Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Tanto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'album di Patty Pravo, vedi Tanto (album).
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il singolo di Patty Pravo, vedi Tanto/Io ti venderei.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il singolo di Jovanotti, vedi (Tanto)³.
Tantō
短刀
Due tantō
Due tantō
Tipo Coltello
Origine Giappone Giappone
Impiego
Utilizzatori Bushi
Buke
Produzione
Varianti Hamidashi
Kubikiri
Descrizione
lama 30 cm
Tipo di lama in acciaio "pacchetto", monofilare, a volte diritta a volte dalla curvatura poco accentua.
Tipo di punta acuminata, dalla curvatura molto accentuata.
Tipo di manico ad una mano.

[senza fonte]

voci di armi bianche presenti su Wikipedia

Il tantō (短刀?) è un'arma bianca manesca del tipo coltello tipica del Giappone con lama di 30 cm.
In battaglia, il bushi lo portava dietro alla schiena, per comodità, in quanto l'estrazione della katana e del wakizashi doveva essere fluida e senza intoppi. Rispetto alle armi del daishō, il tantō era quasi sempre privo di tsuba ("guardia").

I tantō erano simbolo precipuo della casta guerriera dominante giapponese. Venivano quindi ostentati quali arma di rappresentanza dei Daimyo sul loro trono, decorati con lacche dorate (makie) e gioielli, e, del pari, portati dalle buke, le donne dei bushi.

Costruzione[modifica | modifica wikitesto]

Le principali varianti del tantō sono:

  • Hamidashi: tantō dotato di tsuba ("guardia");
  • Kubikiri: tantō con lama dalla curvatura più accentuata e filo sul lato concavo, talvolta chiamato anche "taglia teste" o "bisturi" in quanto spesso usato per sgozzare gli avversari prendendoli alle spalle[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Riferimenti nella cultura[modifica | modifica wikitesto]

Questo tipo di spada è usato da Madama Butterfly, personaggio dell'omonima opera di Puccini, per uccidersi.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Japanese Swords - Unusual Types Of Tanto. (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2008).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]