Superclassifica Show

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Superclassifica Show/ Super/ Superclassifica 2
Logo del programma Superclassifica Show/ Super/ Superclassifica 2
Anno 1977-1995 come Superclassifica Show

1995-2001 come Super
dal 2013 come Superclassifica 2

Genere Musicale
Durata 2 ore
Produttore Tv Sorrisi e canzoni
Presentatore Maurizio Seymandi (1977-1995)

Gerry Scotti (1995-1996)
Martina Colombari (1996)
Ambra Angiolini (1996-1997)
Laura Freddi (1997-1998)
Peppe Quintale (1998-1999)
Matilde Brandi (1998-1999)
Vanessa Incontrada (1998-2000)
Elenoire Casalegno (2000-2001)
Niccolò Torielli (2013-in corso)

Regia Enzo Trapani, Pino Callà
Rete Telemilano 58 ed altre TV locali (1977-1980)
Canale 5 (1981-1997)
Italia 1 (1997-2001/2014-in corso)
Italia 2 (2013-2014)
« Ciao, ciao, ciao, un superformidabile ciao sempre in forma e informati con Tv Sorrisi e canzoni. Miao, hop! »
(Oscar Supertelegattone, voce di Franco Rosi)

Superclassifica Show è stato un programma televisivo musicale che settimanalmente informava sulle classifiche di vendita dei dischi ed era condotto da Maurizio Seymandi.

La trasmissione era abbinata al settimanale Tv Sorrisi e canzoni ed era ideata come contraltare della trasmissione della Rete 1 della RAI Discoring. Inizialmente in onda su un circuito di televisioni locali, a partire dal 1980 fu trasmessa su Canale 5 ottenendo molto successo e rimanendo nella memoria collettiva soprattutto grazie alla sigla che aveva come protagonista il Telegattone, simbolo del programma.

La classifica dei dischi era invece presentata dal DJ Super X che non era altro che una palla stroboscopica da discoteca conformata ad un volto con un microfono davanti; l'effetto era ottenuto facendo indossare un cappuccio verde a Sandra Brianza (organizzatrice della produzione) in modo da utilizzare l'effetto del Chroma Key insertando l'immagine della palla di specchi nell'area del cappuccio lasciando liberi occhi e bocca); tale personaggio aveva la voce di Franco Rosi.

I presentatori[modifica | modifica sorgente]

A partire dal 1995, la trasmissione subì varie modifiche: cambiò titolo in Super, concluse la collaborazione con TV Sorrisi e canzoni e vide l'abbandono di Maurizio Seymandi dopo ben 17 anni; a Seymandi succedettero vari conduttori: Gerry Scotti, Martina Colombari, Ambra Angiolini, Laura Freddi, Matilde Brandi, Peppe Quintale, Vanessa Incontrada ed Elenoire Casalegno e dal 2013 su Italia 2 il conduttore Niccolò Torielli.

Dal 1997 la trasmissione venne spostata su Italia 1 in quanto il programma era seguito prevalentemente da giovani e dunque più adatto alla seconda rete Mediaset da sempre rivolta ad un pubblico giovanile.

Nelle ultime stagioni Super veniva trasmesso anche durante la stagione estiva con il titolo Super Estate; in questa versione estiva il programma aveva come location Riccione.

Il nuovo Super, pur mantenendo buoni risultati di ascolto per molti anni, non riuscì mai ad ottenere la stessa popolarità del vecchio Superclassifica Show; l'ultima edizione, condotta da Elenoire Casalegno, andò in onda nella stagione 2000-2001.

Il ritorno[modifica | modifica sorgente]

Il programma è stato ripristinato il 13 gennaio 2013 sulla rete digitale Italia 2 con il nome di Superclassifica 2, in onda la domenica alle 12:10 tranne nel caso di gara di SBK o moto mondiale che va in onda alle 16:30. Da aprile 2014 il programma ritorna su Italia 1.

La regia[modifica | modifica sorgente]

Dal 1977 al 1981 in cabina di regia c'era Enzo Trapani, storico regista televisivo della RAI (Stryx, Fantastico) mentre dal 1982 subentrò Pino Callà che vi rimase fino alla chiusura della trasmissione nel 2001.

Scenografia[modifica | modifica sorgente]

La scenografia delle puntate dal 1977 al 1982 era curata da Gianluigi Mangano.

La sigla[modifica | modifica sorgente]

Nel corso degli anni, fino al 1995, la musica della canzone iniziale è sempre rimasta la stessa, mentre sono cambiate le parole a seconda dei "miti" del periodo (ad esempio se nel 1977 Oscar cantava "Senza di me Kabir Bedi non sarebbe che un baby", nel 1981 cambiava con "...Claudio Cecchetto non sarebbe che un pupetto"), così come delle evoluzioni tecnologiche (inizialmente le parole erano "Come tutti i gatti, vivo sopra i tetti, appoggiato all'antenna centrale, io controllo la Tv locale"[queste parole sono state usate anche nella sigla dell'edizione 2013 andata in onda su Italia 2 ma con l'aggiunta delle parole "supertelegattone","con la faccia in Tv ora sono un gatto","con i baffi all'insù ora sono un gatto " , "con gli occhi più blu" e "Supertelegattone" e "se vi piace chiamatemi oscar "{alcune di queste parole usate anche nella sigla delle edizioni precedenti}alla fine della sigla. Durante la sigla di questa edizione venivano mostrate anche immagini della sigla delle vecchie edizioni del programma]mentre nel 1988 divennero: "Come i supergatti, vivo dentro ai fatti, dal satellite artificiale, vi racconto tutto nel mio giornale"), e il DJ Super X, montato dal regista Ernesto Palazzolo, assunse degli occhiali scuri. La canzone SuperTeleGattone venne pubblicata su 45 giri nel 1981 (etichetta Dischi Ricordi, SRL-10953). Nel 1988, inoltre venne cambiato il logo della trasmissione. La voce di Oscar è del cantante Stefano Seno.

La musica[modifica | modifica sorgente]

Nel corso del programma lo stesso Seymandi intervistava qualche cantante in studio. I primi due cantanti ad apparire sono stati Renato Zero, che cantava Mi vendo, e Umberto Tozzi con la sua celebre Ti amo. Un'apertura in grande stile che, però strideva con la povertà della scenografia - una piazza di paese: idea poi ripresa da altre trasmissioni nel corso degli anni. Povertà dovuta al fatto di essere una produzione completamente indipendente, fino all'arrivo della Fininvest, intorno al 1985. Nel corso degli anni si tentò - sulla scia di alcune trasmissioni musicali tedesche - di sceneggiare i vari interventi canori grazie anche alla presenza di comparse. Tutti gli interventi erano rigorosamente in playback. Dall'Ottobre 1987 fino al Marzo 1995, il responsabile artistico (musicale) è stato Iliano Casini - giovane ed emergente compositore ed arrangiatore - che, durante quel lasso di tempo ha curato e composto tutte le musiche originali della trasmissione (Jingles, break pubblicitari, musiche di sottofondo alle interviste agli artisti, etc.etc.) nonché tutti gli arrangiamenti delle canzoni per due delle più seguite rubriche del programma: "Il Cantafamiglia" e "Do-Re-Mi-Fax".

Dal 1995, con il cambio della formula, il programma divenne più semplice con semplici esibizioni canore, alcune delle quali dal vivo, precedute o seguite da brevi interviste.

La classifica[modifica | modifica sorgente]

Elemento costante e fondamentale di tutte le edizioni del programma è stata la classifica degli album più venduti della settimana in Italia. Dal 1977 al 1995 la classifica fu curata da TV Sorrisi e canzoni e presentata da DJ Super X.

A partire dal 1995, con il passaggio da Superclassifica Show a Super, la classifica è stata curata dai network radiofonici che collaboravano con il programma (prima Radio Deejay, dal 1995 al 1998 ed in seguito R101, dal 1998 al 2001) e presentata dagli speaker di quest'ultimi.

Nelle ultime edizioni venivano illustrate anche le classifiche dei dischi più venduti di altri paesi (tra cui quella degli Stati Uniti e del Regno Unito).

Gli studi[modifica | modifica sorgente]

Inizialmente il programma veniva girato negli studi di TeleBaggio, emittente locale milanese dell'epoca. Successivamente il programma venne trasferito negli studi CTC di Milano in Viale Legioni Romane, 43.

Dalla fine degli anni '70 la produzione venne curata da Asa Television e portata nei propri studi di Cinisello Balsamo in Via Segantini (gli stessi di Colpo grosso) fino al 1995, anno di chiusura del programma.

Negli oltre quindici anni di produzione di Superclassifica Show si alternarono un gran numero di professionisti, alcuni dei quali oggi sono dirigenti di importanti società e network televisivi, pionieri di una televisione che ha fatto scuola e che ha inventato i videoclip musicali.

Un particolare ricordo va ad Aldo Giuttari, prematuramente scomparso nel giugno 2013, all'epoca Primo Cameraman di rara sensibilità e successivamente Direttore della Fotografia di programmi come Striscia la Notizia, Paperissima ecc., Danilo Radice (Direttore Tecnico e prima assunzione a tempo indeterminato di ASA Television - 1979), Nando Tagliani (Capo Elettricista), Sandra Brianza (Organizzatrice della Produzione), Richard Mallaby (Cameraman e Luci), Luigi Seccia (Controllo Camere), Roberto Zamboni (RVM), Dario Zanon (Cameraman), Pippo Ghezzi (Fonico), Giancarlo Betté (Direttore di Produzione) e molti altri.

Tale programma venne montato da Danilo Radice (Direttore Tecnico ASA dal 1979 al 1983), Sergio Diotti, Carlo Puntelli ed altri.

La prima edizione di "Super" con Gerry Scotti veniva registrata negli Icet Studios di Via Ingegnoli a Cologno Monzese, per poi trasferirsi al Michelangelo Studio sempre a Cologno Monzese e di proprietà dello stesso conduttore. Qui vi rimase anche per tutte le successive edizioni.

Nell'ultima edizione, condotta da Elenoire Casalegno, il programma venne invece trasmesso all'interno della discoteca Peter Pan di Riccione.

Il ritorno 2[modifica | modifica sorgente]

Nel 2013 il programma è tornato in onda sulla rete digitale Mediaset Italia 2 ed è stato leggermente rivisitato. D'inverno la trasmissione era condotta da Mr dj ( voce di Niccolò Torielli) e venivano percorse , spiegate e mostrate tutte le posizioni e i video delle canzoni (alcuni sì e altri no). I video delle canzoni venivano mostrati per intero o a metà , e , in alcuni video prima di essere mostrati c'erano i cantanti che mandavano un saluto a Superclassifica 2 , inoltre veniva mostrata anche la playlist di TV sorrisi e canzoni e la "web selection" ( alcuni video trovati sul web). Il programma era diviso in due parti : posizioni dalla 50 alla 26 e posizioni dalla 25 alla 1 e venivano annunciate dalla sigla e intervallate dalla pausa pubblicitaria. Era presente anche un secondo spazio pubblicitario nella seconda parte dopo il video della 14ª/12ª posizione. Nella seconda parte del programma, prima di mostrare ultime 3 posizioni veniva fatto il riepilogo dalla 10ª alla 4ª posizione e prima di mostrare la numero 1 veniva nuovamente fatto il riepilogo dalla 3ª alla 1ª posizione. Il programma finiva quando il conduttore, prima di mostrare il video della 1ª posizione salutava i telespettatori e i titoli di coda apparivano prima di apparire il video della 1ª posizione appena il conduttore aveva finito di salutare i telespettatori o durante il video della 1ª posizione. Il video della 1ª posizione finiva con l'annuncio di poter rivedere il programma su videomediaset.it. D'estate invece il programma era privo di conduzione e venivano mostrati di fila tutti i video delle posizioni ( per intero o a metà) , i saluti dei cantanti , delle "web selection" intervallati da qualche pausa pubblicitaria facendo così una superclassifica come le superclassifiche di MTV e MTV music e la fine della prima parte e l'inizio della seconda veniva annunciato dalla sigla oltre alla sigla di apertura della prima parte del programma e da uno spazio pubblicitario ed era presente anche uno spazio pubblicitario durante la seconda parte del programma (dopo il video della 14ª/12ª posizione). Il riepilogo dalla 10ª alla 4ª posizione e dalla 3ª alla 1ª posizione era presente ma senza la voce del conduttore. Per alcuni giorni dell'estate sono andate in onda alcune puntate sempre senza conduzione dove venivano mostrati il meglio dei video mostrati in classifica. Da aprile 2014 il programma ritorna su Italia 1.

Emittenti locali che hanno trasmesso Superclassifica Show dal 1977 al 1988[modifica | modifica sorgente]