Virus di Resident Evil

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da T-Virus)

1leftarrow.pngVoce principale: Resident Evil.

Uno degli elementi principali della serie di Resident Evil è la creazione e la diffusione di vari virus. Questi virus sono creazioni della multinazionale farmaceutica Umbrella Corporation, la quale cerca di usarli per creare Armi Bio Organiche (A.B.O.).

Questa pagina costituisce la lista e la descrizione di tutti i virus immaginari scoperti e/o menzionati in Resident Evil (eccetto Las Plagas e il parassita Sanguisuga).

Tipi di virus[modifica | modifica sorgente]

Virus Progenitor[modifica | modifica sorgente]

Il virus Progenitor (Progenitor virus) anche conosciuto come il Virus Madre (Mother Virus) e Founder Virus in traduzioni alternative, è il virus antecedente al virus t.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il virus Progenitor[1] fu il primo virus mutagenico mai scoperto e divenne la base dalla quale l'Umbrella Corporation iniziò la ricerca più fruttuosa, che durò per decenni, per la creazione della migliore arma bio-organica. Il virus Progenitor fu scoperto da lord Edward Ashford, Lord Ozwell E. Spencer e il Dr. James Marcus durante uno dei loro viaggi in Africa, dopo aver scoperto l'esistenza di un fiore speciale chiamato Scala verso il Sole, che secondo le leggende era infettato da "un antico virus" in grado di donare forza e vigore a coloro che se ne cibavano. Decisero quindi di raccoglierne un campione, ipotizzando che avesse delle proprietà speciali. Dopo aver individuato il fiore, la squadra di ricercatori assoldata da Spencer fu in grado di ricavare il virus Progenitor da esso, e La squadra continuò ad approfondire gli studi sul virus negli anni seguenti. Dopo la sperimentazione da parte del Dr. James Marcus, la Umbrella Corporation fu poi fondata dai tre, con Spencer come il più interessato alla fondazione della compagnia, per nascondere le ricerche che speravano di portare avanti.

Il Dr. Marcus comunque era più interessato agli effetti che il virus avrebbe prodotto quando veniva esposto a diversi organismi, Spencer pianificava invece l'utilizzo del virus per le applicazioni militari mentre il Dr. Ashford cercava di portare attraverso il virus Progenitor progressi nello studio medico e scientifico. Classificato come un virus a RNA, il suo effetto sul codice genetico degli ospiti mammiferi, come l'uomo, era una rapida e incontrollabile mutazione, ma le mutazioni non erano sufficienti per produrre esperimenti efficaci. Negli ospiti con una struttura genetica meno complessa dell'uomo, nello specifico animali non-mammiferi come insetti e anfibi, spesso si manifestava un incremento della aggressività e una crescita rapida. In ogni caso, i risultati non erano adatti per i piani dell'Umbrella, dando come risultato soggetti non idonei e troppo scoordinati per essere usati come armi bio-organiche.

Marcus, Spencer e Ashford divennero sempre più ossessionati sulle possibilità che il virus Progenitor poteva offrire, questa fissazione portò successivamente a una svolta oscura. I primi soggetti umani ad essere infettati furono Lisa Trevor e sua madre, Jessica, alle quali fu somministrato il virus il 10 novembre del 1967. A Jessica fu dato la variante di tipo-A e, dopo alcuni test, venne uccisa da sua figlia Lisa. Lisa venne in contatto con la variante di tipo-B e con un estratto del virus Progenitor, il Parassita NE-Alpha, subendo diverse mutazioni, diventando estremamente aggressiva, soffrendo di un drammatico declino dell'intelligenza e un'orribile deformità fisica. Lisa divenne così il fulcro degli esperimenti della Umbrella per 30 anni successivi. Il Dr. Ashford, che aveva grandi speranze nella ricerca sul virus, morì a causa di un'accidentale esposizione al virus Progenitor nel 1968, quando aveva 62 anni.

Le origini del virus Progenitor sono rivelate in Resident Evil 5, dove Chris Redfield e Sheva Alomar, in missione in Africa, scoprono un terreno che produce un fiore particolare, chiamato Scala verso il Sole, accanto al quale sorge un laboratorio Umbrella abbandonato, che fu costruito da Lord Spencer anni prima, all'epoca della scoperta del fiore e del virus Progenitor in esso contenuto. È proprio mentre si inoltrano nel laboratorio abbandonato per cercare indizi che i due scoprono che il virus Progenitor ha origine proprio in quei fiori.

Albert Wesker fu l'unico essere umano in grado di sostenere il virus Progenitor, ricevendo dal virus abilità formidabili ed impareggiabili da qualsiasi normale essere umano, come una velocità che lo rende capace di evitare i proiettili e di sferrare colpi mortali con la forza sovrumana dei suoi pugni e calci. Il virus ha causato il cambiamento del colore dei suoi occhi in arancione, perciò Wesker nasconde gli occhi con degli occhiali scuri.

Nascita del Virus T[modifica | modifica sorgente]

James Marcus combinò il virus Progenitor con il DNA di sanguisuga, creando il virus t nel 1977. I due più valenti (e ironicamente i più fidati) assistenti del Dr. Marcus, William Birkin e Albert Wesker, nel 1988 assassinarono Marcus su richiesta del suo partner e co-fondatore, Lord Spencer, e continuarono la sua ricerca nella isolata base di Arklay. Qui, sotto la supervisione di Spencer, il Dr. Birkin continuò gli esperimenti su Lisa Trevor con nuove varianti del virus t. Questi esperimenti condussero alla creazione del Virus G poco tempo più tardi, creato con il mix tra la variante di tipo-B del virus Progenitor e uno degli innumerevoli esperimenti fatti su Lisa con il parassita NE-Alpha, introdotto nel suo corpo.

L'unico modo per distruggere queste forme virali è la somministrazione al paziente di diversi prototipi di anti-virus creati apposta, per combattere sia gli effetti del 'Tyrant' che del 'G' Virus. Sarebbe da notare che questi agenti anti-virali hanno effetto solo nei soggetti che non hanno raggiunto una infezione critica. In ogni caso questi anti-virus sono conosciuti per essere rari, e non è altro che una cura non ancora completa, considerando la rapidità delle mutazioni sia del "T" che del "G" virus.

Virus T[modifica | modifica sorgente]

Il Virus Tyrant, o virus T, venne creato in labotatorio da James Marcus il 19 settembre del 1977 nell'Arklay Laboratory. Il virus t è una combinazione tra il virus Progenitor e il DNA delle sanguisughe. Marcus, dopo aver infettato una sanguisuga col virus Progenitor, scoprì una nuova forma virale, che venne ribattezzata "T", abbreviazione di Tyrant. La fotosensibilità dalla sintesi del virus Progenitor con Ebola fu rimpiazzata dalla pirosensibilità (sensibilità al fuoco).

L'Umbrella condusse numerosi esperimenti sul virus, sviluppando poi un'arma biologica. Quando trova un ospite compatibile, il virus t ne aumenta le dimensioni, la forza, la velocità e l'agilità. Solo tre persone su dieci hanno la probabilità di sviluppare il virus. Questo è dovuto alla presenza del Beta Hetero Nonserotonina, un ormone speciale che è prodotto dal cervello dei ragazzi in età puberale. Si tratta di un ormone molto raro scoperto da Vincent Goldman, uno scienziato della Sheena Island, la seconda Raccoon City e la Tyrant factory dell'Umbrella.

Il virus t all'aspetto sembra un liquido di colore verdastro. È una proteina a struttura cristallina munita di DNA proprio, il quale se inserito all'interno di una cellula ospite si sostituisce al DNA originale, alterando così le funzioni cellulari di routine. Terminata la fase di infezione, la cellula inizia a produrre e rilasciare il virus, infettando così le cellule contigue. Il virus inoltre sostituisce i mitocondri delle cellule infette con una copia di sé stesso, dopo averli distrutti. In seguito il virus si combina con altre cellule così da creare energia sufficiente per stimolare i neuroni motori ed il mielencefalo. Il virus bypassa l'intero sistema circolatorio, tanto da far diventare il cuore un organo inutile.

Se l'ospite dovesse risultare vivo all'atto di infezione del virus, tutte le principali funzioni dell'encefalo superiore verrebbero distrutte, lasciando intatta solamente la parte per il controllo comportamentale. Il comportamento dell'ospite, tuttavia, presenta tanta aggressività da sembrare un animale. Il virus prosegue poi danneggiando l'ipotalamo, permettendo così la creazione di un afflusso anormale di neurotrasmettitori, enzimi ed ormoni. Questi effetti, combinati con i dolori sintomi dell'infezione, inducono l'ospite in una fame chimica oltre ad una rabbia psicotica, alterandone così la normale aggressività. L'ospite diventa in questo modo uno "zombie".

Alternativamente, se l'ospite dovesse essere morto durante l'infezione del virus t, verrebbe prodotta l'energia necessaria per il funzionamento della corteccia inferiore, responsabile degli istinti primari come cibarsi e camminare.

Nel caso in cui un ospite in fase zombie venisse colpito dai proiettili, il corpo cadrebbe al suolo mostrandosi apparentemente morto. In seguito, il portatore, grazie al virus t, muterà rapidamente oltre a diventare iperattivo. Nell'arco di un'ora gli interi sistemi scheletrici e muscolari verranno ricostruiti ancora più resistenti di prima con l'aggiunta di artigli e canini aguzzi; inoltre il colore della pelle diventerà più rosso per via delle infiltrazioni di sangue all'interno della carne in decomposizione, e gli occhi diventeranno di colore biancastro. Per svegliarsi il cervello deve essere lentamente riportato in una fase di coscienza, cosa che comporta un incremento delle capacità di analisi, dell'agilità e della aggressività dell'ospite. Come conseguenza indiretta della rapida mutazione, la divisione cellulare raggiunge in punto critico nel quale l'ospite non è più in grado di rigenerarsi e può essere definitivamente reso innocuo. I ricercatori dei laboratori Arklay della Umbrella hanno definito questo stadio con il nome V-ACT, anche se la denominazione più comune è quella di Testa Cremisi.

Una dose supplementare di virus t su di un ospite in fase zombie comporta la trasformazione in "licker", la quale è molto più di una versione migliorata della mutazione V-ACT. In questo stadio, l'ospite ottiene una lunga lingua con la quale può penetrare le vittime, oltre ad enormi artigli. La pelle tende a disgregarsi, rilevando così i muscoli superficiali ed esponendo il cervello all'ambiente. Il "licker" può anche derivare da un V-ACT dopo ore di mutazione ininterrotta.

La Umbrella ha creato anche un composto chimico sperimentale, variante del virus t, denominato T-JCCC203. Fu somministrato a due persone: Doug Frost e Dorothy Lester. Il cancro di Doug fu eliminato con successo, ma il virus gli tolse la vita poco dopo. La salute di Dorothy migliorò notevolmente dopo l'assunzione del virus, tanto da non necessitare più del respiratore. Purtroppo, divenne uno zombie. Esistono anche delle droghe derivate dal virus t vendute dalla Drugs Inc., una azienda utilizzata dalla Umbrella per le sue ricerche illegali.

Dal momento che la produzione di Tyrant era estremamente limitata, la Umbrella creò altre varianti del virus t per permettere la creazione di Tyrant anche senza il bisogno di un particolare ospite, e per ridurre al minimo i danni cerebrali così da preservare in massima parte l'intelligenza del soggetto. Una di queste varianti fu la NE-T, la quale fu usata da una filiale parigina per la creazione di un parassita sperimentale denominato NE-Alpha. Grazie a questo parassita, la Umbrella riuscì ad ottenere ulteriori progressi come con il Tyrant T-103 (chiamato anche Mr.X) e il Tyrant di distruzione di massa, il Nemesis.

Il virus t infetta gli ospiti solo per iniezione diretta o tramite le lacerazioni causate da un soggetto già infettato dal virus t. Vi sono tuttavia casi noti di infezione tramite acqua od aria.

Vi sono tre possibili cure:

  1. Un vaccino creato da Douglas Rover della Umbrella Medical Service all'ospedale di Raccoon City;
  2. La Daylight (letteralmente: Luce del Sole), creata da Greg Muller e Peter Jenkins all'università di Raccoon City. Gli ingredienti sono Sangue T (un campione di sangue proveniente da un esemplare infetto), Veleno T (un campione di veleno proveniente da una vespa infetta) ed una Base P (una sostanza chimica sconosciuta che deve essere preparata prima della miscelazione). Il tempo di preparazione varia dai cinque ai sette minuti ed il tempo di duplicazione varia da trenta secondi ad un minuto;
  3. AT1521, un reagente sperimentale creato dagli scienziati della Umbrella nelle strutture ufficiali di Raccoon City.

Vi sono anche dei prototipi di anticorpi per il virus t utilizzati dai membri della U.B.C.S. durante l'epidemia a Raccoon City.

Virus T-Veronica[modifica | modifica sorgente]

Il virus t-Veronica è quello più usato in Resident Evil Code: Veronica, ed è il responsabile per la mutazione di molti nemici. Esiste una variante di questo virus chiamato virus t-Alexia, una forma diluita ottenuta durante il periodo di criogenesi nel suo ospite principale, Alexia Ashford.

Il virus t-Veronica fu creato da Alexia Ashford tramite una sintesi del virus Progenitor e il gene di una formica regina, contenente un "antico Virus". Lei somministrò una dose a suo padre Alexander, ma siccome l'infezione non fu controllabile, egli diventò instabile e irragionevole, trasformandosi in Nosferatu.

Questo la portò a scoprire che le mutazioni potevano essere controllate se assorbite lentamente durante la criogenesi. Come per il virus Progenitor e il virus t, la mutazione avviene rapidamente, ma con una differenza: l'infezione può essere controllata e l'intelligenza dell'ospite si può trattenere, a patto che il virus sia assorbito lentamente in un lungo periodo di tempo: Alexia Ashford lo realizzò rimanendo in sonno criogenico per 15 anni, mentre il virus tentava di unirsi a lei ad un livello cellulare. La mutazione conferì ad Alexia alcune abilità come il sangue combustibile, il vomito, numerosi muscoli tentacolari, ma soprattutto l'abilità di esercitare il controllo mentale su un alveare di formiche, dalle quali fu appunto estratto il virus.

Sebbene il virus t-Veronica fosse uno strumento utile per gli scopi di transumanesimo, si rivelò essere debole come arma biologica, in quanto il livello di infezione era bassissimo, e quindi la mutazione era possibile solo tramite iniezione diretta.

Siccome Alexia era in grado di controllare gli organismi infettati dal T-Veronica, decise di spargere il virus tramite le formiche, diffondendolo tra animali ed umani, e potendo così avere il controllo mentale su innumerevoli esseri viventi sulla Terra.

Virus NE-T[modifica | modifica sorgente]

Il Virus NE-T è molto simile al virus t, ma è stato ideato specificamente per i progetti Tyrant.

L'Umbrella iniziò a chiedere delle B.O.W. (Bio-Organic Weapons, ossia armi biologiche) che fossero non soltanto forti, ma che fossero anche in grado di capire, apprendere ordini e portare a termine le missioni ad esse assegnate, mentre a causa della natura del Virus-T, tutte le B.O.W. progettate non erano in grado di soddisfare queste richieste. Il progetto fu diviso in due team: un team americano con a capo Birkin, che avrebbe dovuto lavorare sull'incremento della forza e delle abilità delle B.O.W. di scovare degli organismi particolari, ed un team Europeo impegnato a lavorare sull'intelligenza delle B.O.W.

I due Team arrivarono alla conclusione di dover effettuare l'esperimento su un soggetto. La squadra americana riuscì a sviluppare il virus NE-T, insieme al T-002, con i quali riuscirono ad impartire ordini semplici alle loro B.O.W. come "Contieniti" e "Attacca" ma la loro intelligenza non era sufficiente a coprire delle operazioni di campo.

In risposta a rapporti del fallimento del T-002, l'Umbrella cambiò il nome il progetto della squadra europea col titolo "Dea di Vendetta", o "Nemesis", e prefissò l'obiettivo di eliminare tutti gli elementi anti-Umbrella, in particolare la squadra S.T.A.R.S (vedi Resident Evil 3).

La squadra europea fece progressi con la creazione dell'NE-a, un organismo generato dal Virus NE-T che infettava il cervello dell'ospite. Successivi esperimenti, condussero alla creazione della B.O.W. T-103, meglio conosciuta col nome di "Mr.X", che però non sapeva usare le armi, cosa che la Umbrella voleva fortemente.

Furono così attuati numerosi esperimenti che portarono al maggiore successo della Umbrella, il Tyrant Nemesis. Questo modello unico di Tyrant eseguiva gli ordini dati dai ricercatori Umbrella tramite un microchip impiantatogli nell'encefalo. Sapeva inoltre usare le armi e possedeva due mutazioni. Era dotato inoltre di una maggiore intelligenza: riusciva a salire le scale, aprire le porte e pronunciare la parola S.T.A.R.S.

Virus G[modifica | modifica sorgente]

Il virus G è stato creato da William Birkin mischiando la variante di Tipo B del virus Progenitor e il NE-Alpha (quest'ultimo fu anche usato in molti esperimenti su Lisa Trevor).

Il virus G è molto più potente e pericoloso del virus T, infatti con esso non si creano mostri come gli zombi o i licker, ma vere e proprie armi biologiche che forse possono anche essere definite più forti dei Tyrant del virus T.

Gli esseri viventi infettati dal virus G impiegano molto meno tempo per trasformarsi di quelli infettati col virus T. Inoltre le creature generate dal virus G possiedono un'intelligenza rudimentale e non viene intaccata la memoria (come dimostrato dalle trasformazioni di William Birkin, il primo G-Tyrant). Le creature generate dal virus sono inoltre capaci di trasmettere in altri esseri viventi, in particolare non infetti, degli embrioni che però non provocano lo stesso effetto dell'iniezione diretta del virus G: questi embrioni non fanno infatti mutare il corpo di chi si appropriano, ma crescono all'interno di esso e al momento opportuno riescono fuori squarciando dall'interno il torace del portatore, che ovviamente muore, e in seguito crescono in brevissimo tempo all'esterno acquisendo forza, resistenza e capacità di trasmettere a loro volta altri embrioni.

Quindi, come si può notare, c'è una differenza tra virus T e virus G. Il primo trasforma l'infetto, il secondo lo trasforma (in un Tyrant) solo se infettato da iniezione diretta: se gli viene inserito un embrione nel corpo, questo viene usato solo per far crescere l'embrione stesso, fino a quando non ne avrà più bisogno.

I sintomi del virus G sono carenza di energie e bruciore elevato alla parte centrale del torace. Infine, mentre per il virus t viene creato un vaccino poco prima del 2005 dalla Will-Pharma, per il virus G ancora non esiste (o meglio, esisteva ma l'unico campione fu usato per guarire Sherry Birkin e i dati inerenti al vaccino vennero distrutti assieme alla città di Raccoon City).

Virus T+G[modifica | modifica sorgente]

Come si intuisce dal nome, questo virus è generato dalla fusione del virus T e del virus G. Questa sostanza fornisce l'ospite di entrambe le qualità dei due virus, come le proprietà elettriche.

Come si può osservare in Resident Evil Dead Aim, l'antagonista Morpheus Duvall subisce una mutazione istantanea entrando in contatto con il virus. Non si sa se è una caratteristica esclusiva di Morpheus o se è così per ogni ospite, il virus causa anche una mutazione sessuale: Morpheus infatti assume la forma di un Tyrant femminile, con i tacchi a spillo e una voce strana, che varia dai toni femminili a quelli maschili. Le proprietà di questo virus sono notevoli in quanto l'ospite mantiene la sua intelligenza, ha un'enorme velocità e risulta apparentemente invulnerabile alle armi normali e solo con un fucile a particelle è possibile danneggiarlo. Questo virus, prima di essere ultimato, ha creato il Tyran 91, ma poiché è privo delle capacità elettriche e il Tyran risulta lento e con un organo esposto fu ovviamente considerato un fallimento.

Virus Uroboros[modifica | modifica sorgente]

Il Virus Uroboros è un agente virale sviluppato da Albert Wesker in collaborazione con la Tricell, apparso in Resident Evil 5. Uroboros è frutto delle ricerche effettuate dalla Tricell sui campioni dei virus T, G, T-Veronica e Progenitor recuperati da Wesker nei vari capitoli della saga e da lui stesso consegnati ai ricercatori della Tricell, in particolar modo Excella Gionne. Uroboros ha la capacità di mutare un ospite specifico. Un ospite infetto il cui DNA risulta incompatibile con questo virus avverte diversi sintomi, tra cui un forte dolore, e dai suoi occhi comincia a colare un liquido nero simile a melma. Dopodiché, innumerevoli pustole nere simili a vermi fuoriescono dall'interno del corpo della vittima, legandosi ad essa e ad altri corpi nelle vicinanze per assumere le fattezze di una grande creatura composta da vermi che viene appunto denominata Uroboros.

Virus T-Cameron[modifica | modifica sorgente]

Il virus T-Cameron è un nome ipotetico dato ad una variante del virus T della dottoressa Cameron, che appare in Resident Evil D Executor. Questo Virus fu creato quando la dottoressa si iniettò un siero sperimentale per impedire la diffusione del virus t dal quale era stata infettata. Il suo corpo subì un drastico cambiamento per colpa del Virus, concedendole la capacità di cambiare le sue forme. Quando il suo corpo perse la vita entrò in atto un'altra capacità del Virus. Mentre veniva mangiata dagli insetti, si scoprì che la sua coscienza era stata codificata nelle sue cellule. A questo punto era diventata immortale, sempre a patto che avesse un ospite nel quale trasferire il suo DNA corrotto.

Lei utilizzò questo potere per trasferirsi in uno scarafaggio che stava divorando il suo ex corpo, poi in un ratto, in un corvo, ed infine in un membro dell'unità UBCS. Quando anche questo corpo fu distrutto, lei esegui una sorta di backup del suo DNA, che si inserì in un altro membro dell'unità UBCS, permettendole così la fuga da Raccoon City.

Virus T-Abyss[modifica | modifica sorgente]

Il virus T-Abyss è un virus che discende dal virus T ed è stato usato durante il panico di Terragrigia in Resident Evil: Revelations, ed è stato creato unendo il virus T della Umbrella con un virus presente nei pesci, cioè il virus Abyss.

Virus C[modifica | modifica sorgente]

Il virus C (o virus crisalide) è stato creato da Carla Radames, una ricercatrice di armi biologiche agli ordini di Derek Simmons, tramite la modifica del virus T-Veronica assieme al virus Progenitor, al virus G ed alle Plagas. Successivamente viene potenziato attraverso gli anticorpi del mercenario Jake Muller, che si rivela immune a questo agente virale, e con l'unione del virus G prelevato dal sangue dell'agente governativo Sherry Birkin. Il virus C è molto diverso dai sui predecessori della serie, dato che lascia all'infetto la maggior parte delle funzioni cognitive. Gli infetti del virus C prendono i nome di J'avo, sono in grado di combattere con armi da fuoco o armi bianche, e mostrano un comportamento molto aggressivo, anche se rimangono comunque obbedienti al loro capo. Inoltre se una loro parte del corpo viene danneggiata durante lo scontro essa si rigenera assai velocemente in una forma più orripilante e offensiva. L'aspetto più pericoloso del virus C è lo stadio crisalide: casualmente se un infetto muore, esso entra in questo stadio, rinchiudendosi in un bozzolo protettivo altamente resistente a qualsiasi danno (tranne attacchi di natura elettrica). Dopo un periodo di tempo più o meno lungo il bozzolo si schiude, facendo uscire una vera e propria B.O.W molto pericolosa.

Un'altra variante del virus C è una vettore areiforme più adatto agli atti terroristici in vasta scala. Gli infetti però non diventeranno J'avo, ma bensì Zombi similissimi a quelli prodotti dal virus T (escludendo le mutazioni successive). Questo gas è creato dalla creatura conosciuta come lepotitsa.

La versione definitiva del virus C, chiamata "Super Virus C" si basa invece sul virus originale e gli anticorpi ottenuti da Jake Muller. Questo ceppo differente dona all'individuo capacità straordinarie e di gran lunga più pericolose del virus C, senza minimamente intaccare l'intelligenza dell'infetto, almeno in un primo momento. Sono state create solamente tre dosi del seguente virus, e durante gli eventi di Resident Evil 6 sono state tutte rispettivamente utilizzate da: Piers Nivans (per salvare il suo capitano Chris Redfield) e Carla Radames (il clone di Ada Wong che utilizza due ceppi, uno su Derek C. Simmons per vendicarsi e uno su se stessa, per sopravvivere a morte certa)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.theevilproject.com/evil_virus.html