Suillus mediterraneensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Suillus mediterraneensis
Suillus mediterraneensis.jpg
Suillus mediterraneensis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Boletales
Famiglia Suillaceae
Genere Suillus
Specie S. mediterraneensis
Nomenclatura binomiale
Suillus mediterraneensis
(Jacquet. & J. Blum) Redeuilh, 1992
Caratteristiche morfologiche
Suillus mediterraneensis
Cappello convesso icona.svg
Cappello convesso
Pores icon.png
Imenio pori
Adnate gills icon2.svg
Lamelle adnate
Olive spore print icon.png
Sporata oliva
Ring stipe icon.png
Velo anello
Immutabile icona.png
Carne immutabile
Mycorrhizal ecology icon.png
Micorrizico
Nofoodlogo.svg
Non commestibile

Suillus mediterraneensis (Jacquet. & J. Blum) Redeuilh, Docums Mycol. 22(no. 86): 40 (1992).

Il Suillus mediterraneensis è un fungo dell'areale mediterraneo. Cresce sotto i pini marittimi, il più delle volte assieme ad altri Suillus simili, quali Suillus bellinii, Suillus granulatus f. marchandii e Suillus collinitus.

Descrizione della specie[modifica | modifica wikitesto]

Cappello[modifica | modifica wikitesto]

Convesso, regolare, a tarda maturità piano convesso, 5-12 cm di diametro;

cuticola
separabile per 3/4, mediamente vischiosa a tempo umido, colore uniforme che va dal castano chiaro al bruno rossastro;
margine
concolore alla cuticola.

Tubuli[modifica | modifica wikitesto]

Corti, fino a 8 mm di lunghezza, decorrenti.

Pori[modifica | modifica wikitesto]

Di media grandezza, angolosi, prima giallo vivo, poi giallo-grigiastro, infine giallo brunastro.

Gambo[modifica | modifica wikitesto]

Cilindrico, regolare, a volte un po' attenuato alla base, diametro di 1,5-2,5 cm, a volte leggermente eccentrico di colore biancastro, coperto da minute granulazioni brunastre.

Carne[modifica | modifica wikitesto]

Poco consistente, biancastra, bianco-giallastra.

Microscopia[modifica | modifica wikitesto]

Spore
fusiformi, lisce, 9-12 x 4-4,5 µm.
Basidi
fusiformi, tetrasporici, raramente bisporici, 20-30 x 5-7 µm.
Cistidi
clavati, cilindrici, 40-60 x 6-12 µm.
Caulocistidi
lunghi 30-60 x 5- 8 µm.

Commestibilità[modifica | modifica wikitesto]

Considerato commestibile, tuttavia sono stati segnalati alcuni casi di intossicazione avvenuti in Calabria con disturbi che andavano dal mal di pancia alla diarrea persistente della durata di una giornata circa e in alcuni casi vomito.

Specie simili[modifica | modifica wikitesto]

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Cresce nei boschi di aghifoglie, frequente sotto pino d'Aleppo, meno comune sotto il pino domestico e pino marittimo.

Sinonimi e binomi obsoleti[modifica | modifica wikitesto]

  • Suillus granulatus var. mediterraneensis Jacquetant & J. Blum 19691
  • Suillus leptopus (Persoon) A. Marchand 19712

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Dal latino mediterraneènsis = del Mediterraneo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bertault R. - 1979 - Bolets du Maroc. Bull. Soc. Mycol. de France 95(3): 297-318.
  • Blum J. - 1965 – Essai de détermination des Bolets du group Granulatus. Bull. Soc. Mycol. de France 81(3): 450-491.
  • Blum J. - 1969 – Révision des Bolets (Cinquième note). Bull. Soc. Mycol. de France 85(1): 26-43.
  • Courtecuisse R. & Duhem B. - 1994 - Guide des Champignons de France et d'Europe, Delachaux et Niestlé.
  • Lavorato C. - 1996 - Suillus mediterraneensis (Jacq. & Blum) Redeuilh, Specie tossica? - Rivista di Micologia, 39(2): 147-149
  • Pantidou M. & R. Watling - 1970 – A Contribution to the study of the Boletaceae-Suilloideae. Notes Roy. Bot. Gard. Edinburg 30(1): 207-237.
  • Redeuilh G. - 1992 – Combinaisons nouvelle. Doc. Mycol. de France 22(86): 40.
  • Singer R. - 1938 – Sur les genre Ixocomus, Boletinus, Phylloporus, Gyrodon et Gomphidius. Revue de Mycol. 3: 35-53.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia