Chaerephon gallagheri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Tadarida gallagheri)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Chaerephon gallagheri
Immagine di Chaerephon gallagheri mancante
Stato di conservazione
Status none DD.svg
Dati insufficienti[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Molossidae
Sottofamiglia Molossinae
Genere Chaerephon
Specie C.gallagheri
Nomenclatura binomiale
Chaerephon gallagheri
Harrison, 1975
Areale

Chaerephon gallagheri distribution.svg

Chaerephon gallagheri (Harrison, 1975) è un Pipistrello della famiglia dei Molossidi endemico della Repubblica Democratica del Congo.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Pipistrello di piccole dimensioni, con la lunghezza totale di 77  mm, la lunghezza dell'avambraccio di 38 mm, la lunghezza della coda di 28 mm, la lunghezza del piede di 8,4 mm, la lunghezza delle orecchie di 19 mm.[3]

La pelliccia è corta. Il colore generale del corpo è brunastro. Il muso è ottuso con delle creste trasversali sul naso. Il labbro superiore ha 5 pieghe ben distinte su ogni lato ed è ricoperto da alcune setole spatolate. Le orecchie sono relativamente grandi, unite lungo il margine anteriore attraverso una membrana che si estende centralmente fino a formare una sacca triangolare con i bordi convessi. Sotto di essa è presente un lobo bulboso che si estende in avanti fino alla punta del muso e che ha all'interno una sacca con l'apertura posteriore e due pieghe cutanee verticali che si estendono posteriormente e si uniscono sulla testa. All'interno della sacca è presente un cresta di lunghi peli marroni scuri. Il trago è piccolo ma non nascosto dietro l'antitrago, il quale è ben sviluppato e rettangolare. Le membrane sono nere-grigiastre. La coda è lunga e tozza e si estende per più della sua metà oltre l'uropatagio. Il cranio presenta degli insoliti rigonfiamenti che circondano l'apertura nasale.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre di insetti.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è conosciuta soltanto dall'olotipo, un maschio adulto catturato presso il villaggio di Scierie, sulle rive occidentali del Fiume Congo, nella Repubblica Democratica del Congo centrale.

Vive probabilmente nelle foreste secondarie decidue.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, considerata la mancanza di informazioni recenti sull'areale, i requisiti ecologici, le minacce e lo stato di conservazione, classifica C.gallagheri come specie con dati insufficienti (DD).[1]

La Società Zoologica di Londra, in base ad alcuni criteri evolutivi e demografici, la considera una delle 100 specie di mammiferi a maggior rischio di estinzione.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Mickleburgh, S., Hutson, A.M., Bergmans, W. & Cotterill, F.P.D. 2008, Chaerephon gallagheri in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Chaerephon gallagheri in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Happold & Happold, 2013, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Meredith & David C.D.Happold, Mammals of Africa. Volume IV-Hedgehogs, Shrews and Bats, Bloomsbury, 2013. ISBN 9781408122549

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi