Taeniolabidoidea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Taeniolabidoidea
Immagine di Taeniolabidoidea mancante
Stato di conservazione
Status none EX.svg
Estinto
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
(clade) Mammaliaformes
Classe  ?Mammalia
Superordine Allotheria
Ordine Multituberculata
Sottordine Cimolodonta
Superfamiglia Taeniolabidoidea
Famiglia Taeniolabididae
Nomenclatura binomiale
Taeniolabidoidea
Granger & Simpson, 1929
Generi

Catopsalis
Lambdopsalis
Prionessus
Sphenopsalis
Taeniolabis


Taeniolabidoidea è una superfamiglia di mammiferi estinti che vissero in Nord America e Asia. furono i membri più grandi dell'ordine dei Multituberculata. Lambdopsalis fornisce persino la prova fossile dell'esistenza di un mantello in un buono stato di conservazione per un animale di 60 milioni di anni. Alcuni di questi animali erano molto grandi per un periodo in cui vissero in cui i primi mammiferi primitivi ancora non avevano affinato le tecniche di autoregolazione del calore corporeo. Taeniolabis taoensis è il più grande Multitubercolato conosciuto. La loro taglia media e probabilmente anche il loro peso erano comparabili a quelle di un castoro, fino a circa 30 kilogrammi.

Inizialmente questo gruppo venne classificato come un sottordine, prima che le venisse assegnato il grado di Superfamiglia da McKenna e Bell nel 1997 (vedi Kielan-Jaworowska & Hurum (2001) p. 391-392) e limitato finora alla famiglia dei Taeniolabididae. Alcuni dei fossili sono ben conservati. Catopsalis è conosciuto dal Cretaceo superiore del Canada, sebbene questa famiglia sia meglio rappresentata dagli strati del Paleocene.

Le caratteristiche più marcate derivate dall'apomorfia del taxon comprendono:

  • Muso corto e largo con la parte anteriore dell'osso zigomatico diretta trasversalmente, risultante in una forma del cranio "quadrata" (condivisa dai Kogaionidae)
  • Osso frontale piccolo, appuntito posteriormente, quasi o completamente escluso dalla parete dell'orbita oculare (Kielan-Jaworowska and Hurum 2001, p. 417).

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]


Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Kielan-Jaworowska Z. and Hurum J.H., "Phylogeny and Systematics of multituberculate mammals". Paleontology 44, p. 389-429, 2001.
  • McKenna M.C. and Bell S.K., (1997), Classification of Mammals Above the Species Level. Columbia University Press, 1997.
  • Zofia Kielan-Jaworowska, Richard L. Cifelli, Zhe-Xi Luo (2005). "Mammals from the age of dinosaurs : origins, evolution, and structure" p. 300-349. ISBN 0-231-11918-6