Tame Impala

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tame Impala
I Tame Impala al V Festival a Perth nel 2009.
I Tame Impala al V Festival a Perth nel 2009.
Paese d'origine Australia Australia
Genere Rock psichedelico
Neopsichedelia
Space rock
Dream pop
Periodo di attività 2007in attività
Etichetta Modular Recordings
Album pubblicati 2
Studio 2
Sito web

I Tame Impala sono un gruppo rock psichedelico proveniente da Perth, in Australia. Il gruppo è sostanzialmente il progetto psichedelico del chitarrista e cantante Kevin Parker. Il loro nome è collegato all'impala, un'antilope di medie dimensioni che vive in Africa[1]. La band, nel cui sound si ritrovano numerose influenze, si definisce come «rock band hypno groove dal continuo fluire psichedelico che enfatizza una melodia onirica».[2]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

I Tame Impala nascono dalla band blues/jazz/psichedelico del leader Kevin Parker, i Dee Dee Dums. I componenti della band sono Kevin Parker (batteria e voce) e Luke Epstein (chitarra). La band ottiene il secondo posto all'Amp Fest 2005 (la "battaglia delle band" australiana) e ottiene il terzo posto al The Next Big Thing (competizione della BBC stile X Factor) dello stesso anno. Nell'ottobre del 2006 Epstein viene sostituito da Sam Devenport e diventa il batterista dei Sugarpuss. Nel 2007 la band si ribattezza Tame Impala e introduce un nuovo batterista: decidono così di adottare il classico modulo chitarra/basso/batteria. Nel 2008 la band firma un contratto con l'etichetta indipendente Modular Recordings. La firma è ben presto seguita dalla pubblicazione dell'EP Tame Impala. Ci fu una certa confusione all'epoca dell'uscita siccome molti credevano che il disco si chiamasse Antares Mira Sun perché nella copertina, realizzata da Kevin Parker, si vedeva una lezione di astronomia con il confronto delle tre stelle in discussione.

Nel 2010 il gruppo pubblica l'album d'esordio Innerspeaker che ottiene un buon successo commerciale, raggiungendo il 4º posto nella classifica degli album più venduti in Australia.[3]

Nel 2012 viene pubblicato il secondo album, Lonerism, che in ottobre entra nella classifica italiana in 80ª posizione.[4]

Membri[modifica | modifica sorgente]

Dal vivo[modifica | modifica sorgente]

  • Kevin Parker – voce, chitarra, kazoo (2007–presente)
  • Jay "Gumby" Watson – batteria, cori (2007–2011); sintetizzatore, cori, chitarra (2012–presente)
  • Dominic Simper – basso (2007–2010); chitarra, sintetizzatore (2010–presente)
  • Cam Avery – basso (2013–presente)
  • Julien Barbagallo – batteria, cori (2012–presente)

Studio[modifica | modifica sorgente]

  • Kevin Parker – voce, chitarra, basso, batteria, tastiera
  • Jay Watson – batteria, tastiera, chitarra
  • Dominic Simper – percussioni, basso, chitarra, effetti sonori

Ex-componenti[modifica | modifica sorgente]

  • Nick "Paisley Adams" Allbrook – chitarra, tastiere (2009–2010); basso (2010–2013)

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album[modifica | modifica sorgente]

EP[modifica | modifica sorgente]

  • 2008 - Tame Impala [H.I.T.S. 003] - Hole in the Sky[6]
  • 2008 - Tame Impala EP[7]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

  • 2009 - Sundown Syndrome/Remember Me[8]
  • 2010 - Solitude is Bliss[9]
  • 2010 - Lucidity
  • 2010 - Expectation
  • 2011 - Why Won't You Make Up Your Mind
  • 2012 - Elephant
  • 2012 - Feels Like We Only Go Backwards
  • 2013 - Mind Mischief

Remix[modifica | modifica sorgente]

Remix Autore
End of Line Daft Punk
Why Won't You Make Up Your Mind Erol Alkan

Polemiche[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tame Impala, FasterLouder.com, 4 novembre 2008.
  2. ^ Rhys Merrett, Tame Impala, Luno, 27 novembre 2008.
  3. ^ australian-charts.com - Australian charts portal
  4. ^ [1]
  5. ^ Modular Spews, Modular People. URL consultato il 29 gennaio 2010.
  6. ^ Tame Impala, Spank Records. URL consultato il 22 giugno 2009. [collegamento interrotto]
  7. ^ ARIA Singles chart, ARIA, 9 febbraio 2009. URL consultato il 26 febbraio 2009.
  8. ^ Tame Impala : News, Tame Impala. URL consultato il 21 luglio 2009.
  9. ^ Solitude Is Bliss : Modular. URL consultato il 1º aprile 2010.
  10. ^ Non è un paese per Jovanotti | Rocklab.it v4 beta
  11. ^ Jovanotti e il video di 'Tutto l'amore che ho': interviene Paolo Soravia, Rockol, 23 dicembre 2010. URL consultato l'11 febbraio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock