Taihō Kōki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Taiho)
大鵬幸喜
Taihō Kōki
Dati biografici
Nome 納谷幸喜
Naya Kōki
Nazionalità Giappone Giappone
Altezza 187 cm
Peso 153 kg
Sumo Sumo pictogram.svg
Dati agonistici
Ritirato maggio 1971
Carriera
Heya Nishonoseki
Divisione
Debutto gennaio 1957
Promozione settembre 1956 Jonidan
settembre 1957 Sandanme
maggio 1958 Makushita
maggio 1959 Jūryō
gennaio 1960 Makuuchi
Yusho 32 Makuuchi
1 Jūryō
1 Sandanme
Sansho 2-spirito combattivo
1-tecnica
Kinboshi 1-Asashio
Record 872-181-136
Statistiche aggiornate al 19 gennaio 2013

Kōki (大鵬幸喜?), all'anagrafe Naya Kōki (in lingua giapponese: 納谷幸喜) (Sakhalin, 29 maggio 1940Tokyo, 19 gennaio 2013) è stato un lottatore di sumo giapponese.

È scomparso nel 2013 all'età di 72 anni a seguito di problemi cardiaci. Era sopravvissuto ad un infarto nel 1977[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Prima del debutto[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Russia nell'isola di Sakhalin da madre giapponese e padre ucraino, giovanissimo emigra con la madre in Hokkaidō, in Giappone.A 16 anni vuole interrompere gli studi per entrare nel mondo del sumo, ma si scontra con il parere opposto della madre. Sarà poi lo zio a convincerla.

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Combatte con il proprio nome fino alla promozione alla divisione professionistica dei Jūryōnel maggio del 1959 dove inizierà a usare la shikona Taihō (grande fenice).

Ingresso in makuuchi[modifica | modifica wikitesto]

Dopo poco più di tre anni dal debutto nel gennaio del 1960 arriva la promozione in Makuuchi dopo aver vinto il torneo precedente fra i Jūryō. I progressi sono veloci e in soli cinque tornei conquista ben 3 sansho, una Kinboshi e la promozione a sekiwakesekiwake. Conclude l'anno nel migliore dei modi: vince il torneo guadagnandosi così la promozione ad ozeki per l'anno successivo. Nel 1962 diventa yokozuna iniziando a collezionare una serie quasi continua di yusho segnando il record storico di 32 rimasto imbattuto. È stato, inoltre, il primo lottatore di sumo del secondo dopoguerra a vincere sei tornei consecutivi, impresa che gli è riuscita ben due volte (a cavallo tra il 1962-1963 e tra 1966-1967). Questo record è stato poi battuto dai mongoli Asashoryu e Hakuhō, che ne hanno vinti 7 rispettivamente tra il 2004 ed il 2005 e il 2010 ed il 2011.

Tecniche più usate[modifica | modifica wikitesto]

Tra le kimarite, ovvero tecnica con cui il lottatore vince l'incontro, più frequentemente utilizzate abbiamo yorikiri, sukuinage e uwatenage.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ex-Sumo grand champion Taiho dies (en) Timesofmalata.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 29494105 LCCN: nr2006006766