Sylvia Miles

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sylvia Miles, nome d'arte di Sylvia Reuben Lee (New York, 9 settembre 1932), è un'attrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlia di un fornitore, Reuben Lee, e di Belle Fellman-Lee, il cui matrimonio terminò con un divorzio, Sylvia Miles è nota, oltre che per la sua bravura artistica, anche per il suo carattere eccentrico: nel 1973, nel ristorante The Ginger Man di New York, rovesciò una pentola piena di pasta in testa a John Simon, critico del New York Magazine, dopo che lui stroncò una sua performance.

Sylvia Miles si è sposata, e divorziata, ben tre volte: nel 1948, a soli sedici anni, sposò William Miles, da cui divorziò nel 1950; tra il 1952 e il 1958 fu sposata con Gerald Price, un attore di scena; e nel 1963 sposò Ted Price, noto conduttore radiofonico di New York.

Il ruolo più famoso della Miles è quello di Cass in Un uomo da marciapiede, in cui interpreta una ricca signora dell'alta borghesia di New York che invita nel suo appartamente un giovane uomo (John Voight) per una breve avventura di sesso, inconsapevole del fatto che il ragazzo in questione è un mercenario di strada. Il ruolo, malgrado la sua brevità (la Miles ha una sola scena di 4 minuti e 45 secondi), le fece ottenere la sua prima candidatura all'Oscar come miglior attrice non protagonista nel 1970. Ricevette successivamente un'altra candidatura all'Oscar, sempre come miglior attrice non protagonista, per il film Marlowe, il poliziotto privato nel 1976.

Nel 1967 rifiutò il ruolo di Blanche Barrow in Gangster Story, mentre che nel 1982 prese parte nel ruolo di una produttrice di Broadway a Delitto sotto il sole, tratto da un romanzo di Agatha Christie, e nel 1987 recitò in Wall Street di Oliver Stone. Nel 1989 fece parte del cast del film She-Devil - Lei, il diavolo, con protagonista Roseanne Barr, dove ricoprì il ruolo della madre della scrittrice Mary Fisher, interpretata da Meryl Streep.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Premi[modifica | modifica sorgente]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica sorgente]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Sylvia Miles è stata doppiata da:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La sua nomina all'Oscar per il film Un uomo da marciapiede (1969) è la seconda performance più breve mai nominata all'Oscar recitando 4 minuti e 45 secondi. La prima è quella di Hermione Baddeley in La strada dei quartieri alti.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 68841911 LCCN: nr98013258

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie