Tabbouleh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tabbouleh
Flickr - cyclonebill - Tabbouleh.jpg
Origini
Luoghi d'origine Libano Libano
Siria Siria
Turchia Turchia
Palestina Palestina
Diffusione Vicino oriente
Dettagli
Categoria antipasto
Ingredienti principali bulgur
prezzemolo
cipollotti
menta
pomodoro
cetrioli
succo di limone
 

Il Tabbouleh o Tabulè (in arabo: تبولة; anche taboleh o tab(b)uli) è una pietanza araba del Vicino Oriente, appartenente alla cucina levantina. Consiste in un'insalata a base di bulgur, con prezzemolo, cipollotti e menta tritati fini e con pomodoro e cetrioli a tocchettini, il tutto condito con succo di limone e olio d'oliva. Durante il pasto è normalmente servito all'inizio nell'ambito delle Meze.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il termine Tabbūle deriva dall'arabo levantino. Il significato di questa parola in questa lingua è quello di "leggermente speziato".

Varianti regionali[modifica | modifica sorgente]

Originario delle montagne della Siria e del Libano[1], il tabbouleh è diventato l'insalata più diffusa nella cucina mediorientale[2].

Nel mondo arabo ed in particolare in Siria è normalmente servito fra le Meze[3][4] e guarnito con della lattuga[5].

La variante libanese utilizza più prezzemolo che bulgur, mentre nelle varianti siriana e palestinese questo secondo elemento è presente in quantità predominante.

Esiste una variante nella cucina turca di questo piatto, conosciuta come kısır, mentre un analogo piatto nella cucina armena è noto come eetch. A Cipro, dove il piatto è stato introdotto dai libanesi, è noto come tambouli.

In Libano, la cultivar di grano salamouni, coltivata nella regione di Hawran, nei monti e nella Valle della Beqa' e Baalbek era considerata nel XIX secolo come la migliore per realizzare il bulgur per la preparazione del tabbouleh[6].

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Madison Books, 1,001 Foods to Die For, Andrews McMeel Publishing, 2007, p. 172, ISBN 9780740770432.
  2. ^ Basan, 2007, p. 180-181
  3. ^ Wright, 2001, [http://books.google.ca/books?id=tka838efZvkC&pg=PA250&dq=parsley+salad+origins&lr=#v=onepage&q=&f=false p. 251
  4. ^ Arthur L. Meyer, Jon M. Vann, The Appetizer Atlas: A World of Small Bites, John Wiley and Sons, 2003, p. 353
  5. ^ Terry Carter, et al., Syria and Lebanon, Lonely Planet, 2004
  6. ^ Nabhan, 2008, pp. 77-78

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ghillie Basan, The Middle Eastern Kitchen, Hippocrene Books, 2007, ISBN 0781811902, 9780781811903 .
  • Patricia Caplan, Food, health, and identity, Illustrated, Routledge, 1997, ISBN 0415156807, 9780415156806 .
  • Gary Paul Nabhan, Where our food comes from: retracing Nikolay Vavilov's quest to end famine, Illustrated, Island Press, 2008, ISBN 1597263990, 9781597263993 .
  • Clifford A. Wright, Mediterranean vegetables: a cook's ABC of vegetables and their preparation in Spain, France, Italy, Greece, Turkey, the Middle East, and north Africa with more than 200 authentic recipes for the home cook, Illustrated, Harvard Common Press, 2001, ISBN 1558321969, 9781558321960 .
  • Wilbur Zelinsky, The enigma of ethnicity: another American dilemma, Illustrated, University of Iowa Press, 2001, ISBN 0877457506, 9780877457503 .

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina