Sven-Bertil Taube

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sven-Bertil Gunnar Evert Taube (Stoccolma, 24 novembre 1934) è un attore e cantante svedese.

Sven-Bertil Taube

Breve biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del noto cantautore svedese Evert Taube (1890-1976) e della scultrice Astri Bergman Taube (1898-1980), Sven-Bertil Taube iniziò ad appassionarsi alla musica folk e al folclore in generale viaggiando per l'Europa ancora molto giovane, tenendo d'altronde dei concerti quand'era ancora soltanto uno studente della Royal Beskow School di Stoccolma. Nel periodo di studi gli fu anche proposto di realizzare un album di musica folk tipicamente svedese dalla Folkway Records. Taube si laureò nel 1954 a Darien, nel Connecticut, presso la Cherry Lawn School. Nel corso della sua vita si sposò ben quattro volte ed ebbe quattro figli, nati rispettivamente nel 1960, nel 1965, nel 1979 e nel 1994.

Carriera musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il suo primo album risale al 1954, una sorta di cover di canzoni già cantate da suo padre, famoso cantautore svedese. Da quel primo album in poi molte saranno le canzoni riprese dal repertorio musicale del padre. Ha anche registrato canzoni del popolare compositore e poeta svedese del diciottesimo secolo, Carl Michael Bellman (1740-1795) e del poeta Nils Ferlin (1898-1961 ).

Carriera da attore[modifica | modifica wikitesto]

Taube iniziò inoltre una carriera da attore che lo portò a Londra, dove lavorò sia come attore teatrale che come attore di musical. La sua interpretazione maggiormente riuscita è quella del Principe Alberto in Io e Albert, musical del 1972. Successivamente andò alla ricerca di ruoli in film veri e propri, ottenendo un ruolo minore nel film La notte dell'aquila. La sua più recente interpretazione in un film è stata quella dell'anziano Henrik Vanger nella versione cinematografica della famosa serie di romanzi Millennium, in Uomini che odiano le donne.