Sui marciapiedi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sui marciapiedi
Dana Andrews Sui marciapiedi Preminger 1950.png
[Dana Andrews]
Titolo originale Where the Sidewalk Ends
Paese di produzione USA
Anno 1950
Durata 95 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere noir
Regia Otto Preminger
Soggetto William L. Stuart (romanzo Night Cry)
Sceneggiatura Ben Hecht (sceneggiatura), Robert E. Kent, Frank P. Rosenberg, Victor Trivas (adattamento)
Produttore Otto Preminger
Casa di produzione 20th Century Fox
Fotografia Joseph La Shelle
Musiche Cyril J. Mockridge
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

(oggi ridoppiato)

Sui marciapiedi (Where the Sidewalk Ends) è un film noir del 1950 diretto da Otto Preminger con Dana Andrews, Gene Tierney e Gary Merrill.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia si svolge a New York, dove il poliziotto Dixon (Dana Andrews), che è spesso richiamato dal suo superiore per i suoi metodi forti, causa accidentalmente la morte di un sospetto che ha ucciso un ricco texano in una bisca del gangster Scalise (Gary Merrill). Dixon nasconde i segni del suo crimine e cerca di far ricadere la colpa dell’omicidio su Scalise. Le cose non vanno però come aveva previsto, perché viene incolpato un taxista, che si rivela essere l’ex-suocero della vittima che era passato di lì nel momento dell’omicidio. Le cose si complicano ulteriormente quando Dixon si innamora dell’ex-moglie della vittima.

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

Molti critici lo paragonano al primo film di Preminger, Laura che usa gran parte del talento di questo film, a partire dagli attori principali, Andrews e Tierney, sceneggiatore, direttore della fotografia e montatore. Il film, che è un forte noir, descrive, in accordo con gli sceneggiatori, un lato oscuro dei poliziotti come pochi film noir avevano saputo fare prima.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema