Sumida

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo quartiere di Tokyo, vedi Sumida (Tōkyō).
Sumida
Sumida
Una foto del ponte Chuo
Stato Giappone Giappone
Regioni Kantō
Lunghezza 23 5 km
Sfocia Baia di Tokyo

Il Sumida (隅田川, Sumida-gawa) è un fiume che scorre attraversando Tokyo, in Giappone.

Caratteristiche principali[modifica | modifica wikitesto]

Nasce dal fiume Arakawa presso Iwabuchi e scorre fino alla baia di Tokyo. Tra i suoi affluenti vi sono i fiumi Kanda e Shakujii.

Quello che adesso è conosciuto come Sumida precedentemente era il percorso dell'Arakawa, in quanto alla fine del periodo Meiji il suo corso venne deviato dal letto principale per prevenire le frequenti inondazioni che interessavano l'area.

Il Sumida a Tokyo[modifica | modifica wikitesto]

Il Sumida passa attraverso i seguenti quartieri di Tokyo:

I ponti sul Sumida[modifica | modifica wikitesto]

Una foto del ponte Ryōgoku scattata prima della seconda guerra mondiale.

Il Sumida scorre per 27 chilometri sotto 26 ponti, spaziati da circa un chilometro l'uno. Tra questi i principali sono:

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Cittadini di Tokio a spasso lungo le rive del Sumida in un'opera di Hiroshige.

L'opera Noh Sumidagawa, che il compositore britannico Benjamin Britten vide quando visitò il Giappone nel 1956, lo ispirò per comporre Curlew River (1964), un dramma basato sulla storia.

L'opera kabuki Sumidagawa-Gonichi no Omokage è meglio conosciuta con il titolo di Hokaibo, il nome del protagonista della storia. Questo dramma venne scritto da Nakawa Shimesuke e fu per la prima volta recitato ad Osaka nel 1784. L'opera continua ad essere inclusa nel repertorio kabuki in Giappone e recitata anche in occidente, come al festival Heisei Nakamura-za del Lincoln Center Festival a New York nell'estate del 2007, con Nakamura Kanzaburō XVIII a guidare il cast.[3]

Il poeta Matsuo Bashō visse sul Sumida, lungo una riva su cui sorgevano alberi di banane (bashō in giapponese) da cui prese il suo nome d'arte.[4]

Il Sumida appare in una haiku di Issa del 1820, i cui versi recitano: "Harusame ya
Nezumi no nameru
Sumida-gawa"

(traduzione: "Pioggerella primaverile-
lecca, un topolino,
il fiume Sumida")

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Titsingh, p. 415.
  2. ^ Titsingh, Isaac. (1834). Annales des empereurs du Japon, p. 415.
  3. ^ Lincoln Center Festival, Hokaibo program notes in Playbill. July 10–29, 2007.
  4. ^ Leggere, per esempio, le righe di apertura di Records of a Weather Exposed Skeleton, pubblicato nella raccolta The Narrow Road to the Deep North and Other Travel Sketches, Penguin Classics

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Giappone Portale Giappone: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Giappone