Tagaste

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Tagaste (toponimo berbero reso di norma in latino Thagaste) era una città africana, algerina, nota soprattutto per essere stata patria del filosofo sant'Agostino; si trova circa 70 km a sud-est di Annaba, l'antica Ippona, di cui Agostino fu vescovo.

Il nome attuale della città è Souk Ahras, moderno centro agricolo algerino. La città non ebbe mai eccessiva importanza; municipium romano, fece parte dell'Africa proconsolare, quindi della Numidia.

Tagaste viene già menzionata da Plinio (V,4,4). All'epoca di sant'Agostino, e fino al VII secolo, era la sede episcopale della Numidia. Sono noti tre vescovi di Tagaste:

  • san Firmino, menzionato dal Martirologio romano;
  • sant'Alipio, l'amico di Agostino;
  • san Gennaro.

Gli adepti della dottrina agostiniana vengono da tutto il mondo a raccogliersi presso un olivo secolare sotto il quale, secondo la tradizione, il santo passava molte ore a meditare all'alba e al tramonto.

L'olivo è situato su una collina che domina la città antica, oggi scomparsa. Vi si trovano alcune statue intagliate nel marmo o in un calcare più grossolano, oltre a pietre che recano incise iscrizioni latine. Sono stati portati alla luce anche i resti di una basilica.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]