Suzumiya Haruhi no shōshitsu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
La scomparsa di Haruhi Suzumiya
The Disappearance of Haruhi Suzumiya.jpg
Schermata del titolo del film
Titolo originale Suzumiya Haruhi no shōshitsu
Lingua originale Giapponese
Paese di produzione Giappone
Anno 2010
Durata 163 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere animazione
Regia Tatsuya Ishihara, Yasuhiro Takemoto
Soggetto Nagaru Tanigawa (autore delle light novel)
Sceneggiatura Fumihiko Shimo
Produttore Atsushi Itō, Hideaki Hatta
Casa di produzione Kyoto Animation
Art director Seiki Tamura
Character design Shoko Ikeda
Fotografia Ryūta Nakagami
Montaggio Kengo Shigemura
Musiche Satoru Kosaki
Doppiatori originali

Suzumiya Haruhi no shōshitsu (涼宮ハルヒの消失?), letteralmente La scomparsa di Haruhi Suzumiya, è un film d'animazione basato sull'omonimo quarto volume della serie di light novel La malinconia di Haruhi Suzumiya. Il film è stato prodotto dalla Kyoto Animation e proiettato nei cinema giapponesi dal 6 febbraio 2010.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

È circa metà dicembre ed il capo della Brigata SOS Haruhi Suzumiya annuncia ai propri compagni che la brigata terrà un party natalizio nell'aula del proprio club. I membri del club Kyon, Yuki Nagato, Mikuru Asahina ed Itsuki Koizumi si occupano dei preparativi per il party, come decorazioni e costumi. Ma appena un paio di giorni dopo, Kyon scopre che Haruhi è scomparsa. Haruhi non è soltanto scomparsa: è come se non fosse mai esistita. Inoltre Mikuru sembra non riconoscere Kyon e afferma di non averlo mai visto prima, Koizumi è come se non si fosse mai trasferito nella loro scuola e Yuki è l'unico membro del club di letteratura, che ovviamente è ospitato nell'aula in cui ci sarebbe dovuto essere la Brigata SOS. E in tutta la scuola nessuno ha mai sentito parlare di Haruhi Suzumiya. Kyon è l'unico in grado di capire cosa sia successo.

Sigla[modifica | modifica wikitesto]

La sigla di apertura del film è Bōken desho desho? (冒険でしょでしょ?? "È un'avventura, vero, vero?") di Aya Hirano, la stessa della prima stagione della serie animata.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gintama, Haruhi Suzumiya Films' Dates Listed in 2010, Anime News Network, 2 novembre 2009. URL consultato il 2 novembre 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]