Svetozar Marović

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Светозар Маровић
Svetozar Marović
Svetozar Marović.jpg

Presidente della Serbia e Montenegro
Durata mandato 7 marzo 2003 –
3 giugno 2006
Predecessore carica creata
Successore carica abolita

Primo ministro della Serbia e Montenegro
Durata mandato 7 marzo 2003 –
3 giugno 2006
Predecessore carica creata
Successore carica abolita

Presidente dell'Assemblea del Montenegro
Durata mandato 1994 –
2001
Predecessore Risto Vukcevic
Successore Vesna Perovic

Dati generali
Partito politico Partito Democratico dei Socialisti del Montenegro
Alma mater Università del Montenegro (Podgorica)

Svetozar Marović (in cirillico: Светозар Маровић; Cattaro, 31 marzo 1955) è un politico montenegrino.

È stato l'unico Capo di stato e di governo dell'Unione Statale di Serbia e Montenegro, fra il 2003 e il 2006.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ha conseguito una laurea alla Facoltà di Giurisprudenza a Podgorica. Ha iniziato la sua carriera politica molto presto nella Lega dei comunisti del Montenegro e in particolare dopo la "Rivoluzione Antiburocratica", che gli permette insieme a Milo Djukanović e Momir Bulatović di giungere al potere venendo nominato membro della Presidenza della Repubblica Socialista di Montenegro, nel 1989.

Quindi viene eletto deputato del Parlamento del Montenegro, poi della Camera dei Cittadini dell'Assemblea Federale Jugoslava e poi Presidente del Parlamento del Montenegro. Nel 2003 dopo le riforme costituzionali con la scomparsa della Repubblica Federale di Jugoslavia e la nascita della Serbia e Montenegro ne viene eletto Presidente (e Primo ministro).

Nonostante fosse presidente della confederazione nel 2006 appoggiò la corrente indipendentista montenegrina che porterà al referendum del 2006, all'indipendenza del paese e alla fine dell'unione serbo-montenegrina.

Attualmente è vicepresidente del Partito Democratico dei Socialisti del Montenegro.

Controversie[modifica | modifica sorgente]

Nel 2001 Momir Bulatović nel libro "Le regole del silenzio" accusò apertamente Marovic e il Partito Democratico dei Socialisti di far finta di non vedere il contrabbando di tabacco in Montenegro.

Inoltre Marovic è stato coinvolto in uno scandalo finanziario in cui furono acquistate attrezzature militari per € 296.000.000 dal boss montenegrino Mileta Dragic.

Note[modifica | modifica sorgente]

1 Marović ricoprì sia la carica di presidente che di primo ministro poiché gli uffici vennero unificati.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 40316520