T30 (carro armato pesante)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
T30
T30 Heavy Tank.JPG
Descrizione
Tipo Carro armato pesante
Equipaggio 6 (T30)
4 (T58)
Data impostazione 1945
Data primo collaudo 1947
Utilizzatore principale Stati Uniti Stati Uniti
Esemplari Poche unità
Altre varianti T30E1
T30E2
T58
Dimensioni e peso
Lunghezza 11,57 m (T30)
10 m (T58)
Larghezza 3,8 m (T30)
3,63 m (T58)
Altezza 3,2 m (T30)
3,17 m (T58)
Peso 65,8 t (T30)
59,9 t (T58)
Propulsione e tecnica
Motore 1 Continental AV1790-3 raffreddato ad aria
Potenza 704 CV (525 kW) (T30)
810 CV (600 kW) (T58)
Rapporto peso/potenza 10 CV/tonnellata
Sospensioni sospensioni a barre di torsione
Prestazioni
Velocità max 32 km/h (T30)
35,2 km/h (T58)
Armamento e corazzatura
Armamento primario 1 cannone da 155 mm T7 gun L/40 (T30)
1 cannone da 155 mm T7E1 L/40 (T30E1)
1 cannone da 155 mm T180 L/40 (T58)
Armamento secondario 1 mitragliatrice da 7,62 mm

[senza fonte]

voci di carri armati presenti su Wikipedia

Il carro armato T29 fu un progetto di carro armato pesante americano sviluppato durante la seconda guerra mondiale per contrastare i nuovi carri armati tedeschi. Il T30 fu progettato contemporaneamente al T29. I primi modelli iniziarono ad essere costruiti nell'aprile del 1945 e furono consegnati nel 1947.[1] Il cannone principale sparava munizioni semi-fisse.

Una variante progettata, il T30E1, aveva un boccaporto supplementare per l'espulsione degli involucri delle granate.[2] Un'altra variante di questo carro armato era il T30E2. I proiettili[3] del T30 pesavano circa 61 kg in totale: 43 kg di proiettile e 18 kg di propellente. Questo rendeva molto difficoltoso il trasporto e il caricamento delle testate.[4]

Una variante progettata nel periodo post-bellico era il T58, in cui la torretta convenzionale fu sostituita con una nuova versione che permise l'implementazione di un sistema di caricamento automatizzato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Il T30 di Fort Knox
  2. ^ (EN) Il prototipo di T30
  3. ^ munizioni semi-fisse
  4. ^ (EN) L'evoluzione dei cannoni e dei carri armati