Survivor (singolo Destiny's Child)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Survivor
DestinyChildSurvivorVideo.jpg
Screenshot tratto dal videoclip
Artista Destiny's Child
Tipo album Singolo
Pubblicazione 8 maggio 2001Stati Uniti
15 maggio 2001 Regno Unito
Durata 4 min : 14 s
Album di provenienza Survivor
Dischi 1
Tracce 4
Genere Contemporary R&B
Rap
Dance pop
Etichetta Columbia Records
Produttore Beyoncé
Anthony Dent
Registrazione ai Chase Studios, Atlanta, e agli Enterprise Studios, Burbank, 2000
Formati CD Singolo, vinile singolo, DVD singolo
Certificazioni
Dischi d'argento Regno Unito Regno Unito[1]
(200.000+)
Dischi d'oro Stati Uniti Stati Uniti[2]
(500.000+)
Svezia Svezia[3]
(10.000+)
Dischi di platino Australia Australia[4]
(70.000+)
Giappone Giappone (2)[3]
(500.000+)
Destiny's Child - cronologia
Singolo precedente
(2000)
Singolo successivo
(2001)

Survivor è un singolo R&B della band statunitense Destiny's Child che dà il nome al loro terzo album uscito nel 2001. Prodotto dal membro della band Beyoncé e da Anthony Dent e scritto in collaborazione col padre della cantante, Mathew Knowles, il singolo è stato il primo estratto da Survivor ed è stato pubblicato nella prima metà del 2001. Il brano ha raggiunto la seconda posizione in USA e la prima posizione nel Regno Unito, in Irlanda, Olanda e Norvegia, oltre ad avere successo in tutto il mondo, diventando una delle canzoni più famose del gruppo e con cui è stato spesso identificato. Il singolo ha permesso alla band di conquistare il loro secondo Grammy come Best R&B Performance by a Duo or a Group with Vocal e il loro secondo MTV Video Music Award come Best R&B Video.

Composizione e testo[modifica | modifica sorgente]

L'ispirazione per comporre il brano è sorta a Beyoncé ascoltando un dj alla radio che scherzava riguardo al fatto che tre membri avevano lasciato le Destiny's Child; il dj paragonava la band al reality show Survivor (famosissimo negli States), chiedendo agli ascoltatori quale fosse stato secondo loro il prossimo membro ad essere cacciato dal gruppo. Così Beyoncé insieme a suo padre e a Anthony Dent ha utilizzato il titolo dello show come concetto base della canzone; negli Usa poi col termine "sopravvissuto" si intendono persone che hanno superato lunghi periodi bui e tormentati nella loro vita, riuscendo a risalire in vetta e a sopravvivere alle avversità. Survivor è infatti un manifesto di forza e tenacia, necessarie nella vita (e nel mondo dello spettacolo) per sopravvivere e arrivare in alto.

Nel ritornello del brano le tre ragazze cantano proprio di essere delle sopravvissute, di continuare a lavorare duro per realizzare i loro sogni, puntualizzando che non si lasceranno abbattere e non lasceranno perdere tutto. Questo è il primo pezzo delle Destiny's Child in cui Michelle Williams canta una propria strofa, ovvero l'ultimo ponte prima del ritornello finale, dove la cantante spiega che dopo tanta tristezza e oscurità torna la serenità, e che se ci si circonda di energia positiva, le proprie imprese acquisteranno un valore eterno.

Problemi legali e polemiche[modifica | modifica sorgente]

Le strofe e il ponte cantati da Beyoncé e Kelly Rowland sono stati causa di polemiche e problemi legali. Le ex componenti Letoya Luckett e LaTavia Roberson dopo aver ascoltato in radio il testo della canzone hanno intentato un'ulteriore causa contro Beyoncé, Kelly e il manager Mathew Knowles per violazione di accordi riguardo al non infangare pubblicamente l'immagine dell'altra parte. Diverse sono le frasi che hanno scatenato l'astio di Letoya e LaTavia: nel brano Beyoncé si rivolge a un ipotetico interlocutore, dicendogli che la sua vita è sensibilmente migliorata dopo che se n'è andato, che è più felice, più ricca, più saggia e più forte; nella seconda strofa afferma che se prima pensava di non potercela fare senza di lui, invece riesce a respirare, a vedere perfettamente, a vivere ed è arrivata anche in alto senza il suo aiuto. La frase che più di ogni altra ha destato i maggiori sospetti è quella in cui Beyoncé dichiara di aver venduto 9 milioni di copie, nonostante il timore di non vendere più dischi senza la persona a cui il brano è rivolto. Anche il ponte cantato da Kelly ha causato parecchi problemi: la cantante nella canzone augura il meglio a questo interlocutore, pregando che abbia successo e felicità, con l'assenza totale di stress; continua dicendo che non sparlerà di lui su internet, sui giornali o alla radio, e non mentirà su di lui e la sua famiglia compromettendo la propria cristianità. La seconda frase che ha mandato su tutte le furie Letoya e LaTavia è quella in cui Kelly dice di essere meglio di tutto questo e che sua madre l'ha educata in maniera migliore rispetto al destinatario della canzone. Le due ragazze avevano già portato in tribunale Mathew Knowles, Beyoncé e Kelly dopo aver visto il video di Say My Name, in cui sono state sostituite da due nuove componenti senza essere avvisate. Molti hanno visto in Survivor un messaggio rivolto proprio alle ex della band, ma la corte ha decretato che gli elementi non fossero abbastanza sufficienti affinché la parte di LeToya e LaTavia potesse essere risarcita.

Video[modifica | modifica sorgente]

Il videoclip del brano è stato diretto dal fidato Darren Grant e girato sia in interni che in esterni. Il video è stato presentato in anteprima mondiale su MTV Making The Video. Il concetto di base segue quello della canzone ispirato dallo show Survivor; le tre cantanti si risvegliano infatti sperdute sulla spiaggia di un'isola apparentemente deserta dopo un naufragio. Dopodiché trovano degli indumenti fatti di pelli di animali, li indossano e si inoltrano nella foresta, immergendosi in specchi d'acqua e scalando rocce. L'isola in realtà non è disabitata, e le tre ragazze (con un nuovo abbigliamento molto succinto secondo uno lo stile mimetico dei militari) eseguono una coreografia con gli abitanti dell'isola sullo sfondo di una sorta di tempio. Nell'ultimo ritornello le ragazze si accorgono della presenza di un elicottero giunto a cercarle, e quindi corrono verso la spiaggia per poter essere viste.

La versione remix del video elimina la prima strofa cantata da Beyoncé e il ponte cantato da Michelle, per fare posto a un lungo verso rap di Da Brat, la quale era già apparsa nel video remix di Jumpin' Jumpin'. La rapper appare sulla spiaggia dell'isola e mentre scale delle rocce in un abbigliamento mimetico.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Il singolo è uno dei più premiati del gruppo. È la seconda canzone dopo Say My Name, a far vincere alla band i loro premi più importanti per due anni consecutivi: Survivor trionfa ai Grammy Awards come Best R&B Performance by a Duo or a Group with Vocal e agli MTV Video Music Awards come Best R&B Video. Il brano viene nominato a tantissimi altri premi, tra cui vince come Best R&B/Soul Single, Group, Band or Duo ai Soul Train Music Awards.

Ricezione[modifica | modifica sorgente]

Il singolo è entrato nella Billboard Hot 100 al numero 43, diventando il debutto più alto in classifica della band fino a Lose My Breath del 2004 (che ha debuttato al numero 30). In poche settimane il pezzo ha raggiunto la posizione numero 2, quando in passato hit come No, No, No e Jumpin' Jumpin' erano arrivati al numero 3; il singolo non è riuscito a scalzare All for You di Janet Jackson dalla prima posizione, ma grazie al forte passaggio radiofonico è rimasto per cinque settimane alla posizione numero 1 della Hot 100 airplay (poi diventata Radio Songs).[5] Nella A.R.C. Top 40 invece il singolo è arrivato al numero 1, rimanendovi per due settimane consecutive, così come nella Billboard Hot Dance Music Maxi-Singles Sales chart, sove è rimasto in vetta per otto settimane. Nel Regno Unito la canzone ha debuttato direttamente al numero 1, vendendo più di 260.000 copie e diventando disco d'argento[6]. In Canada è arrivato al numero 2 come negli Usa, diventando il singolo di maggior successo nel paese, battendo Independent Women Part I (#3). In Nuova Zelanda il singolo è arrivato al numero 3, dove è rimasto stabile per tre settimane di seguito, mentre in Australia ha debuttato al numero 7, per poi passare altre 7 settimane in top20.

Nelle Filippine è la terza numero 1 conquistata dal gruppo dopo Say My Name e Independent Women Part I, mentre in Israele è stato il loro primo singolo a raggiungere la prima posizione. In Italia è stato il primo singolo di grande impatto della band e il primo a entrare in top10, entrando al numero 6 e spendendo 11 settimane in top20. In Olanda è stato il loro primo singolo a raggiungere il numero 1, quando No, No, No e Independent Women Part I erano arrivati al numero 2. Stesso risultato ottenuto in Irlanda e Norvegia, dove il singolo ha raggiunto la prima posizione nella sua seconda settimana di presenza in classifica. In Svizzera è stato il secondo singolo del gruppo a entrare in top5, arrivando al numero 5. In Austria è stato il primo singolo delle ragazze a entrare in top20, arrivando fino al numero 10, dove è rimasto per due settimane consecutive.

In Svezia è il singolo del gruppo che ha raggiunto la posizione più alta, e l'unico ad essere entrato in top5, arrivando fino alla terza posizione. In Danimarca è stato il loro secondo singolo consecutivo ad entrare in top5, arrivando al numero 4, posizione raggiunta anche in Finlandia. In Francia è stato il terzo singolo del gruppo a entrare in top20, dove ha passato 10 settimane consecutive raggiungendo la posizione numero 12.

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Classifica (2001) Posizione
Argentina 9
Australia 7
Austria 10
Belgio 5
Brasile 5
Canada 2
Olanda 1
Finlandia 4
Francia 12
Germania 8
Grecia 9
Irlanda 1
Israele 1
Italia 6
Nuova Zelanda 3
Norvegia 1
Filippine 1
Svezia 3
Svizzera 5
Regno Unito 1
U.S. Billboard Hot 100 2
U.S. Billboard Hot 100 Airplay[7] 1
U.S. Hot R&B/Hip-Hop Singles & Tracks 6
U.S. Hot Dance Music/Club Play 3
U.S. Billboard Rhythmic Top 40 1
U.S. A.R.C. Weekly Top 40 1

Tracce[modifica | modifica sorgente]

CD-Maxi Columbia 670 749 2
  1. Survivor (Album Version) - 4:01
  2. Survivor (Azza's Soul Remix Radio Edit) - 3:56
  3. Survivor (Digital Black-N-Groove Radio Mix) - 3:56
  4. Survivor (CB200 Club Anthem Mix) - 6:19
CD-Maxi Columbia 670780.2 (Sony) / EAN 9399700084771
  1. Survivor (Album Version) - 4:01
  2. So Good (Maurice's Soul Remix) - 7:34
  3. So Good (Digital Black-n-Groove Club Mix) - 4:10
  4. Independent Women Part I (Joe Smooth 200 Proof 2 Step Mix) - 4:16

Cover[modifica | modifica sorgente]

Nel 2011 il cast della serie televisiva Glee ha pubblicato una cover della canzone in medley con il singolo di Gloria Gaynor I Will Survive. La cover ha debuttato alla no.51 della Billboard Hot 100.[8] In Alvin Superstar 3: Si Salvi Chi può il gruppo delle Chipettes canta una cover della canzone.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.bpi.co.uk/certified-awards.aspx
  2. ^ http://www.riaa.com/goldandplatinumdata.php?table=SEARCH_RESULTS
  3. ^ a b http://www.ifpi.se/wp-content/uploads/ar-20011.pdf
  4. ^ http://aria.com.au/pages/aria-charts-accreditations-singles-2001.htm
  5. ^ http://www.billboard.com/#/charts/radio-songs?chartDate=2001-05-12
  6. ^ http://www.bpi.co.uk/certifiedawards/search.aspx
  7. ^ http://www.billboard.com/#/charts/radio-songs?chartDate=2001-04-14
  8. ^ http://www.billboard.com/#/charts/hot-100?begin=51&order=position
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica