Sylvère Lotringer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sylvère Lotringer

Sylvère Lotringer (Parigi, 1938) è un critico letterario e un teorico culturale francese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Giovane contemporaneo di Gilles Deleuze, Felix Guattari, Jean Baudrillard, Paul Virilio e Michel Foucault, Sylvère Lotringer è conosciuto soprattutto per aver sintetizzato il pensiero francese con la letteratura americana, i movimenti culturali e architettonici dell’avanguardia attraverso il suo lavoro con Semiotext(e); e per le sue interpretazioni del pensiero francese nel contesto del XXI secolo. Interprete delle teorie di Baudrillard, Lotringer ha creato il concetto di «extrapolazionismo» («extrapolationist») in quanto strumento per descrivere le iperboliche ma precise visioni-mondo condivise da Baudrillard e Paul Virilio.

Opere principali[modifica | modifica sorgente]

In inglese
  • The Accident of Art, 2005 (con Paul Virilio)
  • French Theory in America, 2001 (con Sande Cohen)
  • Pure War, 1997 (con Paul Virilio)
In francese
  • À Satiété, 2006
  • Oublier Artaud, 2005 (con Jean Baudrillard)
  • Fous d'Artaud, 2003

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 46925442 LCCN: n87914766