Synthpunk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Synthpunk
Origini stilistiche Punk rock[1]
Krautrock[1]
New wave[1]
Origini culturali Stati Uniti, tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '80
Strumenti tipici chitarra, basso, batteria, sintetizzatore, drum machine, vocoder, tastiera
Popolarità Bassa
Generi derivati
Dance punk
Generi correlati
New wave - Post-punk - Industrial rock - Rock elettronico - Synth pop - Digital hardcore
Categorie correlate

Gruppi musicali synthpunk · Musicisti synthpunk · Album synthpunk · EP synthpunk · Singoli synthpunk · Album video synthpunk

Il synthpunk o electropunk è un genere musicale che unisce elementi di musica elettronica e punk.[1] Il termine fu coniato nel 1999 da Damian Ramsey, per descrivere un sottogenere del punk del periodo 1977–1984 nel quale erano utilizzati sintetizzatori al posto delle chitarre elettriche.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Ha avuto origine tra la fine degli anni '70 e i primi anni '80, durante i quali l'ondata punk rock stava ormai scemando e il punk rock tradizionale cominciò a incorporare svariate influenze. Infatti il termine synthpunk è stato usato per la prima volta nel 1999 da Damian Ramsey proprio per descrivere una corrente di artisti che presentavano questo stile nel periodo 1977-1984. Fra i pionieri che fusero il punk rock con la musica elettronica, i più degni di nota sono i Suicide, The Screamers[1] e i Devo, i quali poi saranno un punto di riferimento per molte bands successive. Altri gruppi di spicco sono i, Nervous Gender, The Units, Tone Set, Our Daughters Wedding e Voice Farm.

Il synthpunk, a lungo associato al post-punk e talvolta anche alla new wave, non è mai stato esposto nel mainstream; nonostante ciò, risulta ancora oggi un'importante fonte di ispirazione per molti generi di maggiore popolarità che sono arrivati più tardi, come ad esempio il dance punk.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e Scheda sul synthpunk di Rate Your Music
punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk