Tar-Aldarion

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando Il primo Re di Rhudaur, vedi Aldarion di Rhudaur.
Tar-Aldarion
Universo Arda
Lingua orig. Inglese
Alter ego Anardil
Autore John Ronald Reuel Tolkien
Specie Uomo
Sesso Maschio
Etnia Dúnedain
Data di nascita 700 S.E.
Parenti

Tar-Aldarion (700 – 1098 S.E., regno 883 – 1075 S.E.) è un personaggio di Arda, l'universo immaginario fantasy creato dallo scrittore inglese J.R.R. Tolkien. Fu il sesto Re di Númenor, una volta succeduto al padre, Tar-Meneldur.

Tar-Aldarion sposò Erendis, una ragazza númenóreana che non era discendente dalla linea dei Mezzelfi del Re Elros, e quindi aveva un'aspettativa di vita decisamente minore del marito. L'amore di lui per i viaggi per mare causò negli ultimi anni di matrimonio una rottura irreparabile tra i due. Il racconto del loro matrimonio sopravvisse alla Caduta di Númenor come "Aldarion ed Erendis, o La Moglie del Marinaio".

Il suo vero nome, ossia Anardil, vuol dire Amante del Sole, mentre quello che adottò in seguito significa Degli Alberi, dovuto al fatto che era un noto difensore delle foreste (gli alberi erano necessari per la costruzione della sua flotta, ma egli aveva sempre cura di ripiantare dove si era sradicato). Il suo soprannome fu "Il Marinaio", poiché il suo più grande amore fu il mare; era un esploratore già prima di divenire Re. Fece molti viaggi fin sulle coste della Terra di Mezzo e stabilì più di tutti contatti con Gil-Galad e il suo reame ai Porti Grigi. Inoltre fondò tra il 750 e l'800 S.E. un vitale porto númenóreano nella Terra di Mezzo, che chiamò Vinyalondë (Porto Nuovo), sulla riva meridionale della foce del fiume Gwathló, e sotto il suo regno cominciò il disboscamento dell'Enedwaith e del Minhiriath.

Poiché lui ed Erendis si erano separati prima che ella potesse dare alla luce un erede maschio, Aldarion dispose che la sua unica figlia, Tar-Ancalimë, lo succedesse come erede al trono, nonostante questo violasse insieme le leggi e le tradizioni di Númenor. Le leggi di successione furono cambiate, e si passò dal principio di successione per agnazione a quello più neutrale di primogenitura. Nonostante Aldarion avesse discendenti che avrebbero potuto continuare la linea maschile dei Re, i loro diritti furono messi da parte.

Volendo risparmiare i suoi successori della travagliata vita domestica che egli ha dovuto sopportare, Aldarion decise anche che d'allora in avanti l'erede al trono avrebbe potuto sposare solamente un discendente di Elros, restringendo così la scelta del consorte alla sola nobiltà númenóreana, che comunque condivideva la lunga vita che era stata donata alla casa reganante. Così, nel 1075 S.E., Ancalimë divenne la prima Regina di Númenor. Se la legge non fosse cambiata, il trono sarebbe spettato a Soronto, il figlio della sorella di Aldarion, oppure a Malantur, discendente in linea diretta di Tar-Minyatur.

Aldarion morì vent'anni dopo l'ascesa al trono della figlia, e fece in tempo a vedere l'abbandono, a causa degli ingenti danni provocati da un uragano, della città che egli aveva fondato, provvedimento al quale si oppose fermamente, ma senza successo. Morì nell'anno 1098 della Seconda Era, a 398 anni, forse nella Terra di Mezzo.

Parte della storia di Aldarion e Erendis è raccontata nei Racconti incompiuti di Tolkien, nel capitolo "Aldarion ed Erendis. La Moglie del Marinaio".

Predecessore 5º Re di Númenor Successore
Tar-Meneldur
regno 740 – 883 S.E.
regno 883 – 1075 S.E. Tar-Ancalimë
regno 1075 – 1280 S.E.
Tolkien Portale Tolkien: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Tolkien