Sultanato d'Egitto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il sultanato medievale (XIII-XVI secolo), vedi Sultanato mamelucco (Il Cairo).
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Sultanato d'Egitto
Sultanato d'Egitto – Bandiera Sultanato d'Egitto - Stemma
Sultanato d'Egitto - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo al-Salṭana al-Miṣriyya
Nome ufficiale السلطنة المصرية
Lingue ufficiali arabo
Lingue parlate arabo
inglese
Capitale Il Cairo
Dipendente da Regno Unito
Politica
Forma di Stato Sultanato
Forma di governo monarchia costituzionale
Sultano Husayn Kāmil (1914-1917)
Fuʾād I (1917-1922)
Nascita 1914
Causa Insurrezione egiziana contro il Regno Unito
Fine 1922 con Fuʾād I
Causa Indipendenza formalmente riconosciuta dalla Gran Bretagna
Territorio e popolazione
Bacino geografico Egitto-Sudan
Territorio originale Egitto
Massima estensione 995.450 km² nel 1922
Economia
Valuta Lira egiziana (ghiné)
Religione e società
Religioni preminenti Islam - Cristianesimo copto
Religione di Stato Islam
Religioni minoritarie Ebraismo
Evoluzione storica
Preceduto da Flag of Muhammad Ali.svg Khedivato d'Egitto
Succeduto da Flag of Egypt (1922–1958).svg Regno d'Egitto

Il Sultanato d'Egitto (in arabo: السلطنة المصرية, al-Salṭana al-Miṣriyya), altrimenti definibile Protettorato britannico sull'Egitto, è il nome dato al regime di protettorato imposto dal Regno Unito all'Egitto tra il 1914 e il 1922.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 dicembre del 1914, da poco iniziata la Prima guerra mondiale, il Regno Unito, anche per contrastare l'Impero ottomano, impose il proprio protettorato all'Egitto (di cui s'era di fatto impadronito fin dal 1882), deponendo il khedivè Abbas Hilmi II per sostituirlo con lo zio, il Sultano Husayn Kamil. Da quel momento si fece rappresentare da un Alto Commissario, nella persona del Ten. Gen. Henry MacMahon.
Nel gennaio 1915, gli Ottomani inviarono un esercito di 65.000 uomini[1], sotto il comando nominale di Jemal Pascià, ma in realtà condotto da ufficiali tedeschi. L'esercito ottomano doveva fronteggiare le forze armate britanniche, guidate dal Mag. Gen. Sir John Grenfell Maxwell, nell'intento di sconfiggerle e riprendere, almeno teoricamente, la sovranità sull'Egitto: ma il 3 febbraio 1915, a Tussun, dodici miglia da Ismāʿīliyya, l'esercito fu sconfitto dai britannici, che impiegarono anche 4 loro navi da guerra - Swiftsure, Ocean, Minerva e Clio - mentre a Port Said 2 navi francesi erano pronte per un eventuale intervento.

Nel marzo del 1919, dopo l'incarcerazione e il successivo esilio a Malta di Sa'd Zaghlul e di tre altri dirigenti del partito Wafd (partito nazionalista egiziano che si batteva per l'indipendenza del Paese) - Isma'il Sidqi, Muhammad Mahmud e Hamad al-Bassal - gravi disordini scoppiarono in Egitto, specialmente a Tanta e nella provincia di Asyut, nell'Alto Egitto. Essi furono repressi in modo particolarmente violento, tanto da provocare la morte di un migliaio di egiziani a fronte di appena 30 britannici.

Il maresciallo Edmund Allenby, nominato Alto Commissario in Egitto il 25 marzo 1919, ordinò allora il ritorno dei tre esiliati per tentare di riportare nel Paese la calma.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si vedano i dati forniti da fonte britannica

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]