Surplex

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Surplex GmbH
Logo
Stato Germania Germania
Fondazione 1999
Sede principale Düsseldorf
Persone chiave
Sito web www.surplex.com/it/home.html

Surplex GmbH è una compagnia specializzata principalmente nella compravendita di macchinari usati con sede a Düsseldorf. La società compra e vende macchinari usati e impianti industriali, organizza aste online e offre perizie e valutazioni[1]. Surplex è una delle poche società dell’era dot-com, ad oggi ancora attiva e redditizia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nascita della Società[modifica | modifica wikitesto]

Surplex.com AG è stata fondata dai fratelli Bruno e Florian Schick verso la fine del 1999, come una tipica compagnia start-up dell’era Dotcom[2]. L’idea di base era sviluppare un marketplace in rete per semplificate il commercio di macchinari usati e per rendere più trasparente il relativo mercato. Questo modello di business ha attratto molti investitori, privati e istituzionali. Consorzi internazionali come il gruppo Carlyle[3] e il gruppo francese Vivendi hanno investito nella società circa 50 milioni di Euro. Anche alcuni importanti investitori privati come Lars Schlecker, Lars Windhorst, Marc Schrempp o l’ex presidente della FIAT Paolo Fresco hanno investito in Surplex[4].

Crisi[modifica | modifica wikitesto]

Lo scoppio della bolla delle dot-com ha costituito un momento difficile per la sopravvivenza di Surplex.com AG. Alcuni uffici furono chiusi, la sede centrale fu spostata da Berlino a Düsseldorf e la maggior parte dei dipendenti perse il proprio posto. Nel marzo del 2003 Michael Werker, che proveniva dalla compagnia Deutz, specializzata nella costruzione di motori e autocarri, divenne amministratore delegato[5].

Ripresa[modifica | modifica wikitesto]

Solo grazie ad un riequilibrio della compagnia, ottenuto con l’introduzione di servizi più tradizionali, Surplex è stata capace di consolidare le proprie finanze. Oggi la società non si limita al business “virtuale”, ma offre anche servizi concernenti i macchinari usati “reali”, come ad esempio: consulenze personali, perizie e servizi di deposito. I macchinari e le linee di produzione di seconda mano sono commerciati in tutto il mondo. Inoltre, Surplex organizza aste (sia dal vivo che online) per compagnie come Linde, ABB, ThyssenKrupp e Bayer.

Prodotti[modifica | modifica wikitesto]

La piattaforma business-to-business rende Surplex uno dei leader europei nel settore della vendita di macchinari usati, e ha ricevuto il premio come migliore piattaforma da Forrest Research nel 2001. Al suo apice, il sito ha avuto oltre 8.000 clienti e più di 12.000 macchinari. Surplex è l’editore del maggiore magazine per strumenti e apparecchiature di seconda mano (Communicator). Con una tiratura di oltre 45.000 copie e 100.000 lettori, raggiunge persone in più di 100 diversi paesi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Servizi http://www.surplex.com/it/societa/servizi.html
  2. ^ Susanne Ziegert (2000-06-14). "Alte Industrie verdient im neuen Medium" (in (Tedesco)). Welt.de. Retrieved 2010-09-02.
  3. ^ "b-business Partners: Surplex Raises 30 Million Euro.". Thefreelibrary.com. 2000-12-14. Retrieved 2010-09-02.
  4. ^ "Surplex.com AG, 36 Mio. Venture Capital". Press1.de. Retrieved 2010-09-02.
  5. ^ "Personalien" (in (Tedesco)). Industrieanzeiger.de. 2003-06-16. Retrieved 2010-09-02.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende