Suleyman Çelebi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Süleyman Çelebi, detto anche Süleyman di Bursa (13511422), è stato un poeta ottomano dal 1413 al 1421[non chiaro]. Deve la sua fama a un poema religioso, Mevlit, scritto nel 1409.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Süleyman Çelebi proviene da una famiglia di studiosi. Egli era il pupillo del Sultano Bayazid I e poi del suo successore, il figlio minore del Sultano, Mehmet I. Fu nominato imam della moschea di Bursa e del Palazzo imperiale.

Süleyman deve la sua fama per il successo del suo poema scritto in turco, Mevlit [1] ("La Nascita"), composto nel 1409.

È morto a Bursa nel 1422.

L'opera[modifica | modifica wikitesto]

Il Mevlit (o Mevlid, Mevlüd, Mevlüt) celebra l'onnipotenza di Dio e la gloria del Profeta.

In Turchia, questo testo è utilizzato nella religione popolare per gli eventi della vita felici o dolorosi. Si recita il testo, anche per gli anniversari di una morte, una nascita, la circoncisione o l'acquisto di un appartamento. Quando la preghiera è detta alla moschea, la famiglia distribuisce coni di carta pieni di caramelle a coloro che hanno partecipato. Recitata a casa, questa preghiera è spesso seguita da un ricevimento di una straordinaria abbondanza.

Da notare[modifica | modifica wikitesto]

Süleyman Bey (13??-1413) è talvolta chiamato Süleyman Çelebi, tutti e due sono contemporanei. Süleyman Bey è il primogenito dei figli del Sultano Ottomano Bayazid I e rivale di suo fratello minore Mehmed I.

Vedere anche[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti e documenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mevlit (o Mevlid, Mevlüd, Mevlüt) deformazione in lingua turca della parola araba Mawlid o Mulud abbreviazione dell'espressione: al-mawlid an-nabawîy, in arabo: المولد النبويّ, la nascita del Profeta