Suolo salino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un suolo salino, Arizona. L'orizzonte di accumulo dei sali è quello sottosuperficiale (cosiddetto orizzonte diagnostico salico).

Un suolo salino è una particolare tipologia di suoli in cui si ha accumulo di elementi solubili, come solfati o cloruri di sodio.

Le condizioni necessarie per la loro formazione sono un clima asciutto, dove le precipitazioni siano inferiori all'evapotraspirazione potenziale; l'acqua, nei lunghi periodi secchi, tende a risalire invece che a percolare verso il basso, permettendo così il depositarsi di questi sali su tutto il profilo, anche fino a concentrazioni che possono risultare tossiche per i vegetali.

Oltre a questo fattore climatico, altri fattori predisponenti la formazione dei suoli salini sono:

  • materiali parentali ricchi in sali, come ad esempio gessi, evaporiti o sedimenti argillosi con particolare presenza di sodio (come le biancane toscane);
  • fenomeni di aerosol superfici soggette a periodiche inondazioni di acque salmastre o spruzzi di acque salate portate dal vento in occasione di burrasche e mareggiate;
  • terreni posti in aree con presenza di cuneo salino.

L'aridità influenza tutti i processi pedogenetici che avvengono in un suolo di questo tipo e che portano alla sua formazione. Questo fattore ha grande importanza ai fini agronomici, dato che, se non adeguatamente calibrata, l'irrigazione può portare in breve tempo alla salinizzazione o alla sodicizzazione del suolo.

In certi casi l'abbondante sodio si presenta come ione scambiabile, costituendo più del 15% del complesso di scambio di un suolo, provocando forti aumenti del pH e distruzione della struttura stabile del suolo: si parla allora di suoli alcalini.

A causa della grande estensione delle zone aride sulla Terra, anche questa tipologia di suoli ha una certa diffusione: fra le zone più interessate da salinità del suolo sono l'Asia Centrale, il Medio Oriente e il Nordafrica, gli Stati Uniti sudoccidentali e il Messico nordoccidentale.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • P. Casati. Scienze della Terra, volume I - Elementi di geologia generale. CittàStudi edizioni, Milano, 1996. ISBN 8825171269.
  • P. Casati, F. Pace. Scienze della Terra, volume II - L'atmosfera, l'acqua, i climi, i suoli. CittàStudi edizioni, Milano, 1996.
  • A. Giordano. Pedologia. Edizioni UTET, Torino, 1999. ISBN 8802053936.
  • D. Magaldi, G.A. Ferrari. Conoscere il suolo - Introduzione alla pedologia. ETAS libri edizioni, Milano, 1984.
  • M. Cremaschi, G. Rodolfi. Il suolo - Pedologia nelle scienze della Terra e nella valutazione del territorio. La Nuova Italia Scientifica, Roma, 1991.
  • G. Gisotti. Principi di geopedologia. Edizioni Calderini, Bologna, 1988. ISBN 8870193470.
  • Istituto Geografico De Agostini. Enciclopedia geografica. Edizione speciale per il Corriere della Sera, vol. 7. RCS Quotidiani S.p.A., Milano, 2005. ISSN: 18249280
  • Istituto Geografico De Agostini. Enciclopedia geografica. Edizione speciale per il Corriere della Sera, vol. 6. RCS Quotidiani S.p.A., Milano, 2005. ISSN: 18249280
  • USDA - NRCS. Soil Taxonomy, 2nd Edition. Agricultural Handbook n. 436, 1999.
Pedologia Portale Pedologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Pedologia