Susan Atkins

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Susan Denise Atkins

Susan Denise Atkins (San Gabriel, 7 maggio 1948Chowchilla, 24 settembre 2009) è stata una criminale statunitense, condannata con gli altri assassini membri della "famiglia Manson", guidata da Charles Manson.

Atkins entrò nella famiglia Manson con il nome Sadie Mae Glutz e fu condannata per la sua partecipazione in otto degli omicidi della famiglia Manson, tra cui il più famoso, l'omicidio "Tate / La Bianca".

È stata condannata a morte ma successivamente la pena è stata commutata in carcere a vita in quanto lo stato della California abolì la pena di morte. Atkins è entrata in carcere il 1º ottobre 1969 e le è stata negata la libertà sulla parola per diciassette volte[senza fonte]. Susan è stata la detenuta che ha scontato la pena più lunga in un carcere femminile del sistema penale della California[senza fonte].

Affetta da cancro al cervello, nel settembre 2009 ha chiesto la grazia al dipartimento di correzione e riabilitazione della California, ma le è stata rifiutata[1]. La Atkins è deceduta il 24 settembre 2009 all'età di 61 anni nel penitenziario di Chowchilla.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Uccise Sharon Tate, no alla grazia, repubblica.it. URL consultato il 4 settembre 2009.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 92329249 LCCN: n77010762

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie