Tahaa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo comune della Polinesia francese, vedi Tahaa (comune).
Tahaa
Uporu
Tahaa Bora-Bora.jpg
Geografia fisica
Localizzazione Oceano Pacifico
Coordinate 16°36′34″S 151°07′19″W / 16.609444°S 151.121944°W-16.609444; -151.121944Coordinate: 16°36′34″S 151°07′19″W / 16.609444°S 151.121944°W-16.609444; -151.121944
Arcipelago Isole Sottovento (Isole della Società)
Superficie 90,2 km²
Altitudine massima monte Ohiri
590 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Francia Francia
Collettività d'oltremare Polinesia Francese Polinesia Francese
Suddivisione amministrativa Isole Sottovento
Centro principale Patio
Demografia
Abitanti 5003 (2007)
Densità 55,47 ab./km²
Cartografia
Tahaa and Raiatea topographic map-fr.svg
Mappa di localizzazione: Polinesia francese
Tahaa

[senza fonte]

voci di isole della Francia presenti su Wikipedia

Tahaa (Taha'a in lingua taitiana; chiamata in passato Uporu dai nativi) è un'isola facente parte dell'arcipelago delle Isole della Società, precisamente nel gruppo delle Isole Sottovento, nell'Oceano Pacifico. Amministrativamente è ricompresa nella Collettività d'Oltremare della Polinesia francese e costituisce un comune francese (capoluogo Patio) del dipartimento d'Oltremare delle Isole Sottovento.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Tahaa svetta dalle acque del Pacifico a nord della vicinissima isola di Raiatea: appena 4 km di mare, formanti la Baia di Apu, separano le due isole, che condividono la barriera corallina. Secondo una leggenda polinesiana, Tahaa e Raiatea sarebbero state divise dal colpo di coda di un'anguilla posseduta dallo spirito di una principessa[1].

A circa 17 km a nord-ovest sorge invece Bora Bora, la più vicina delle altre Isole Sottovento.

Tahaa ha una forma pressoché circolare, intervallata però da profonde insenature: trattasi, a sud-ovest, della baia di Hurepiti e, ad est, delle baie di Raei, Fahaa e Haamene.

Flora e fauna[modifica | modifica wikitesto]

Tahaa è ricoperta da una lussureggiante vegetazione, composta per lo più da palme da cocco.

Le sue acque pullulano di granchi, barracuda, squali grigi, napoleoni, delfini, ostriche e coralli[2].

Centri abitati[modifica | modifica wikitesto]

Patio è il principale centro dell'isola, Tiva è il maggiore porto. Tahaa non dispone invece di un aeroporto, potendo comunque contare su quello, assai vicino, di Uturoa, sull'isola di Raiatea.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Come gran parte delle isole polinesiane, Tahaa fonda la propria economia essenzialmente sulla pesca e sul turismo: sui motu (le sottili lingue di terra che svettano dalla barriera corallina) che la circondano, soprattutto a nord, sorgono numerosi hotel e villaggi turistici, consistenti in genere in fares, ovvero bungalow collegati tra loro da passerelle in legno.

Tahaa è molto rinomata nel mondo per la produzione della vaniglia, di cui copre circa l'80% dell'intera produzione polinesiana. Nell'isola si coltiva specificamente la varietà della Vanilla tahitensis, ottenuta dall'incrocio dei baccelli della Vanilla planifolia con quelli della Vanilla pompona. Nella sua aria è così inconfondibile l'aroma di vaniglia, che Tahaa è detta anche "isola della vaniglia"[3].

Un'altra fonte di reddito per i locali è la raccolta delle perle nere, facilitata dall'abbondanza di ostriche nelle baie dell'isola[4].

Grazie alla lussureggiante foresta di palme da cocco, un'attività molto importante per l'economia locale è anche la produzione della copra.

Tradizioni[modifica | modifica wikitesto]

Un'antica tradizione di Tahaa è la "pesca con il sasso" (tautai-taora in lingua locale), molto diffusa, soprattutto in passato, presso le isole dell'Oceania. I pescatori si collocano a coppia su diverse piroghe tutte allineate ad alcune decine di metri dalla costa, all'interno della barriera corallina: su ciascuna imbarcazione, un pescatore si colloca a prua e percuote la superficie marina con una grossa pietra legata ad una corda, mentre l'altro voga verso la costa. I pesci, spaventati dal rumore, fuggono verso la riva, a pochi metri dalla quale li attendono altri pescatori (solitamente delle donne). Questi, con le proprie gambe, ne impediscono la fuga e, a mano a mano che i pesci si avvicinano, li catturano a mani nude e li caricano su ceste o su altre piroghe. La pesca con il sasso a Tahaa si svolge oggi, per lo più, durante la festa di ottobre: per l'occasione le piroghe da pesca vengono ornate da ghirlande di tiarè, il tradizionale fiore polinesiano.[5]

A livello sportivo, Tahaa è, con Bora Bora, Raiatea e Huahine, una delle quattro isole tra le quali si svolge l'Hawaiki Nui Va'a, competizione internazionale di piroghe polinesiane (va'a).

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Isole della Società: Taha'a. URL consultato il 13-3-2009.
  2. ^ Tahaa. URL consultato il 13-3-2009.
  3. ^ Tahaa - the Vanilla Island. URL consultato il 13-3-2009.
  4. ^ Visit a pearl farm in Tahaa. URL consultato il 13-3-2009.
  5. ^ Jack London-La crociera dello Snark. URL consultato il 13-3-2009.