Swat (Pakistan)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Swat
distretto
Localizzazione
Stato Pakistan Pakistan
Provincia Khyber Pakhtunkhwa
Amministrazione
Capoluogo Saidu Sharif
Territorio
Coordinate
del capoluogo
34°46′58″N 72°21′43″E / 34.782778°N 72.361944°E34.782778; 72.361944 (Swat)Coordinate: 34°46′58″N 72°21′43″E / 34.782778°N 72.361944°E34.782778; 72.361944 (Swat)
Abitanti
Altre informazioni
Fuso orario UTC+5
Cartografia
Mappa di localizzazione: Pakistan
Saidu Sharif

Lo Swat è un distretto del Pakistan, precedentemente noto col nome di Uḍḍiyana (nelle varianti Udyana, Oddyana Uddyana e Uḍḍyana) e storicamente fu un principato musulmano.

Attraversato dal fiume Swat (Suvastu) che dà il nome all'omonima valle, lo Swat è circondato da montagne, ricco di laghi e praterie e rinomato per gli alberi da frutto. Confina con l'Afghanistan.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 327 a.C., lo Uḍḍiyana fu attraversato da Alessandro Magno, che conquistò la roccaforte di Ora, probabilmente l'attuale Udegram, e Bazira, l'attuale Barikot.
Dal II secolo Uḍḍiyana divenne una regione fervidamente buddhista e verso il VI secolo fu uno dei principali centri di propagazione del Buddhismo Vajrayana, oltre che luogo di origine del culto di Kurukulle e terra natale di Padmasambhava.
Di questo lungo periodo rimangono solo numerose rovine di edifici e sculture sparsi nella valle.
Dal I secolo al III secolo con la Battriana fu al centro dell'Impero Kushan e vi fiorì l'arte del Gandhāra.

La conquista islamica dell'Uḍḍiyana si deve a Mahmud di Ghazni all'inizio dell'XI secolo, con la vittoria sul sovrano Gira a Udegram.
In seguito l'area, da Jalalabad a Jehlum e Peshawar fu dominata dai sultani Swati e da loro prese il nome. Quando gli Yousafzai conquistarono la regione la maggioranza degli abitanti migrò nella regione Hazara più a est.

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

La maggioranza degli abitanti è Pashtun, con minoranze del Kohistan e del Gujar. I primi, stanziati nel settentrione, parlano lingue Torwali, Kalami e Khowar.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]