Sunset Limited (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sunset Limited
SunsetLimited.png
Tommy Lee Jones e Samuel L. Jackson in una scena del film
Titolo originale The Sunset Limited
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2011
Formato film TV
Genere drammatico
Durata 91 min
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 1.85 : 1
Colore colore
Audio Dolby Digital
Crediti
Regia Tommy Lee Jones
Soggetto Cormac McCarthy (opera teatrale)
Sceneggiatura Cormac McCarthy
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Fotografia Paul Elliott
Montaggio Roberto Silvi, Larry Madaras (co-montatore)
Musiche Marco Beltrami
Scenografia Merideth Boswell
Produttore Barbara A. Hall, Wesley A. Oliver (co-produttore)
Produttore esecutivo Tommy Lee Jones
Casa di produzione HBO Films, Javelina Film Company Productions
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Data 12 febbraio 2011
Rete HBO
Prima TV in italiano (pay TV)
Data 2 ottobre 2011
Rete Cult

Sunset Limited (The Sunset Limited) è un film per la televisione del 2011 diretto da Tommy Lee Jones, tratto dall'omonima opera teatrale di Cormac McCarthy, adattata per il piccolo schermo dallo stesso autore.

Negli Stati Uniti è andato in onda il 12 febbraio 2011 su HBO mentre in Italia è andato in onda il 2 ottobre 2011 su Cult.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il film espone, in tempo reale, un fitto dibattito tra due soli personaggi, entrambi anziani: un uomo di colore, ex detenuto per omicidio ed ora operaio, e un uomo bianco, professore ed aspirante suicida.

Il dialogo tra questi due personaggi si sviluppa nelle ore subito precedenti l'alba, in una stanza del modesto appartamento cittadino in cui vive l'uomo di colore. Inizialmente i due si fronteggiano in silenzio, seduti ad un tavolo collocato al centro della stanza. Apprendiamo dai loro primi scambi di parole, che fino a poche ore prima i due non si conoscevano, e quindi sono fondamentalmente degli estranei l'uno per l'altro. Si intuisce anche che l'anziano professore ha cercato di buttarsi sotto un treno[1], ma è stato salvato in extremis dall'intervento dell'ex detenuto, apparso come dal nulla all'ultimo momento per strappare il professore da morte certa.

Il padrone di casa cerca di trattenere il più a lungo possibile con sé il suo infelice ospite, convinto che nelle condizioni di estrema depressione e di disperazione in cui si trova il professore, una volta lasciato solo, tenterà di nuovo il suicidio. Oltre a condividere con lui la sua modesta mensa, l'uomo inizia un'intensa attività di indottrinamento religioso, cercando di persuadere il suo restio interlocutore a condividere le sue radicate convinzioni religiose, sviluppate nei lunghi anni di espiazione carceraria, dopo aver commesso numerosi atti di violenza a danno dei propri simili.

Senza nascondere fastidio e disilluso cinismo, il professore ascolta con attenzione il lungo tentativo del suo salvatore di convertirlo, di persuaderlo che esistono una vita dopo la morte, un Dio misericordioso e un'anima destinata a vita eterna, e che l'esistenza umana ha un significato assai più profondo rispetto alla visione miserabile e triste che appare a lui, uomo talmente amareggiato e privo di risorse da essere ormai determinato a commettere peccato mortale mediante il suicidio.

Ma nonostante il serrato dibattito che si sviluppa tra i due uomini, ad un tratto il professore si lascia andare e rivela al suo ospite attonito tutta l'aspra e spaventosa aridità che alberga nel suo pensiero disincantato, la sua certezza che la vita sia soltanto un percorso amaro e privo di significati, che la religione sia l'effetto della suggestione provocata dalla sofferenza del vivere. Senza mezzi termini lascia insomma trasparire le ragioni del suo radicato ateismo e la sua precisa aspirazione alla fine di un'esistenza vissuta ormai solo più come un tormento inaccettabile. Dopo questa confessione, l'uomo si alza e lascia bruscamente l'appartamento.

L'ex detenuto è ammutolito e traumatizzato dalle ultime parole del suo ospite e sembra convinto che tutto il suo sforzo (nell'aver salvato l'uomo, prima, e nell'aver cercato di risvegliare la sua fede, dopo) sia stato qualcosa di completamente inutile. Rimasto solo e apparentemente contagiato dalla depressione del suo interlocutore, immagina di parlare con Dio chiedendosi perché ha dato a White le parole giuste che invece lui non ha avuto.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ il convoglio, chiamato familiarmente "Sunset Limited", da cui deriva il titolo della pièce, è un treno passeggeri che collega New Orleans e Los Angeles, anche se l'ambientazione urbana del film fa pensare piuttosto a New York

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione