Sword Art Online

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Sword Art Online
light novel
Sword Art Online logo.png
Titolo originale Sōdo Āto Onrain
Autore Reki Kawahara
Disegni abec
Editore ASCII Media Works
1ª edizione 10 aprile 2009 – in corso
Collana 1ª ed. Dengeki Bunko
Volumi 14 (in corso)
Formato 10.6 cm × 14.6 cm
Rilegatura brossura
Pagine 520-280 circa
Censura no
Editore it. Edizioni BD - Jpop
Collana 1ª ed. it. Jpop Romanzi!
Volumi it. inedito
Sword Art Online: Aincrad
manga
Titolo originale Sōdo Āto Onrain: Aincuraddo
Autore Reki Kawahara
Disegni Tamako Nakamura
Editore ASCII Media Works
1ª edizione settembre 2010 – maggio 2012
Collana 1ª ed. Dengeki Bunko Magazine
Tankobon 2 (completa)
Formato 12 cm × 18 cm
Pagine 194
Censura no
Editore it. Edizioni BD - Jpop
Tankobon it. inedito
Formato it. 12 cm × 18 cm
Rilegatura it. brossura con sovracoperta
Pagine it. 192
Lettura it. originale (da destra a sinistra)
Censura it. no
Genere Shōnen
Sword Art Online: Fairy Dance
manga
Titolo originale Sōdo Āto Onrain: Fearyi Dansu
Autore Reki Kawahara
Disegni Hazuki Tsubasa
Editore ASCII Media Works
1ª edizione maggio 2012 – in corso
Collana 1ª ed. Dengeki Bunko Magazine
Tankobon 2 (in corso)
Genere Shōnen
Sword Art Online
serie TV anime
Copertina del primo box DVD della Dynit.
Copertina del primo box DVD della Dynit.
Titolo originale Sōdo Āto Onrain
Regia Tomohiko Itō
Studio A-1 Pictures
Musiche Yuki Kajiura
Reti
1ª TV 7 luglio – 22 dicembre 2012
Episodi 25 (completa)
Durata ep. 24 min
Censura no
Reti italiane
1ª TV it. 30 gennaio 2014 – in corso
Episodi it. 11 / 25 Completa al 44%.
Durata ep. it. 24 min
Censura it. no
Genere
Sword Art Online: Progressive
light novel
Titolo originale Sōdo Āto Onrain: Puroguressivu
Autore Reki Kawahara
Disegni abec
Editore ASCII Media Works
1ª edizione 10 ottobre 2012 – in corso
Collana 1ª ed. Dengeki Bunko
Volumi 2 (in corso)
Sword Art Online Extra Edition
film anime
Titolo originale Sōdo Āto Onrain Extra Edition
Autore Reki Kawahara
Regia Tomohiko Itō
Studio A-1 Pictures
Musiche Yuki Kajiura
1ª proiezione 31 dicembre 2013
Durata 101 min
Censura no
Sword Art Online II
serie TV anime
Titolo originale Sōdo Āto Onrain II
Regia Tomohiko Itō
Studio A-1 Pictures
1ª TV luglio 2014
« Miei cari giocatori... benvenuti nel mio mondo. [...] Immagino che ormai avrete notato quasi tutti che l'opzione di logout è scomparsa dal main menu. Sappiate che non dipende da un errore del gioco. Ripeto, non c'è alcun bug nel sistema. [...] Esiste un unico modo per riguadagnare la libertà: finire Sword Art Online. [...] Vi starete chiedendo perché, non è così? "Perché Akihiko Kayaba, creatore di Sword Art Online e del NerveGear, ha preso un'iniziativa simile?" Il mio obiettivo è stato raggiunto: ho programmato SAO solo per creare questo mondo e osservarlo con mia immensa soddisfazione. E così, adesso, tutto è compiuto. »
(Kayaba Akihiko al lancio ufficiale di Sword Art Online.[1])

Sword Art Online (ソードアート・オンライン Sōdo Āto Onrain?) è una serie di light novel giapponesi scritta da Reki Kawahara ed illustrata da abec. La storia si svolge in un futuro prossimo, dove esistono diverse realtà virtuali MMORPG. I romanzi sono stati pubblicati sotto l'etichetta della Dengeki Bunko della ASCII Media Works dal 10 aprile 2009, mentre una serie spin-off ha avuto inizio nell'ottobre 2012. L'opera è stata trasposta in sei adattamenti manga e in una serie televisiva anime di venticinque episodi, prodotta dalla A-1 Pictures e trasmessa in Giappone tra luglio e dicembre 2012. Un episodio riassuntivo Extra Edition è andato in onda il 31 dicembre 2013. Una seconda stagione dell'anime, sempre prodotta dalla A-1 Pictures ed intitolata Sword Art Online II, inizierà la trasmissione televisiva nel luglio 2014. Un videogioco basato sulla serie è stato pubblicato per PlayStation Portable nel marzo 2013; un altro gioco per PlayStation Vita verrà pubblicato nell'aprile 2014.

In Italia la serie è edita dalla Jpop, che ne ha annunciato l'acquisto all'Etna Comics del 2013. L'anime invece è stato concesso in licenza alla Dynit, e viene trasmesso su Rai 4 dal 30 gennaio 2014.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Nell'anno 2022 l'umanità ha finalmente creato un ambiente interamente virtuale... lo Sword Art Online (SAO). Tutti aspettavano con ansia il giorno dell'uscita di questo MMORPG prodotto dalla NerveGear creato da Kayaba Akihiko (presidente della NG); Sono state fatte solo 10.000 copie per il suo primo lancio e si sono esaurite tutte in pochissimo tempo. Kazuto Kirigaya è un ragazzo di 14 anni che ama gli MMO, nel gioco ha come username Kirito ed è un beater (termine che indica i beta tester e i cheater). La storia inizia con Kazuto che dopo aver letto una rivista della NerveGear mentre guardava la TV in cui non si parlava altro di quel che stava per accadere in quel giorno (ossia la pubblicazione del gioco), Kazuto si sdraia sul letto, prende il cavo di rete, lo collega al pc e si infila un "casco", il NerveGear; la caratteristica di questo gioco infatti è che non si gioca premendo dei tasti, ma si utilizzano i comandi della mente per muovere il proprio corpo nel gioco. Dopo aver fatto il login e aver fatto da tutor ad un nuovo giocatore, Kirito scopre assieme al nuovo arrivato che dal menù principale manca il tasto di logout; vengono teletrasportati in una grande piazza assieme a tutti gli altri 10.000 giocatori. Davanti a i loro occhi si manifesta un grande spirito che afferma di essere il Game Master e che il tasto logout mancante non è un Bug, ma una caratteristica del gioco: per uscire devono completarlo. In caso di morte (nel gioco) o di rimozione del casco dal giocatore, il NerveGear emetterebbe delle microonde che gli avrebbero fatto fondere il cervello ponendo fine anche alla vita reale. Kirito decide così di affrontare tutte le difficoltà, aumentare le sue statistiche ed arrivare al 100º piano in cui dovrà sconfiggere il Boss finale e liberare tutti gli altri giocatori da Sword Art Online. Mentre è intrappolato in SAO Kazuto fa amicizia con Asuna, una ragazza che è famosa per le sue abilità nel combattimento; dopo un po' di tempo l'amicizia con questa ragazza diventa amore. Due anni dopo la pubblicazione del videogioco vengono sconfitti più di 70 boss ma sono morte molte persone, fortunatamente Kazuto scopre qual è il PG di Akihiko, supera i limiti del gioco (nonostante abbia perso tutti gli HP riesce a mantenere il suo PG attivo ancora per un po' di secondi) e lo uccide. Una volta tornato nel mondo reale Kazuto scopre che Asuna non si è svegliata dal coma causato dal NerveGear ed Egil, un uomo che ha conosciuto in SAO, gli dice che alcune persone che giocavano ad un altro VRMMORPG (Virtual Reality Massively Multiplayer Online Role-Playing Game) di nome ALF Heim hanno fatto lo screenshot di un PG molto somigliante ad Asuna. Kazuto si mette ad indagare e scopre che il promesso sposo di Asuna l'ha intrappolata in quel gioco in modo che lei non possa opporsi al matrimonio. Quindi crea un PG anche in quel gioco e dopo varie peripezie riesce ad arrivare nel posto dove Asuna è rinchiusa e a sconfiggere il rapitore, manomettendo il sistema del gioco (ha un breve incontro con la memoria virtuale di Kayaba Akihiko, e subito dopo, facendo il log-in con il nome Heartcliff, ha ancora più potere del nemico, essendo ALO una copia di SAO) Kazuto mette il sensore di dolore al massimo danneggiando il corpo del suo avversario anche nella realtà, ma il vero combattimento si svolge nel parcheggio dell'ospedale dove è ricoverata Asuna, il rapitore tenta di uccidere Kazuto con un coltello, il ragazzo sottrae l'arma al suo assalitore puntandogliela alla gola e ottenendo così una resa definitiva da lui.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Personaggi principali in Sword Art Online[modifica | modifica sorgente]

Kirito (キリト Kirito?) / Kazuto Kirigaya (桐ヶ谷 和人 Kirigaya Kazuto?)
Doppiato da: Yoshitsugu Matsuoka (ed. giapponese), Alessio De Filippis (ed. italiana)
Kirito è il principale protagonista di Sword Art Online ("SAO"). Essendo stato uno dei pochi beta tester, ha potuto provare il gioco prima del lancio ufficiale, e può infatti vantare un'incredibile esperienza e conoscenza di SAO. Qualche tempo dopo l'inizio del gioco, Kirito si unisce ad una gilda, nascondendo loro di essere un beta tester (chiamati "beater"), ma durante l'esplorazione di un dungeon cadono in una trappola, e i compagni di Kirito rimangono vittime di nemici molto più forti di loro. Kirito, sentendosi responsabile dell'accaduto, deciderà di di continuare il suo viaggio verso il 100º piano da solo senza coinvolgere altri giocatori. Le abilità di Kirito miglioreranno ulteriormente quando, misteriosamente, un giorno noterà di avere accesso ad una skill sconosciuta e mai vista in SAO, la "dual wield"; per non provocare la rabbia o l'invidia di altri giocatori, cercherà di tenere nascosta quest'abilità.
Asuna (アスナ Asuna?) / Asuna Yūki (結城 明日奈 Yūki Asuna?)
Doppiata da: Haruka Tomatsu (ed. giapponese), Francesca Manicone (ed. italiana)
Asuna è una delle prime persone con cui Kirito instaurerà un rapporto di amicizia, e in seguito si innamoreranno. Asuna è famosa per la sua incredibile velocità, tanto da essere soprannominata "Asuna il fulmine". Dopo il primo incontro con Kirito, i due si separeranno, e quando si incontreranno di nuovo, si scoprirà che Asuna è diventata uno dei vicecomandanti dei "Knights of Blood", la gilda più forte di tutta SAO. Inizialmente, l'unico pensiero di Asuna sarà quello di finire il gioco, ritenendo che ogni giorno passato lì dentro è un giorno perso nel mondo reale; questo fino a quando non si innamorerà di Kirito, rendendosi conto che nonostante sia un mondo virtuale, il rapporto è vero.
Klein (クライン Kurain?) / Ryōtarō Tsuboi (壷井 遼太郎 Tsuboi Ryōtarō?)
Doppiato da: Hiroaki Hirata (ed. giapponese), Gabriele Marchingiglio (ed. italiana)
Klein è un giocatore alle prime armi, che incontra Kirito il giorno d'apertura ufficiale di Sword Art Online e, avendolo riconosciuto come beta tester, gli chiede la cortesia di insegnargli le basi. I due si separano lo stesso giorno, dopo che Kayaba illustra a tutti i giocatori quello che lui stesso definisce il tutorial di SAO. Klein si dimostra una persona aperta e socievole, che difende e rispetta Kirito nonostante la predominante e negativa opinione sui beta tester. Quando si rincontrano, Klein ricopre la posizione di capo della gilda Fuurinkazan, i cui membri hanno armi ed equipaggiamenti principalmente votati al colore rosso e ricalcano esteticamente quelli dei samurai dell'epoca Sengoku.
Nonostante non viaggino l'uno al fianco dell'altro, Klein incontra regolarmente Kirito ed i suoi amici, e intraprende occasionalmente delle quest assieme a loro.
Yui (ユイ Yui?)
Doppiata da: Kanae Itō (ed. giapponese), Annalisa Usai (ed. italiana)
Inizialmente personaggio presente nelle side story dedite al mondo di SAO, ricoprirà poi il ruolo di PG di supporto in ALO, sotto forma di "Pixie". Yui, scambiata di primo acchito per una bambina sperduta, si rivela essere un programma di intelligenza artificiale all'interno del gioco. Il suo nome operativo per intero è "MHCP v.1" ("Mental Health - Counselling Program"), anche detta "Yui" per i giocatori. Lo scopo principale di questa IA è quello di monitorare le emozioni e sensazioni dei giocatori, stare al loro fianco ed aiutarli. In seguito alla radicale svolta che il mondo di SAO ha subito durante il primo giorno d'apertura ufficiale, le viene tassativamente proibito ogni contatto coi giocatori, e la sua funzione viene meno. Non potendo far altro che osservare la sofferenza dei giocatori, il suo incontro con Kirito e Asuna le presenta per la prima volta delle sensazioni di gioia e pace. Viene inizialmente scambiata per una bambina sperduta affetta da amnesia, così i due decidono di tenerla sotto la loro ala. La sua vera identità viene scoperta quando, in quanto programma artificiale, viene decretata la sua cancellazione da SAO. Yui viene salvata da Kirito, che archivia i suoi dati nel proprio NerveGear. Yui è solita riferirsi a Kirito con "papà" e ad Asuna con "mamma". Mal digerisce quando una ragazza differente da Asuna si avvicina a Kirito.
Heathcliff (ヒースクリフ Hīsukurifu?) / Akihiko Kayaba (茅場 晶彦 Kayaba Akihiko?)
Doppiato da: Tōru Ōkawa (Heathcliff) / Kōichi Yamadera (ed. giapponese), Marco Balzarotti (Heathcliff) / Massimiliano Lotti (ed. italiana)
Kayaba è il direttore e creatore di Sword Art Online, nonché antagonista principale del primo arco narrativo. È a causa sua se i giocatori connessi a SAO non possono lasciare volontariamente il mondo virtuale tramite logout. Inoltre, impedisce la rimozione del NerveGear tramite terzi, poiché l'hardware distruggerebbe il cervello del giocatore in caso di rimozione forzata. L'obiettivo, a sua detta, è stato già raggiunto, ovvero quello della creazione di un vero e proprio mondo alternativo, e desidera limitarsi ad osservare lo svolgersi degli eventi. In linea con tali intenzioni, si nasconde sotto le rispettate vesti di Heathcliff, capo della gilda dei "Knights of Blood", partecipando attivamente nel mondo virtuale. Nonostante il proprio avatar abbia la protezione dell'immortalità, Kayaba non necessita strettamente di simili misure, poiché, in quanto creatore di SAO, conosce perfettamente tutte le sue meccaniche di gioco ed il modo migliore per contrastarle. Grazie a tale protezione, Kayaba sconfigge Kirito in un primo duello, ma viene scoperto dal ragazzo, il quale dimostra la sua immortalità all'intera gilda dei "Knights of Blood" quando, dopo il combattimento col boss del 75º piano, gli sferra un attacco a sorpresa che gli sarebbe risultato letale. Nonostante non sia ricorso alle sue vere fattezze per non farsi identificare, Kayaba ha scelto di impostare anche il proprio NerveGear con l'ordine di distruggere il suo cervello in caso di sconfitta.
Egil (エギル Egiru?) / Andrew Gilbert Mills (アンドリュー・ギルバート・ミルズ Andoryū Girubāto Miruzu?)
Doppiato da: Hiroki Yasumoto (ed. giapponese), Claudio Moneta (ed. italiana)
Egil è un uomo adulto amante anche lui dei videogiochi online, e uno degli amici più stretti di Kirito all'interno di SAO. Nel gioco gestisce un'armeria, mentre nel mondo reale gestisce un pub. Si unisce ad alcuni raid organizzati dalle gilde. La sua arma è una grande ascia, quindi è principalmente basato sull'attacco pesante.
Silica (シリカ Shirika?) / Keiko Ayano (綾野 珪子 Ayano Keiko?)
Doppiata da: Rina Hidaka (ed. giapponese), Serena Clerici (ed. italiana)
Incontrata da Kirito in SAO per la prima volta, Silica è una ragazzina di tredici anni che, in un lasso relativamente breve di tempo, impara a domare una creatura molto rara, un draghetto (di nome Pina), nonostante sia una giocatrice di medio livello. Gode di una fama che ha fatto sì che numerosi giocatori la lusingassero e cercassero di ingentilirsela, inducendola a sopravvalutarsi. È solita prendere le distanze da giocatori maschili che le propongono matrimoni in-game, nonostante la sua giovane età. Un giorno Silica si perde in una foresta, perdendo a sua volta la propria creatura, ma, per sua fortuna, viene tempestivamente salvata da Kirito. Il ragazzo si mostra incredibilmente confortevole e disposto ad aiutarla, poiché le fattezze di lei gli rammentano sua sorella minore. Grazie al fondamentale aiuto di Kirito, Silica riesce a riportare in vita il suo draghetto scopre che ad averla accompagnata è un cosiddetto "beater", ma non lo teme, poiché ritiene che non ci sia nulla di cui aver paura nello stare a fianco ad una persona tanto gentile.
In ALO, Silica è parte integrante della gilda che fondano Kirito ed Asuna, insieme a Lizbet, Lyfa e Yui.

Personaggi principali in ALfheim Online[modifica | modifica sorgente]

Leafa (リーファ Rīfa?) / Suguha Kirigaya (桐ヶ谷 直葉 Kirigaya Suguha?)
Doppiata da: Ayana Taketatsu (ed. giapponese), Eva Padoan (ed. italiana)
È la sorella minore di Kirito, anche se in realtà sono cugini. Suguha è una studentessa diligente che nutre interesse verso lo sport (difatti ha praticato kendo per otto anni). Dopo che Kazuto rimane intrappolato nel mondo di SAO, Suguha decide di giocatore ad ALO, sotto il nickname di "Lyfa". Nutre dei sentimenti verso Kazuto, ma non sa che quelli che quest'ultimo prova per Asuna sono troppo forti perché possa nascere qualcosa fra loro. Incontra casualmente Kirito in ALO, all'interno del quale i giocatori non mantengono le loro reali fattezze, aiutandolo nella ricerca e nel salvataggio di Asuna. Quando comprende la profondità dell'amore di Kirito verso Asuna, e dopo essersi resa conto che Kirito è Kazuto, decide di rinunciare a lui.
Oberon il re delle fate (妖精王オベイロン Yōsei-ō Obeiron?) / Nobuyuki Sugō (須郷 伸之 Sugō Nobuyuki?)
Principale antagonista del secondo arco narrativo, Nobuyuki è il direttore dell'istituto di ricerca "RECTO Progress Inc.". Scelto dal padre di Asuna per sposare la figlia, è stato adottato dalla famiglia Yuuki per tale motivo, ed è l'ex-fidanzato della ragazza. È il responsabile del mancato risveglio di trecento persone connesse a SAO, Asuna inclusa, dopo che il VRMMORPG ("Virtual Reality Massively Multiplayer Online Role-Playing Game") è stato completato. Esse sono tutte vittime di trasferimento e permanenza forzata nel mondo virtuale di ALO, nel quale Nobuyuki impersona l'avatar del "Re degli Elfi Oberon", ed è intento a studiare un possibile asservimento della mente umana indotta dalla tecnologia "FullDive". Fa rinchiudere Asuna e, nonostante la tenga come prigioniera, va spesso a trovarla e la indica come "Titania", "Regina delle Fate". Avvalendosi dei suoi comandi di sistema, impartisce a Kirito, giunto sulla cima del grande albero Yggdrasil per salvare Asuna, una cocente sconfitta, ma questi viene salvato dal "Ghost Program" di Kayaba Akihiko, vecchia conoscenza di Nobuyuki sempre vissuta come rivale. Dopo aver visto andare in malora tutti i suoi progetti, Nobuyuki, accecato dall'odio, tenterà di uccidere Kirito anche nel mondo reale, tentativo che non andrà a segno e gli costerà la libertà.

Personaggi principali in Gun Gale Online[modifica | modifica sorgente]

Sinon (シノン Shinon?) / Shino Asada (朝田 詩乃 Asada Shino?)
Giocatrice di GGO, Sinon è un abile cecchino, anche soprannominata "Hecate" per l'arma che utilizza, una PGM Ultima Ratio Hecate II. Dopo aver perso il padre in tenera età, è diventata molto protettiva nei confronti della madre, il cui stato d'animo è diventato molto fragile in seguito alla perdita del marito. Dopo essere rimasta coinvolta in una rapina a mano armata, Shino resta traumatizzata e comincia a nutrire paura nei confronti delle armi e degli uomini, paranoie che durante il liceo l'hanno spesso trasformata in vittima del bullismo. Decide di partecipare a GGO, in cui le ferite da fuoco sono fittizie, per cercare di superare la sua fobia. Insegna le basi del gioco a Kirito, che scambia inizialmente per una ragazza a causa delle fattezze molto femminee dell'avatar di lui in questo VRMMORPG.
Shino compare anche in ALO nei panni di un arciere Caith Sith, aiutando Kirito a recuperare la spada Excaliber.
Death Gun (死銃 Desu Gan?) / Shōichi Shinkawa (新川 昌一 Shinkawa Shōichi?)
Ex-membro di una gilda di pk in Sword Art Online, i Laughing Coffin, Shoichi è il misterioso giocatore di GGO auto-nominatosi "Death Gun". Shoichi, assieme a suo fratello Kyouji e ad un altro membro dei Laughing Coffin, cerca un modo per poter uccidere i giocatori di GGO anche nella realtà. Successivamente, entra nel torneo Bullet of Bullets sotto il nome di Sterben, per mostrare al mondo la sua possibilità di uccidere realmente un giocatore, sfruttando la diretta dell'evento offerta dalla rete. È solito indebolire l'avversario con un fucile da cecchino, per poi dargli il colpo di grazia con la sua illusoria "death gun", una normale pistola calibro 30. In realtà, quando Shoichi uccide un giocatore nel mondo virutale, suo fratello e l'altro membro dei Laughin Coffin si assicurano di ucciderlo anche in quello reale con un'iniezione letale.

Personaggi principali in UnderWorld[modifica | modifica sorgente]

Alice Schuberg (アリス・ツーベルク Arisu Tsūberuku?)
Inizialmente, Alice era un'apprendista delle sacre arti presso Sorella Arizaya, e portava ogni giorno il pranzo a Eugeo e Kirito. Un giorno si perde lungo la strada e realizza di aver sbagliato percorso una volta avvicinatasi al Terriotorio Oscuro, dove termina il Mondo degli Umani, quando si ritrova davanti una feroce lotta fra cavalieri. Spaventata, la ragazza cerca di allontanarsi frettolosamente e cade all'interno dei confini dell'ostile territorio, ma viene tempestivamente salvata da Kirito e Eugeo. Addentrandosi, seppur involontariamente, nel Territorio Oscuro, Alice infrange un tabù ed è perciò destinata a subire un'esecuzione da parte del Cavaliere dell'Integrità. Quando questi sopraggiunge per cercare Alice, Eugeo rimane paralizzato dalla paura, e Kirito non fa in tempo a salvare la ragazza prima che venga portata via.
Sei anni dopo, una visione spettrale di lei si manifesta davanti agli occhi di Kirito, rivelandogli che lo sta aspettando nella Cattedrale.
Eugeo (ユージオ Yūjio?)
Secondo i ricordi di Kirito, fittizi ed instillati in lui, Eugeo è il suo miglior amico sin dall'infanzia passata nel mondo di UnderWorld, assieme a Alice Schuberg. Eugeo è, di fatto, la prima persona che il protagonista incontra dopo il suo risveglio nel misterioso e cupo mondo di UnderWorld, e che lo accoglie nel suo villaggio, nel quale ricopre il mestiere di taglialegna. Entra in possesso della Spada della Rosa Blu, sebbene non sia capace di utilizzarla. Dopo aver passato cinque giorni a tagliare Gigas, un gigantesco cedro, viene allestita una festa a Ruild Villag per l'evento, festa durante la quale Eugeo palesa le sue intenzioni di diventare un cavaliere.

Ambientazioni[modifica | modifica sorgente]

Ripresa del castello fluttuante di Aincrad.
  • An incarnating radius Aincrad (アン・インカーネイティング・ラディウス An inkāneitingu radiusu?)
Ambientazione dell'arco narrativo "Aincrad", volumi primo e secondo della light novel.
Location del VRMMORPG Sword Art Online, Aincrad è un enorme e fluttuante castello d’acciaio a forma conica, sviluppato su cento piani situati ad altrettanti metri di distanza l'uno dall'altro.
Ogni piano ospita città, numerosi borghi, piccoli villaggi, persino foreste, praterie e laghi. Tutti i piani sono anche composti da un dungeon con relativo labirinto, il quale, invece di districarsi sotto il suolo, si innalza in uno dei pilastri che sorreggono i piani. Una volta trovato e sconfitto il boss del piano, nell'istanza compare una porta in grado di far raggiungere ai vincitori il piano successivo ed aprire così il portale del teletrasporto, situato al centro della “capitale” del piano, in modo da renderla accessibile a tutti i giocatori.
All'interno della capitale del primo piano, la “Starting City”, è presente una prigione per i cosiddetti “orange player” - ovvero coloro che infrangono le leggi sulla morale o sulla proprietà di Aincrad - e “red player” - i player killer, prevalentemente riuniti nella gilda Laughing Coffin - , oltre ad un enorme muro nero detto Muro della Resurrezione, dove sono trascritti tutti i nomi dei diecimila giocatori che vengono barrati nel caso di morte di questi, con relative data, ora e causa del decesso. A causa dell'ultimo aggiornamento di Kayaba Akihiko, creatore di Sword Art Online, il NerveGear, hardware che permette l'immersione nel mondo virtuale, imporrà la morte cerebrale ai giocatori che perderanno tutti gli HP durante il "gioco".
  • ALfheim Online ALO (アルヴヘイム・オンライン ARuvuheimu Onrain?)
Ambientazione dell'arco narrativo "Fairy Dance", volumi terzo e quarto della light novel.
Quello di ALfheim è un regno eterogeneo, popolato da più razze alle quali il giocatore si può rifare al momento della creazione del proprio alter ego. Ad ogni razza sono associati elementi, colori e tipologie di combattimento differenti, sebbene tutte abbiano in comune la possibilità di volare. Ogni razza vanta un proprio territorio ed una propria capitale, ma la città più importante è Aarun, che sorge ai piedi dell'enorme albero Yggdrasil, dove tutte le razze convivono pacificamente. Non tutte le razze, infatti, vantano un rapporto armonico - famoso il conflitto tra Silfi e Salamandri - e questo a causa della quest più impegnativa: raggiungere la cima dell'albero Yggdrasil, dov'è collocata la città degli Elfi, e chiedere udienza al Re Oberon per trasformare il proprio personaggio in un Elfo. L'agognata metamorfosi dona all'avatar incredibili vantaggi, come il poter volare senza limiti di tempo. Il mondo virtuale di ALO è controllato e gestito da un sistema chiamato "Cardinal", che corregge automaticamente ogni bug e crea nuove quests. A dispetto di SAO, nel mondo di ALO è presente la magia e vi è l'assenza di un sistema a livelli per la crescita del personaggio, rendendo assolutamente incisiva l'abilità stessa del giocatore. Successivamente, il mondo di Aincrad viene implementato all'interno di ALO tramite un aggiornamento.
  • Gun Gale Online GGO (ガンゲイル・オンライン Gan Geiru Onrain?)
Ambientazione dell'arco narrativo "Phantom Bullet", volumi quinto e sesto della light novel.
Gun Gale Online, VR-MMO di creazione americana, presenta un mondo post-apocalittico, tornato ad essere popolato dai sopravvissuti al loro ritorno da un viaggio nello spazio. Il grande vascello spaziale funge ora da capitale sotto il nome di “SBC (Space Battle Cruiser) Gurokken”. Costituita da un unico piano, essa è percorsa da grandi travi metalliche e disseminata di luci al neon. Il vestiario dei giocatori è di stampo rigorosamente militare e l'arsenale disponibile fa abbondanza di bocche da fuoco. A causa del forte cambiamento climatico verificatosi dopo il grande cataclisma, il cielo è tanto segnato da colori caldi di giorno quanto ricoperto dal blu e dal viola nottetempo.
Il Board of Bullets, il torneo per eleggere il miglior giocatore di GGO, viene trasmesso online ed è visibile sulla net, così come in tutti gli i VRMMORPG. Esso è articolato in due tempi: il primo è costituito da duelli ad eliminazione diretta, mentre il secondo prevede uno spettacolo in cui i venti qualificati si esibiscono in un deathmatch "all versus all". Al momento del lancio sul mercato, GGO aveva server unificati, successivamente divisi in "americani" ed "asiatici" dopo il primo Board of Bullets, ma nuovamente riunificati in seguito al quarto.
  • UnderWorld UW (アンダーワールド AndāWārudo?)
Ambientazione dell'arco narrativo "Alicization", volumi nono e decimo della light novel.
Location misteriosa e cupa che si rifà al medioevo occidentale, seppur popolata da creature fantastiche, in cui il tempo scorre in modo molto differente da quello reale. La capitale di UnderWorld è Centoria ed il mondo è diviso in quattro imperi che si rifanno ai punti cardinali: Norlangarth, Eastabarieth, Wesdarath e Southacroith. Il Mondo degli Umani è governato da questi quattro imperi e dalla Chiesa di Axiom.

Tecnologia delle VR-Console[modifica | modifica sorgente]

FullDive[modifica | modifica sorgente]

Sviluppata da Kayaba Akihiko, tramite il suo primo hardware nominato NerveGear, "FullDive" (フルダイブ FuruDaibu?) è il nome della tecnologia utilizzata per immergere completamente la coscienza di una persona in un mondo virtuale. Ci sono tre diversi modelli facenti uso della tecnologia FullDive:

  • NerveGear (ナーヴギア NāvuGia?), agisce completamente in simbiosi con la coscienza del giocatore, reindirizza i segnali del cervello all'hardware, che trasforma in azioni, e ne invia dei nuovi in risposta, simulando le varie sensazioni tramite lo stimolo dei cinque sensi. Il primo gioco capace di sfruttare al massimo l'intero potenziale dell'hardware è quello realizzato dal suo stesso creatore: Sword Art Online. Dotato di una propria batteria e necessitante di una collocazione sul capo dell'utente - il quale potrà attivare la connessione con la parola "Link Start" - è il primo hardware di realtà virtuale prodotto in serie.
  • AmuSphere (アミュスフィア AmyuSufia?), versione riveduta e migliorata del NerveGear, sviluppata da RECTO Progress Inc. Dopo il famoso incidente di Sword Art Online, le novità inerenti all'hardware sono focalizzate sulla sicurezza: le onde emesse in relazione con le sinapsi del giocatore hanno un frequenza più bassa, ma maggiore efficienza, ed è presente un dispositivo addetto a monitorare la pressione arteriosa e le onde cerebrali, che garantisce un sicuro log out in caso rilevi anomalie. Come il NerveGear, è dotato di un caschetto da collocare sul capo. L'AmuSphere offre comunque un livello di immersione leggermente minore rispetto al NerveGear. Il corpo continua ad essere parzialmente cosciente, e ciò permette, per esempio, di rispondere al telefono nel caso squilli, o svegliarsi nel caso ci sia un incendio o una gran confusione.
  • Medicuboid (メディキュボイド Medikyuboido?), appartiene alla stessa generazione dell'AmuSphere, ma è stato sviluppato sulla base della ricerche sviluppate di Koujirou Rinko. Dotato anche di un apposito lettino, il Medicuboid permette un'interazione con le parti più profonde del cervello, velocizzando i tempi di reazione. Tuttavia, questo hardware è specificatamente usato a scopi medici, in particolare per i pazienti terminali.

Brain Machine Interface (BMI)[modifica | modifica sorgente]

Durante il Progetto Alicization (プロジェクト・アリシゼーション Purojekuto Arishizēshon?), emerge una nuova tecnologia, differente da quella d'impostazione FullDive, chiamata Brain Machine Interface. Questa velocizzerebbe i pensieri di n volte rispetto al normale, con l'ausilio dell'hardware "Soul Translator" (ソウル・トランスレーター Sōru Toransurētā?).

Media[modifica | modifica sorgente]

Light novel[modifica | modifica sorgente]

Reki Kawahara scrisse il primo volume della serie nel 2002, con l'intenzione di presentarlo alla competizione Dengeki game shōsetsu taishō (電撃ゲーム小説大賞? ora nota semplicemente come "Dengeki shōsetsu taishō") della ASCII Media Works. Avendo però superato il numero massimo di pagine concesso, decise di cambiare piani e pubblicare l'opera sulla rete sotto lo pseudonimo di Fumio Kunori,[2] aggiungendo più tardi anche altri tre volumi e numerose storie secondarie.[3][4] Nel 2008 partecipò nuovamente alla competizione con Accel World, stavolta vincendo con successo il premio letterario Grand Prize. Tuttavia, oltre ad Accel World, gli venne chiesto dalla ASCII Media Works di pubblicare anche il suo lavoro precedente, Sword Art Online.[2] Kawahara ovviamente accettò l'offerta e rimosse le versioni del romanzo dal suo sito web.[4] La ripubblicazione dei volumi in versione cartacea è dunque iniziata il 10 aprile 2009.[5] Il primo volume di una versione riscritta della serie, intitolata Sword Art Online: Progressive (ソードアート・オンライン プログレッシブ Sōdo Āto Onrain: Puroguressivu?), è stato invece pubblicato il 10 ottobre 2012 e contiene le avventure di Kirito sul primo e secondo piano di Aincrad, più le due storie secondarie "Aria nella notte senza stelle" (星無き夜のアリア Hoshinaki yoru no Aria?) e "Il rondò della spada transitoria" (儚き剣のロンド Hakanaki ken no rondo?).[6]

In Italia la serie è stata concessa in licenza alla casa editrice Jpop,[7] mentre in America del Nord i diritti sono stati acquistati dalla Yen Press,[8] che pubblicherà il primo volume il 22 aprile 2014.[9] I romanzi sono stati pubblicati anche in Francia dalla Ofelbe Éditions,[10] in Cina, in Taiwan, in Corea del Sud e in Tailandia.[11] Con più di undici milioni di copie in stampa in tutto il mondo, si pianificano pubblicazioni pure nel Regno Unito, Germania, Austria e Svizzera.[11]

Sword Art Online
Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
Data di prima pubblicazione
Giappone Italia
1 Sword Art Online 1: Aincrad
「ソードアート・オンライン1 アインクラッド」 - Sōdo Āto Onrain 1: Aincuraddo
10 aprile 2009[5]
ISBN 978-4-04-867760-8
2 Sword Art Online 2: Aincrad
「ソードアート・オンライン2 アインクラッド」 - Sōdo Āto Onrain 2: Aincuraddo
10 agosto 2009[12]
ISBN 978-4-04-867935-0
3 Sword Art Online 3: Fairy Dance
「ソードアート・オンライン3 フェアリィ・ダンス」 - Sōdo Āto Onrain 3: Fearyi Dansu
10 dicembre 2009[13]
ISBN 978-4-04-868193-3
4 Sword Art Online 4: Fairy Dance
「ソードアート・オンライン4 フェアリィ・ダンス」 - Sōdo Āto Onrain 4: Fearyi Dansu
10 aprile 2010[14]
ISBN 978-4-04-868452-1
5 Sword Art Online 5: Phantom Bullet
「ソードアート・オンライン5 ファントム・バレット」 - Sōdo Āto Onrain 5: Fantomu Baretto
10 agosto 2010[15]
ISBN 978-4-04-868763-8
6 Sword Art Online 6: Phantom Bullet
「ソードアート・オンライン6 ファントム・バレット」 - Sōdo Āto Onrain 6: Fantomu Baretto
10 dicembre 2010[16]
ISBN 978-4-04-870132-7
7 Sword Art Online 7: Mother's Rosario
「ソードアート・オンライン7 マザーズ・ロザリオ」 - Sōdo Āto Onrain 7: Mazāzu Rozario
10 aprile 2011[17]
ISBN 978-4-04-870431-1
8 Sword Art Online 8: Early and Late
「ソードアート・オンライン8 アーリー・アンド・レイト」 - Sōdo Āto Onrain 8: Ārī ando Reito
10 agosto 2011[18]
ISBN 978-4-04-870733-6
9 Sword Art Online 9: Alicization Beginning
「ソードアート・オンライン9 アリシゼーション・ビギニング」 - Sōdo Āto Onrain 9: Arishizēshon Biginingu
10 febbraio 2012[19]
ISBN 978-4-04-886271-4
10 Sword Art Online 10: Alicization Running
「ソードアート・オンライン10 アリシゼーション・ランニング」 - Sōdo Āto Onrain 10: Arishizēshon Ran'ningu
10 luglio 2012[20]
ISBN 978-4-04-886697-2
11 Sword Art Online 11: Alicization Turning
「ソードアート・オンライン11 アリシゼーション・ターニング」 - Sōdo Āto Onrain 11: Arishizēshon Tāningu
10 dicembre 2012[21]
ISBN 978-4-04-891157-3
12 Sword Art Online 12: Alicization Rising
「ソードアート・オンライン12 アリシゼーション・ライジング」 - Sōdo Āto Onrain 12: Arishizēshon Raijingu
10 aprile 2013[22]
ISBN 978-4-04-891529-8
13 Sword Art Online 13: Alicization Dividing
「ソードアート・オンライン13 アリシゼーション・ディバイディング」 - Sōdo Āto Onrain 13: Arishizēshon Dibaidingu
10 agosto 2013[23]
ISBN 978-4-04-891757-5
14 Sword Art Online 14: Alicization Uniting
「ソードアート・オンライン14 アリシゼーション・ユナイティング」 - Sōdo Āto Onrain 14: Arishizēshon Yunaitingu
10 aprile 2014[24]
ISBN 978-4-04-866505-6
Sword Art Online
Progressive
Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
Data di prima pubblicazione
Giappone
1 Sword Art Online: Progressive 1
「ソードアート・オンライン プログレッシブ1」 - Sōdo Āto Onrain: Puroguressivu 1
10 ottobre 2012[6]
ISBN 978-4-04-886977-5
2 Sword Art Online: Progressive 2
「ソードアート・オンライン プログレッシブ2」 - Sōdo Āto Onrain: Puroguressivu 2
10 dicembre 2013[25]
ISBN 978-4-04-866163-8

Manga[modifica | modifica sorgente]

I sei adattamenti manga della serie sono stati tutti scritti da Reki Kawahara e pubblicati dalla ASCII Media Works. Sword Art Online: Aincrad (ードアート・オンライン アインクラッド Sōdo Āto Onrain: Aincuraddo?), illustrato da Tamako Nakamura, è stato serializzato sul Dengeki Bunko Magazine tra i numeri di settembre 2010 e maggio 2012. Due volumi tankōbon sono stati pubblicati il 27 settembre 2012.[26][27] Un manga yonkoma di genere comico, intitolato Sword Art Online. (そーどあーと☆おんらいん。?) ed illustrato da Jūsei Minami, ha iniziato la serializzazione sul numero di settembre 2010 del Dengeki Bunko Magazine. Il primo volume è stato pubblicato il 27 settembre 2012.[28] Un terzo manga, intitolato Sword Art Online: Fairy Dance (ソードアート・オンライン フェアリィ・ダンス Sōdo Āto Onrain: Fearyi Dansu?) e disegnato da Hazuki Tsubasa, ha iniziato la serializzazione sul numero di maggio 2012 del Dengeki Bunko Magazine. Il primo volume è stato pubblicato il 27 ottobre 2012,[29] seguito dal secondo il 27 agosto 2013.[30] In Italia soltanto Aincrad è edito dalla Jpop,[7] mentre in America del Nord sia i diritti di questo manga che di Fairy Dance sono stati acquistati dalla Yen Press.[8]

Un manga spin-off incentrato su Lisbeth, Silica e Leafa, intitolato Sword Art Online Girls Ops (ソードアート・オンライン ガールズ・オプス Sōdo Āto Onrain Gāruzu Opusu?) ed illustrato da Neko Nekobyō, ha iniziato la serializzazione sul numero di luglio 2013 del Dengeki Bunko Magazine. Un adattamento manga di Sword Art Online: Progressive, disegnato da Kiseki Himura, ha iniziato la serializzazione sul numero di agosto 2013 del Dengeki G's Magazine. Un sesto e ultimo manga, intitolato Sword Art Online: Phantom Bullet (ソードアート・オンライン ファントム・バレット Sōdo Āto Onrain: Fantomu Baretto?) ed illustrato da Kōtarō Yamada, inizierà la serializzazione sul numero di maggio 2014 del Dengeki Bunko Magazine.

Anime[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Episodi di Sword Art Online.

Una serie televisiva anime di Sword Art Online è stata annunciata in occasione del Dengeki Bunko Autumn Festival del 2011 insieme all'adattamento animato di Accel World, l'altra serie di light novel di Reki Kawahara.[31] L'anime, pubblicato dalla Aniplex e prodotto dalla A-1 Pictures, è stato diretto da Tomohiko Itō con il comparto musicale di Yuki Kajiura.[32] La serie è stata trasmessa tra il 7 luglio e il 22 dicembre 2012 su Tokyo MX, tvk, TVS, TVA ed MBS, e più tardi su AT-X e Chiba TV.[33] Gli episodi sono stati trasmessi in streaming da Crunchyroll e Hulu.[34][35] Le sigle d'apertura e chiusura dei primi quattordici episodi sono "crossing field" di LiSA[36] e "Yume sekai" (ユメセカイ? lett. «Il mondo dei sogni») di Haruka Tomatsu,[37] per poi cambiare dall'episodio quindici in poi in "Innocence" di Eir Aoi e "Overfly" di Luna Haruna. In Italia l'anime è stato concesso in licenza alla Dynit, ed è stato pubblicato in un primo momento con i sottotitoli in lingua italiana su Popcorn TV dal 15 aprile 2013 con cadenza settimanale,[38] per poi essere trasmesso con il doppiaggio completo su Rai 4 dal 30 gennaio 2014 alle ore 23:30 circa.[39] In America del Nord i diritti sono stati acquistati dalla Aniplex of America,[40] e il doppiaggio in inglese ha debuttato nel blocco Toonami di Adult Swim dal 27 luglio 2013[41] al 15 febbraio 2014. La serie è stata poi pubblicata dalla Aniplex of America in quattro DVD e Blu-ray Disc, con degli speciali extra in questi ultimi, tra il 13 agosto e il 19 novembre 2013.[42] Nel Regno Unito la distribuzione dei BD/DVD è stata effettuata dalla Manga Entertainment,[43] mentre in Australia dalla Madman Entertainment.[44] Sword Art Online è stato reso disponibile anche su Netflix in America del Nord dal 15 marzo 2014 sia doppiato che sottotitolato in inglese.[45]

Uno speciale di fine anno, intitolato Sword Art Online Extra Edition, è stato trasmesso il 31 dicembre 2013. L'episodio è un riassunto dell'anime, ma include anche alcune scene inedite.[46] La sigla è "Niji no oto" (虹の音? lett. «Il suono dell'arcobaleno») di Eir Aoi.[47] Poche ore dopo la trasmissione in Giappone, Extra Edition è stato trasmesso in streaming in tutto il mondo.[48] Lo speciale dalla durata di due ore è stato reso disponibile su Daisuki per tutti i paesi, ad eccezione delle zone di lingua francese, Cina e Corea.[48] Daisuki ha offerto i sottotitoli in più lingue, come inglese, spagnolo, portoghese, italiano e tedesco.[48] I paesi di lingua inglese come Messico, America Centrale e Meridionale hanno potuto guardare lo stream anche su Crunchyroll.[49] Per quanto riguarda invece gli altri paesi, Extra Edition è stato trasmesso in simulcast sul canale via cavo della Aniplex in Corea, sul sito streaming LeTV in Cina e sul sito streaming Wakanim nei paesi di lingua francese.[49] Il Blu-ray Disc e il DVD dello speciale verranno pubblicati in Giappone il 23 aprile 2014.[50] La versione limitata includerà una character song di Yui, intitolata "Heart Sweet Heart" e cantata da Kanae Itō, e una storia secondaria originale, scritta da Kawahara e intitolata "Sword Art Online niji no hashi" (ソードアート・オンライン 虹の橋? lett. «Sword Art Online: il ponte arcobaleno»).[50]

Al termine dello speciale è stata confermata la seconda stagione della serie televisiva anime, intitolata Sword Art Online II,[51] che andrà in onda nel luglio 2014 e coprirà l'arco Phantom Bullet dei volumi cinque e sei delle light novel di Kawahara.[52]

Videogiochi[modifica | modifica sorgente]

In occasione del Dengeki Bunko Autumn Festival del 2011, è stato annunciato che la serie di light novel di Reki Kawahara sarebbe stata trasposta in alcuni videogiochi.[53] Il primo è stato Sword Art Online: Infinity Moment (ソードアート・オンライン -インフィニティ・モーメント- Sōdo Āto Onrain: Infiniti Mōmento?), sviluppato dalla Namco Bandai Games per PlayStation Portable[54] e pubblicato sia in edizione regolare che limitata il 14 marzo 2013.[55] La storia segue una trama alternativa, secondo la quale un glitch non solo fa rimanere Kirito e gli altri giocatori nel mondo di Sword Art Online nonostante la sconfitta di Heathcliff, ma fa anche venire risucchiati nel gioco altri videogiocatori di VRMMORPG come Leafa e Sinon.[56]

Il secondo gioco è Sword Art Online: Hollow Fragment (ソードアート・オンライン -ホロウ・フラグメント- Sōdo Āto Onrain: -Horō Furagumento-?),[57] che verrà pubblicato in Giappone il 24 aprile 2014 con classificazione C secondo CERO.[58] In maniera simile al primo gioco della serie, anche Hollow Fragment si svolgerà seguendo una trama alternativa: oltre ai vari piani da ripulire, il protagonista Kirito dovrà esplorare una nuova zona di Aincrad chiamata "Hollow Area";[59] inoltre dovrà incrociare le spade con un giocatore misterioso, il quale diventerà ben presto uno dei personaggi chiave della storia.[59] Il videogioco verrà pubblicato anche in Taiwan dalla Namco Bandai Games Taiwan.[60]

Kirito, Asuna e Leafa appariranno in Dengeki Bunko Fighting Climax, un picchiaduro sviluppato da SEGA che presenterà diversi personaggi delle opere pubblicate sotto l'etichettà Dengeki Bunko.[61][62]

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Secondo Oricon Sword Art Online è stata una delle serie light novel più vendute nel 2012, grazie a ben otto dei suoi volumi in cima alle classifiche delle vendite.[63][64] Richard Eisenbeis di Kotaku ha descritto l'anime come la serie più intelligente degli ultimi anni, lodando la sua profonda visione degli aspetti psicologici della psiche umana in un mondo virtuale, il suo punto di vista sociologico sulla creazione di un'economia e una società realistiche nell'ambientazione di un gioco massively multiplayer online, e l'abilità del personale di scrittura di destreggiarsi tra la vasta gamma dei generi trattati. Eisenbeis ha anche sottolineato in particolare come la storia d'amore tra Kirito e Asuna progredisca definendo "cosa sia esattamente l'amore in un mondo virtuale".[65] Tuttavia, al momento di questa recensione preliminare, Eisenbeis aveva visto solo i primi dodici episodi della serie. Nella sua recensione della seconda metà dell'anime, egli ha lodato invece l'eccellente utilizzo dei colpi di scena e l'antagonista ben ideato e credibile. Eppure ha ritenuto che alcuni aspetti positivi iniziali della serie fossero andati perduti nel corso delle puntate, come ad esempio l'attenzione per le ripercussioni psicologiche e i rapporti sociali che potrebbero apparire in maniera realistica in un gioco online. Eisenbeis ha anche criticato la decisione di trasformare Asuna in una damigella in pericolo, affermando che in questo modo una protagonista femminile forte quanto lei "è stata ridotta a nient'altro che l'oggetto di una missione a cui il protagonista principale sta mirando". Ha poi concluso la sua recensione con dicendo che le due metà della serie "risultano tuttavia entrambe piacevoli per quello che sono".[66]

Rebecca Silverman della Anime News Network ha criticato la serie per il ritmo e "la sceneggiatura priva di cura",[67] mentre Theron Martin ha espresso il suo giudizio negativo sull'incapacità dell'autore sia di "raggiungere e fissare il livello di gravitas che il pericolo di vita-o-morte dovrebbe avere", che di far effettivamente apparire Kirito "come un 'lupo solitario' che non esita ad aiutare chi è in difficoltà ma che generalmente preferisce stare da solo".[68] Steve di DeviceCritique ha invece spiegato che Sword Art Online spinge il mercato delle realtà virtuali a crescere, indicando l'Oculus Rift come un primo esempio di punto di partenza. Inoltre egli ha anche lodato la serie per aver esplorato gli aspetti psicologici e sociali di una realtà virtuale videoludica.[69]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Anime di Sword Art Online, episodio 1: "Il mondo della spada".
  2. ^ a b Postfazione del primo volume delle light novel.
  3. ^ Postfazione del sesto volume delle light novel.
  4. ^ a b (JA) Fumio Kunori (Reki Kawahara), Sito web dei romanzi, WordGear. URL consultato il 7 luglio 2012.
  5. ^ a b (JA) ソードアート・オンライン1 アインクラッド, ASCII Media Works. URL consultato il 9 aprile 2014.
  6. ^ a b (JA) ソードアート・オンライン プログレッシブ1, ASCII Media Works. URL consultato il 9 aprile 2014.
  7. ^ a b Etna Comics 2013: Annunci J-POP e GP manga, AnimeClick.it, 7 giugno 2013. URL consultato il 9 aprile 2014.
  8. ^ a b (EN) Yen Press Adds Sword Art Online, Accel World Light Novels, More Madoka Magica Manga, Anime News Network, 23 agosto 2013. URL consultato il 23 agosto 2013.
  9. ^ (EN) "Sword Art Online" Light Novel and Manga Release Details Listed, Crunchyroll, 16 settembre 2013. URL consultato il 17 settembre 2013.
  10. ^ (FR) Sortie française du light novel "Sword Art Online" par Ofelbe Éditions, Wakanim, 15 marzo 2014. URL consultato il 9 aprile 2014.
  11. ^ a b (EN) Sword Art Online Novels Have 11 Million in Print, Anime News Network, 5 gennaio 2014. URL consultato il 2 aprile 2014.
  12. ^ (JA) ソードアート・オンライン2 アインクラッド, ASCII Media Works. URL consultato il 9 aprile 2014.
  13. ^ (JA) ソードアート・オンライン3 フェアリィ・ダンス, ASCII Media Works. URL consultato il 9 aprile 2014.
  14. ^ (JA) ソードアート・オンライン4 フェアリィ・ダンス, ASCII Media Works. URL consultato il 9 aprile 2014.
  15. ^ (JA) ソードアート・オンライン5 ファントム・バレット, ASCII Media Works. URL consultato il 9 aprile 2014.
  16. ^ (JA) ソードアート・オンライン6 ファントム・バレット, ASCII Media Works. URL consultato il 9 aprile 2014.
  17. ^ (JA) ソードアート・オンライン7 マザーズ・ロザリオ, ASCII Media Works. URL consultato il 9 aprile 2014.
  18. ^ (JA) ソードアート・オンライン8 アーリー・アンド・レイト, ASCII Media Works. URL consultato il 9 aprile 2014.
  19. ^ (JA) ソードアート・オンライン9 アリシゼーション・ビギニング, ASCII Media Works. URL consultato il 9 aprile 2014.
  20. ^ (JA) ソードアート・オンライン10 アリシゼーション・ランニング, ASCII Media Works. URL consultato il 9 aprile 2014.
  21. ^ (JA) ソードアート・オンライン11 アリシゼーション・ターニング, ASCII Media Works. URL consultato il 9 aprile 2014.
  22. ^ (JA) ソードアート・オンライン12 アリシゼーション・ライジング, ASCII Media Works. URL consultato il 9 aprile 2014.
  23. ^ (JA) ソードアート・オンライン13 アリシゼーション・ディバイディング, ASCII Media Works. URL consultato il 9 aprile 2014.
  24. ^ (JA) ソードアート・オンライン14 アリシゼーション・ユナイティング, ASCII Media Works. URL consultato il 10 aprile 2014.
  25. ^ (JA) ソードアート・オンライン プログレッシブ2, ASCII Media Works. URL consultato il 9 aprile 2014.
  26. ^ (JA) ソードアート・オンライン アインクラッド1, ASCII Media Works. URL consultato il 26 marzo 2014.
  27. ^ (JA) ソードアート・オンライン アインクラッド2, ASCII Media Works. URL consultato il 26 marzo 2014.
  28. ^ (JA) そーどあーと☆おんらいん。(1), ASCII Media Works. URL consultato il 26 marzo 2014.
  29. ^ (JA) ソードアート・オンライン フェアリィ・ダンス1, ASCII Media Works. URL consultato il 26 marzo 2014.
  30. ^ (JA) ソードアート・オンライン フェアリィ・ダンス2, ASCII Media Works. URL consultato il 26 marzo 2014.
  31. ^ (EN) Sword Art Online Light Novels About Virtual MMO Get Anime, Anime News Network, 1º ottobre 2011. URL consultato il 19 giugno 2012.
  32. ^ (EN) Madoka Magica & .hack's Kajiura Scores Sword Art Online, Anime News Network, 31 marzo 2011. URL consultato il 19 giugno 2012.
  33. ^ (JA) Sword Art Online official air dates, A-1 Pictures. URL consultato il 19 giugno 2012.
  34. ^ (EN) Sword Art Online, Crunchyroll. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  35. ^ (EN) Sword Art Online, Hulu. URL consultato il 10 aprile 2014.
  36. ^ (EN) LiSA to Sing Sword Art Online Anime's Opening, Anime News Network, 7 giugno 2011. URL consultato il 19 giugno 2012.
  37. ^ (EN) Haruka Tomatsu to Perform Sword Art Online Ending Theme Song, Anime News Network, 27 maggio 2011. URL consultato il 19 giugno 2012.
  38. ^ Dynit presenta: SWORD ART ON LINE, Dynit, 4 febbraio 2013. URL consultato il 9 aprile 2014.
  39. ^ Annunci RAI 4: Steins;Gate, Sword Art Online e Psycho-Pass, AnimeClick.it, 20 novembre 2013. URL consultato il 20 novembre 2013.
  40. ^ (EN) Aniplex USA Adds Sword Art Online, Blast of Tempest, Magi Anime, Anime News Network, 12 ottobre 2012. URL consultato il 28 settembre 2013.
  41. ^ (EN) Toonami "Sword Art Online" Premiere Scheduled, Crunchyroll, 7 giugno 2013. URL consultato il 27 giugno 2013.
  42. ^ (EN) Sword Art Online to Air on Toonami Starting in August, Anime News Network, 24 maggio 2013. URL consultato il 24 maggio 2013.
  43. ^ (EN) Manga To Release Sword Art Online Blu-ray and DVD in December, Anime News Network, 3 agosto 2013. URL consultato il 28 settembre 2013.
  44. ^ (EN) Madman Entertainment Loads Up On New Anime Acquisitions, Madman Entertainment, 12 novembre 2012. URL consultato il 28 settembre 2013.
  45. ^ (EN) Sword Art Online on Netflix, Aniplex USA, 12 marzo 2014. URL consultato il 2 aprile 2014.
  46. ^ (EN) Sword Art Online Extra Edition to Air With New Footage, Anime News Network, 12 agosto 2013. URL consultato il 28 settembre 2013.
  47. ^ (EN) Eir Aoi Sings Sword Art Online: Extra Edition's Theme Song, Anime News Network, 12 novembre 2013. URL consultato il 13 novembre 2013.
  48. ^ a b c (EN) Sword Art Online Extra Edition to Stream Worldwide on Daisuki.net, Anime News Network, 27 dicembre 2013. URL consultato il 2 aprile 2014.
  49. ^ a b (EN) Sword Art Online Extra Edition Set to Stream Worldwide, Anime News Network, 11 novembre 2013. URL consultato il 2 aprile 2014.
  50. ^ a b (JA) Blu-ray&DVD, Aniplex. URL consultato il 2 aprile 2014.
  51. ^ (EN) VIDEO: "Sword Art Online II" Anime Activated, Crunchyroll, 31 dicembre 2013. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  52. ^ (EN) Sword Art Online II's July Premiere, New Visual Unveiled, Anime News Network, 16 marzo 2014. URL consultato il 2 aprile 2014.
  53. ^ (EN) Accel World, Sword Art Online Light Novels Get Games, Anime News Network, 2 ottobre 2011. URL consultato il 2 ottobre 2011.
  54. ^ (EN) Ishaan, This Week In Sales: Kingdom Hearts HD Falls To Sword Art Online, Siliconera, 20 marzo 2013. URL consultato il 24 marzo 2013.
  55. ^ (EN) Sword Art Online Game to Have 3D Date Movie DVD, Anime News Network, 26 ottobre 2012. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  56. ^ (EN) Infinity Moment Takes Everything You Know About Sword Art Online, and Turns It on Its Head, Kotaku, 2 aprile 2013. URL consultato il 27 luglio 2013.
  57. ^ (EN) Sword Art Online: Hollow Fragment – Hold Hands With A Heroine And Other Tidbits, Siliconera, 8 ottobre 2013. URL consultato il 3 aprile 2014.
  58. ^ (EN) Sword Art Online: Hollow Fragment, Bandai Namco Games. URL consultato il 2 aprile 2014.
  59. ^ a b (EN) Sword Art Online: Hollow Fragment announced for PS Vita, Gematsu, 6 ottobre 2013. URL consultato il 2 aprile 2014.
  60. ^ (EN) Sword Art Online: Hollow Fragment will have English and Traditional Chinese subtitles in Taiwan, Gematsu, 22 marzo 2014. URL consultato il 2 aprile 2014.
  61. ^ (EN) Dengeki Bunko Fighting Climax Game Pits SAO, Shana Casts Against Each Other, Anime News Network, 21 settembre 2013. URL consultato il 28 settembre 2013.
  62. ^ (EN) Kirito and Tomoka Featured in Latest "Dengeki Bunko Fighting Climax" Trailer, Crunchyroll, 13 febbraio 2014. URL consultato il 1º marzo 2014.
  63. ^ (EN) Top-Selling Light Novels in Japan by Series: 2012, Anime News Network, 3 dicembre 2012. URL consultato il 3 dicembre 2012.
  64. ^ (EN) Top-Selling Light Novels in Japan by Volume: 2012, Anime News Network, 3 dicembre 2012. URL consultato il 3 dicembre 2012.
  65. ^ (EN) Richard Eisenbeis, Sword Art Online Is the Smartest Anime I’ve Seen in Years (And It’s Only Half-Done), Kotaku, 28 settembre 2012. URL consultato il 1º ottobre 2012.
  66. ^ (EN) Richard Eisenbeis, Sword Art Online's Second Half Isn't Quite as Brilliant as Its First, Kotaku, 26 dicembre 2012. URL consultato il 28 settembre 2013.
  67. ^ (EN) Rebecca Silverman, Sword Art Online Blu-Ray 1 - Aincrad Part 1 [Limited Edition], Anime News Network, 9 settembre 2013. URL consultato il 19 gennaio 2014.
  68. ^ (EN) Theron Martin, Sword Art Online episodes 1-6 streaming, Anime News Network, 28 agosto 2012. URL consultato il 19 gennaio 2014.
  69. ^ (EN) Steve, Oculus Rift VR: One large step into Virtual reality, DeviceCritique, 27 marzo 2013. URL consultato il 4 marzo 2014.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Siti ufficiali[modifica | modifica sorgente]

Articoli e informazioni[modifica | modifica sorgente]