TD Overdrive

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Test Drive Overdrive: The Brotherhood of Speed
Titolo originale TD Overdrive
Sviluppo Midway Studios – Newcastle
Pubblicazione Atari
Data di pubblicazione PlayStation 2 & Xbox
NA27 maggio 2002
UE 5 luglio 2002
Windows
NA 8 dicembre 2002
Genere Simulatore di guida
Piattaforma PlayStation 2, Xbox, Windows

TD Overdrive è un videogioco sviluppato da Atari e pubblicato da Pitbull Syndacate nel 2002.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia vede coinvolto il pilota clandestino Dennis Black tentare di recuperare la propria vettura, una Dodge Viper GTS-R Concept, dalle mani di un suo rivale, tale Vasily Raskolnikov. Per questo motivo sraà costretto ad affrontare street racer illegali di varie nazionalità tra le strade di quattro diverse città, San Francisco, Tokyo, Londra e Montecarlo.

Gameplay[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alla modalità principale che si dipana su quarantacinque capitoli, vi sono anche la modalità corsa rapida, drag race e inseguimento (in cui si possono guidare alcune vetture sbloccate nella versione della polizia).

Durante la maggior parte delle competizioni, il giocatore, oltre che dagli avversari e dal traffico, sarà ostacolato da varie volanti della polizia e dal cronometro che segna un conto alla rovescia entro il quale concludere la gara.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco è stato molto apprezzato per la realizzazione grafica dei percorsi, delle vetture e per il sonoro, il quale riproduce fedelmente i motori delle auto che compaiono durante il gioco.[1] Giudicato bene è anche il realismo del comportamento in strada delle vetture, il quale però ha una forte limitazione in quanto il danneggiamento delle vetture non viene simulato, provocando delle reazioni fisiche durante gli incidenti pesantemente irrealisiche.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Redazione Games.it, TD Overdrive, 28 febbraio 2002.
  2. ^ Stefano Castelli, TD OVERDRIVE: LE BANDE DELLA VELOCITÀ in Videogame.it, 29 luglio 2002.
videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi