T-Amp

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il T-Amp è un amplificatore musicale prodotto dalla Sonic Impact che lavora in Classe D, sfruttando il chip TA2024 della Tripath, che realizza un'amplificazione in tecnologia Digital Power Processing (Switching) a frequenza molto alta (50 MHz), ribattezzata dal produttore Classe T. Tale dispositivo è stato oggetto di particolare interesse nel mondo della riproduzione in alta fedeltà date le sue caratteristiche di funzionamento e il costo estremamente ridotto.

Dispositivo[modifica | modifica wikitesto]

Il frontale, con il potenziometro del volume
Il retro, con i connettori di ingresso e uscita

Il dispositivo T-Amp offre un'amplificazione con potenza continua di 6 watt su due canali attestati su impedenza di 8 Ω, 9 W su una impedenza di 4 Ω; può funzionare a batterie (8 batterie di tipo AA), dispone di una sola connessione mini-jack per l'ingresso audio di linea, di una connessione per un alimentatore (12 volt; al massimo 14 volt) e di quattro connettori a molla per i cavi dei diffusori acustici.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

  • Potenza con batterie: 9 watt/canale su 4 ohm - 6 watt/canale su 8 ohm - 15 watt/canale con THD del 10%, su 4 ohm
  • Potenza con alimentatore esterno: 15 watt/canale su 4 ohm
  • THD: 0.04% (@ 1 kHz, 9 watt, 4 ohm)
  • Gamma dinamica: 102 dB
  • Peso: 300 grammi circa, batterie escluse
  • Dimensioni: 16 (L) x 10 (A) x 8 (P) (cm)
  • Alimentazione minima: 12 volt su 1 ampere
  • Alimentazione consigliata: 13,8 volt (alimentazione dei dispositivi radio-amatoriali) su 3 ampere

Prestazioni[modifica | modifica wikitesto]

L'elemento di maggior interesse riguardo a questo amplificatore è la elevata qualità sonora unita al costo irrisorio di acquisto: sull'onda del successo del T-Amp, riviste di alta fedeltà di tutto il mondo hanno prodotto recensioni, la maggior parte molto positiva sulla validità audiofila dell'oggetto, con qualche eccezione.

In particolare i suoi sostenitori affermano che questo amplificatore produce un suono con un'alta qualità timbrica, un dettaglio elevato e una ottima ricostruzione dell'immagine virtuale. Date le succitate peculiarità, il soprannome che i suoi sostenitori hanno utilizzato per questo amplificatore è l'"ammazza giganti", in quanto con una spesa irrisoria compete con apparecchi enormemente più costosi.[1]

Al contrario, i suoi detrattori sostengono che il suono del T-Amp non è in grado di riprodurre correttamente le frequenze sonore più basse, che l'immagine sonora è irrealistica (proiettata in avanti), che la componentistica di basso livello utilizzata influisce sulla qualità del suono finale. In certi casi, alcuni (rari) recensori si sono spinti fino a definire "fastidioso" il suono del T-Amp.

Tweaking[modifica | modifica wikitesto]

Numerosi appassionati di elettronica hanno implementato modifiche al T-Amp con l'intento di migliorarne le caratteristiche di amplificazione e la curva di risposta in frequenza: ad esempio, ad un ascolto attento[da parte di chi? Non esistono misure?], effettivamente[non chiaro] sembra[troppo vago per un'enciclopedia] che il T-Amp, se accoppiato con certi diffusori acustici, potrebbe mostrare un'attenuazione nelle frequenze più basse.

Su internet sono disponibili già decine di progetti amatoriali per studiare le metodologie di Tweaking e per migliorare soprattutto la componentistica, del T-Amp.

Super T-Amp[modifica | modifica wikitesto]

Esiste in vendita, sempre dal produttore Sonic Impact, anche una versione evoluta del T-Amp: il "Super T-Amp". Tale dispositivo è inserito in un corpo metallico e lo studio della disposizione dei componenti è eseguito in modo da ridurre le interferenze.

Questo dispositivo ha un costo maggiore rispetto al suo fratello minore e, riguardo all'effettivo miglioramento del risultato sonoro, le opinioni sono molto discordanti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Recensione del T-Amp su tnt-audio.com