Tapiridae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tapiri
Malayan Tapir.JPG
Un tapiro dalla gualdrappa
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Perissodactyla
Famiglia Tapiridae
Genere

I tapiri (Tapiridae) sono una famiglia di mammiferi erbivori, appartenenti all'ordine dei perissodattili, che comprende anche i cavalli e i rinoceronti.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Attualmente, l'unico genere vivente di questa famiglia è Tapirus, rappresentato da quattro specie; tre (Tapirus terrestris, Tapirus pinchaque, Tapirus bairdii) sono caratteristiche delle Americhe, mentre una quarta (Tapirus indicus), molto più grande delle altre, vive in Indocina ed è inclusa nel sottogenere Acrocodia.

Evoluzione[modifica | modifica sorgente]

I tapiri hanno una storia evolutiva molto lunga, ma nel complesso non sono cambiati molto dalla loro comparsa. L'origine di questi animali va ricercata in alcune piccole forme vissute in Asia e Nordamerica nell'Eocene, tra 55 e 38 milioni di anni fa, gli elaletidi (Helaletidae): questi erano piccoli animali (lunghi una cinquantina di centimetri), dalle zampe non troppo lunghe ma dal corpo piuttosto snello. La dentatura e il cranio iniziava già a richiamare quelle dei tapiri. Nelle forme primitive, come Heptodon dell'Eocene inferiore, non era presente alcun tipo di proboscide, ma alcune specie evolute (ad esempio Helaletes dell'Eocene medio - superiore) forse avevano un grosso labbro prensile.

Cranio di Protapirus

Il primo vero tapiro è Protapirus, dell'Oligocene nordamericano ed europeo. La corporatura e le dimensioni sono maggiori di quelle dei suoi antenati, e in linea generale assomigliava già a un piccolo tapiro. La proboscide, in questo caso, era già presente. Nel Miocene i fossili si fanno via via più scarsi, anche se è certo che alcuni tapiri passarono attraverso la Beringia e colonizzarono Asia ed Europa (Palaeotapirus). In Nordamerica i fossili più interessanti appartengono a Miotapirus, vissuto circa 20 milioni di anni fa e già di dimensioni ragguardevoli, e a Nexuotapirus, recentemente descritto e particolarmente primitivo.

Il Pleistocene e le glaciazioni portano alla comparsa di forme gigantesche (Megatapirus augustus della Cina era grande una volta e mezzo le forme attuali), accanto a forme di tipo moderno, riunite nel genere Tapirus. Tra le più diffuse, da ricordare l'americana Tapirus veroensis, una grande forma probabilmente vicina alle attuali Tapirus terrestris e Tapirus pinchaque, e l'europea Tapirus arvernensis, il tapiro d'Arvernia.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi