Jun'ichirō Tanizaki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Tanizaki Jun'ichirō)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Jun'ichirō Tanizaki, 1913

Jun'ichirō Tanizaki (谷崎 潤一郎 Tanizaki Jun'ichirō?) (Tokyo, 24 luglio 1886Atami, 30 luglio 1965) è stato uno scrittore giapponese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Tokyo da una famiglia della media borghesia frequentò l’università fino all’interruzione degli studi (1910) per problemi economici o per la difficoltà di adattarsi al rigido ambiente universitario.

Abbandonati gli studi, decise di dedicarsi completamente alla letteratura. Già dalle prime opere si comincia a delineare una figura femminile, spesso protagonista, intrisa di un erotismo decadente, con sfumature di masochismo e feticismo. Dopo l’opera prima Shisei (Il tatuaggio, 1910), pubblica Akuma (Il diavolo, 1912), Jotaro (1914) e Fumiko no ashi (I piedi di Fumiko, 1919) in cui si sviluppa una tematica feticista che lo accompagnerà nell'intera sua opera.

Incuriosito dall’occidente e dai suoi costumi o forse dall’esotismo di paesi lontani che non conobbe mai direttamente, iniziò una fase di occidentalizzazione che terminò nel 1923 con il tragico terremoto di Tokyo. Successivamente ebbe un ripensamento e si riavvicinò ai costumi tradizionali del Giappone. Anche i suoi interessi letterari si riportarono ai classici e pubblicò la versione moderna del Genji monogatari di Murasaki Shikibu.

Negli anni successivi compose quelli che vengono ritenuti dalla critica i suoi capolavori: Sasame Yuki (Neve sottile) terminato nel 1948, Kagi (La chiave, 1956) e Futen rojin nikki (Diario di un vecchio pazzo, 1962).

Opere[modifica | modifica sorgente]

(in ordine cronologico secondo le uscite in italiano)

  • Io l'amo! (愛すればこ, Aisureba Koso, 1921), dramma in tre atti, riduzione italiana a cura di Lorenzo Gigli, Milano: Alpes, 1929
  • Gli insetti preferiscono le ortiche (蓼喰ふ蟲, Tade kuu mushi, 1928), trad. Mario Teti, Milano: Mondadori (coll. "Medusa" n. 437) 1960 (dal 1984 con prefazione di Natalia Ginzburg); Leonardo 1994
  • Neve sottile (Sasame yuki, 1948), trad. Olga Ceretti Borsini e Kizu Hasegawa, Milano: Martello (coll. "La piramide") 1961; Longanesi (coll. "La ginestra" n. 134) 1973; Parma: Guanda 1989
  • La chiave (鍵, Kagi, 1956), trad. Satoko Toguchi, prefazione di Geno Pampaloni, Milano: Bompiani 1963; Mondadori (coll. "Oscar" n. 354) 1971; Sonzogno (coll. "I classici dell'erotismo" n. 27) 1987
    • dall'ed. Bompiani 1970 contiene anche La gatta (猫と庄造と二人のおんな, Neko to Shōzō to futari no onna, 1936)
  • Due amori crudeli. Racconti, trad. Giuseppe Ricca e Atsuko Ricca Suga, Milano: Bompiani 1964, Garzanti 1966; contiene:
    • I canneti (蘆刈, Ashikari, 1932)
    • La storia di Shunkin (春琴抄, Shunkinshō, 1933)
  • Diario di un vecchio pazzo (瘋癲老人日記, Fūten rōjin nikki, 1962), trad. Atsuko Ricca Suga, Milano: Bompiani 1984, nuova ed. 1995 (trad. rivista da Giovanna Baccini)
  • La madre del generale Shigemoto (少将滋幹の母, Shōshō Shigemoto no haha, 1950), trad. Guglielmo Scalise, Milano: Mondadori 1966; con prefazione di Giorgio Amitrano Torino: Einaudi (coll. "Letture" n. 50) 2013
  • L'amore di uno sciocco (痴人の愛, Chijin no ai, 1924), trad. Carlo De Dominicis, Milano: Bompiani 1967 (dal 1981 con prefazione di Alberto Moravia)
  • Vita segreta del signore di Bushu (武州公秘話, Bushukō hiwa, 1935), trad. Satoko Toguchi e Atsuko Ricca Suga, Milano: Bompiani 1970; Garzanti (coll. "I Garzanti" n. 368) 1972; contiene anche
    • Racconto d'un cieco (盲目物語, Mōmoku monogatari, 1931)
    • La gatta, Shozo e le due donne (猫と庄造と二人の女, Neko to Shōzō to futari no onna, 1936)
  • La croce buddista (卍, Manji, 1928), trad. Lydia Origlia, Parma: Guanda 1982; Milano: TEA 1992
  • Libro d'ombra (陰翳礼讃, In'ei raisan, 1933), a cura di Giovanni Mariotti, trad. Atsuko Ricca Suga, con un saggio di Gian Carlo Calza, Milano: Bompiani 1982
  • Pianto di sirena e altri racconti, trad. Adriana Boscaro, Milano: Feltrinelli 1985, 1988 (coll. "UEF" n. 1034); contiene:
    • Il tatuaggio (刺青, Shisei, 1910)
    • Kirin (麒麟, Kirin, 1910)
    • Buffone di professione (幇間, Hōkan, 1911)
    • Il segreto (秘密, Himitsu, 1911)
    • Pianto di sirena (人魚の嘆き, Nyngyo no nageki, 1917)
    • Il prestigiatore (魔術師, Majutsushi, 1917)
  • Il dramma stregato (呪はれた戯曲, Norowareta gikyoku, 1919), a cura di Lydia Origlia, con uno scritto di Yukio Mishima, Milano: SE 1986, Feltrinelli (coll. "UEF" n. 1126) 1990, ES 2007, Torino: Einaudi (con il titolo Il demone, coll. "ET" n. 1625) 2010; contiene:
    • Il demone (in due parti: Akuma e Zoku Akuma, 1912)
    • L'assassino di O-Tsuya (O-Tsuya koroshi, 1915)
    • Il dramma stregato (呪はれた戯曲, Norowareta gikyoku, 1919)
  • Opere, a cura di Adriana Boscaro, Milano: Bompiani (coll. "Classici Bompiani"), 1988, 2002; contiene:
    • Il tatuaggio (刺青, Shisei, 1910)
    • Kirin (麒麟, Kirin, 1910)
    • Adolescenti (少年, Shōnen, 1911)
    • Buffone di professione (幇間, Hōkan, 1911)
    • Il segreto (秘密, Himitsu, 1911)
    • Pianto di sirena (人魚の嘆き, Nyngyo no nageki, 1917)
    • Il prestigiatore (魔術師, Majutsushi, 1917)
    • L'amore di uno sciocco (痴人の愛, Chijin no ai, 1924)
    • Vita segreta del signore di Bushū (武州公秘話, Bushukō hiwa, 1935)
    • I canneti (蘆刈, Ashikari, 1932)
    • La storia di Shunkin (春琴抄, Shunkinshō, 1933)
    • Libro d'ombra (陰翳礼讃, In'ei raisan, 1933)
    • La gatta, Shōzō e le due donne (猫と庄造と二人の女, Neko to Shōzō to futari no onna, 1936)
    • La chiave (鍵, Kagi, 1956)
    • Il ponte dei sogni (夢のうきは市, Yume no ukihashi, 1959)
    • Diario di un vecchio pazzo (瘋癲老人日記, Fūten rōjin nikki, 1962)
  • Morbose fantasie (美食倶楽部, Hakuchû kigo, 1918), a cura di Cinzia Mottola, Milano: SE 1994, ES (coll. "Piccola biblioteca dell'eros" n. 41) 1997, Feltrinelli (coll. "UEF" n. 1570 e 8100) 1999, Torino: Einaudi (coll. "ET" n. 1129) 2003
  • Storia di Tomoda e Matsunaga (友田と松永の話, Tomoda to Matsunaga no hanashi, 1926), a cura di Adriana Boscaro, trad. Elisabetta Procchieschi, Venezia: Marsilio (coll. "Tascabili" n. 63) 1994
  • Il veleno di Afrodite. Due racconti, trad. Emanuele Ciccarella, Milano: Garzanti 1984; contiene:
    • Fino ad essere abbandonato (Suterareru made, 1913)
    • Jotaro (Jōtarō, 1914)
  • Il demone (in due parti: Akuma e Zoku Akuma, 1912), trad. di Lydia Origlia, Milano: ES (coll. "Piccola biblioteca dell'eros" n. 31) 1995
  • Divagazioni sull'otium e altri scritti, a cura di Adriana Boscaro, Venezia: Cafoscarina 1995
  • La morte d'oro (金色の死, Konjiki no shi, 1916), a cura di Luisa Bienati, Venezia: Marsilio 1995
  • I piedi di Fumiko (富美子の足, Fumiko no ashi, 1919), a cura di Luisa Bienati, trad. Luisa Campagnol e Luisa Bienati, Venezia: Marsilio 1995
    • contiene anche Ave Maria (アヴェマリア, Ave Maria, 1923)
  • Il ponte dei sogni e altri racconti, a cura di Adriana Boscaro, Milano: Bompiani 1995; contiene:
    • Adolescenti (少年, Shōnen, 1911)
    • I canneti (蘆刈, Ashikari, 1932)
    • La storia di Shunkin (春琴抄, Shunkinshō, 1933)
    • Il ponte dei sogni (夢のうきは市, Yume no ukihashi, 1959)
  • Yoshino (吉野葛, Yoshino kuzu, 1931), a cura di Adriana Boscaro, Venezia: Marsilio, 1998
  • Nostalgia della madre, a cura di Lydia Origlia, Milano: SE 1999, Torino: Einaudi (coll. "ET" n. 1290) 2004, contiene:
    • La tristezza di un eretico (異端者の悲しみ, Itansha no kanashimi, 1928)
    • I due novizi (二人の稚児, Futari no Chigo, 1918)
    • Nostalgia della madre (母を戀ふる記, Haha wo kouru ki, 1924)
  • Storie di Yokohama. Tre racconti, a cura di Luisa Bienati, Venezia: Ca' Foscari, 2011; contiene:
    • La gente del porto (港の人々, Minato no hitobito, 1923)
    • Il fiore blu (青い花, Aoi hana, 1922)
    • Ave maria (アヴェマリア, Ave Maria, 1923)
  • Sulla maestria (Geidan, 1933), a cura di Gala Maria Follaco, Milano: Adelphi (coll. "PBA" n. 659), 2014

Principali adattamenti cinematografici[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

(EN) Jun'ichirō Tanizaki in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.

Controllo di autorità VIAF: 95021658 LCCN: n80153940