Suore del Bambino Gesù

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima congregazione, fondata a Le Puy nel 1667, vedi Suore del Bambin Gesù.

Le suore del Bambino Gesù (in francese Sœurs de l'Enfant Jésus) sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio: i membri di questa congregazione, dette popolarmente dame di Saint-Maur, pospongono al loro nome la sigla I.J.S.[1]

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

La congregazione venne fondata nel 1666 a Rouen dal frate minimo Nicolas Barré (1621-1686): già docente di teologia scolastica nel convento di Place Royale a Parigi, nel 1647 padre Barré aveva iniziato ad aprire scuole di carità gratuite per i fanciulli poveri e a istituire delle comunità di maestre che si occupassero della loro direzione.[2]

Continuò tale opera anche a Rouen, dove riunì un gruppo di giovani donne aristocratiche e diede loro la regola del III ordine dei minimi: tale comunità venne approvata come congregazione religiosa dall'arcivescovo di Rouen. Nel 1674 Barré aprì un seminario per la formazione delle sue suore con sede in rue de Saint-Maur: le religiose presero quindi a essere appellate Dame di Saint-Maur.[2]

La congregazione si espanse rapidamente a Parigi, in Linguadoca e in Aquitania: a metà del XIX secolo vennero aperte sedi anche in Malesia, a Singapore e in Giappone. Venne approvata dalla Santa Sede con decreto del 21 novembre 1866: le sue costituzioni vennero approvate nel 1892.[2]

Attività e diffusione[modifica | modifica sorgente]

Le dame di Saint-Maur hanno per fine l'istruzione e l'educazione cristiana della gioventù.

Sono presenti in Europa (Cechia, Francia, Irlanda, Italia, Regno Unito, Spagna), in Africa (Camerun, Nigeria), in Asia (Giappone, Malaysia, Singapore, Thailandia) e in America meridionale (Bolivia, Perù):[3] la sede generalizia è a Pound Hill, in Inghilterra.[1]

Al 31 dicembre 2005 l'istituto contava 741 religiose in 153 case.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2007, p. 1536.
  2. ^ a b c DIP, vol. VIII (1988), coll. 898-901, voce a cura di G. Rocca.
  3. ^ Where we live & work. URL consultato il 31-7-2009.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo