punizione per le scene d'amore girate nel lasso di tempo tra Profondo Rosso e l'episodio precedente, Entropia.

  • Nella sigla dell'episodio Profondo Rosso della sesta stagione, Amber Benson (Tara) appare nei credits iniziali come regular: una sorta di riconoscimento per essere stata per tre anni una "quasi regular" o un modo per depistare le molti voci circa la sua morte che giravano attorno a quest'episodio?
  • In seguito alla trasmissione dell'episodio Profondo Rosso e alla morte di Tara, ci sono stati addirittura studi condotti da alcune università per indagare su come sia stato possibile che il proiettile sparato da Warren abbia potuto colpire Tara, considerando tutte le traiettorie possibili e la posizione del ragazzo e della finestra della stanza.
  • Al Wizard World Convention, tenutosi a Chicago nell'agosto del 2004, Joss Whedon rivelò quali erano i suoi piani per riportare in vita il personaggio di Tara, nella settima stagione.
« In uno degli episodi finali, il terzultimo, Buffy riceveva una carta "uscite gratis di prigione". Una cosa di quelle che possono alterare la realtà, - per esempio avrebbe potuto far tornare Angel da lei, poteva fare quello che voleva. Alla fine dell'episodio lei va da Willow, e dice: "Guarda queste scarpe che ho preso!" e Willow, tipo: "Cosa?" "Ho queste scarpe davvero favolose. Le volevo, e ora le ho!" e Willow: "Tu... hai usato... il desiderio... per delle scarpe?" e Buffy dice "Certo che no, idiota!" ed esce dalla stanza, Willow si gira e Tara è in piedi dietro di lei »

L'idea fu poi definitivamente cancellata.

fantasy Portale Fantasy: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fantasy