Suge Knight

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marion Hugh Knight meglio conosciuto con lo pseudonimo di Suge Knight (Compton, 19 aprile 1965) è un produttore discografico statunitense, è stato co-fondatore ed amministratore delegato dell'etichetta discografica Death Row Records.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La giovinezza e i primi contatti con la musica[modifica | modifica sorgente]

Marion Knight nasce a Compton, in California. Il suo soprannome, "Suge", deriva da un soprannome d'infanzia, quando veniva chiamato "Sugar Bear"[1]. Durante gli anni della scuola è un ottimo studente e un ottimo atleta, gioca infatti a calcio a buoni livelli quando studia alla University of Nevada a Las Vegas[2] e dopo la scuola partecipa ad una partita dei Los Angeles Rams, squadra di football americano che milita nell'NFL, durante lo sciopero del 1987. Finita la scuola comincia a lavorare nel campo della musica, inizialmente come organizzatore di concerti e come guardia del corpo, proteggendo anche celebrità come Bobby Brown. I suoi problemi legali hanno inizio nel 1987 quando viene accusato di vari reati tra cui il furto d'auto, l'occultamento di armi ed il tentato omicidio. Due anni dopo fonda la sua etichetta musicale, e i primi a firmare sono i rapper West Coast The D.O.C. e Dj Quik. Grazie a questi primi contatti riesce a conoscere alcuni rapper, tra cui gli N.W.A..

Suge

Death Row Records[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Death Row Records.

Dr. Dre decide di lasciare sia il suo gruppo, gli N.W.A., sia la sua etichetta, la Ruthless Records, gestita da un altro membro del gruppo, il rapper Eazy-E. Suge coglie l'occasione e negozia un contratto per il rapper con Jerry Heller, manager degli N.W.A., Dre si unisce a Knight e nel 1991 fondano l'etichetta Death Row Records.

Suge garantisce a Dre la distribuzione della Interscope Records e The Chronic, il disco di debutto del rapper pubblicato nel 1992, diventa uno degli album più influenti di tutti i tempi. Un altro amico di Dre, Snoop Dogg, firma per la Death Row e il suo album di debutto, Doggystyle, ottiene un grande successo. Dr. Dre crea uno stile personale, il G-funk, e la Death Row diventa un punto di riferimento per i fan gangsta rap e anche i suoi dischi minori hanno delle buone vendite. Nonostante il successo Knight continua ad avere problemi legali: durante le registrazioni di The Chronic, infatti, viene arrestato per aver assalito due rapper che avrebbero usato il suo telefono senza il permesso.

L'arrivo di Tupac Shakur[modifica | modifica sorgente]

Intanto la faida con il rapper dell'East Coast Puff Daddy prende una brutta piega quando Suge insulta la Bad Boy Records ai Source Awards nell'agosto del 1995. Il produttore di Compton attacca Puff sulla sua abitudine di partecipare spesso nei pezzi o anche solamente apparire nei video degli artisti della sua etichetta, dicendo questa frase: "Qualunque artista là fuori che vuole rimanere una stella ma non deve preoccuparsi di avere il produttore esecutivo che tenta di immischiarsi in tutti i video e in tutte le registrazioni può venire alla Death Row".

Nello stesso anno riesce a fare firmare per l'etichetta il rapper Tupac Shakur che esce nel 1996 con l'album All Eyez on Me, da cui estrae due singoli, California Love e How Do U Want It. Shakur aiuta la Death Row a rimanere in cima alle classifiche che si stanno spostando verso la East Coast, con il suo stile innovativo di interpretare l'Hardcore hip hop. Un anno dopo, anche il gruppo di 2Pac, gli Outlawz, si unirà alla Death Row.

Il caso Tupac e Biggie[modifica | modifica sorgente]

Nel 1996, Tupac Shakur rimane misteriosamente ucciso, a Las Vegas, all'uscita del combattimento fra i pugili Mike Tyson e Bruce Seldon. Il noto rapper è stato raggiunto da più colpi di arma da fuoco, tra cui uno alla tempia. Quando il rivale di Tupac, il rapper dell'East Coast The Notorious B.I.G., viene ucciso in circostanze simili alcuni mesi dopo, Suge viene subito sospettato di aver commissionato l'omicidio. Successive indagini portano a galla una rete che lega la Death Row Records con alcuni gangster di bande locali e con la polizia di Las Vegas. Dunque verrà sospettata anche un'implicazione nell'omicidio dello stesso 2Pac. Tuttora infatti, entrambi gli omicidi sono rimasti irrisolti ma è anche vero che i sospettati coinvolgimenti di Knight in entrambi i moventi non sono stati mai provati e dimostrati, benché verosimili[3]. Suge Knight venne però arrestato e successivamente condannato a 7 anni di carcere per falsa testimonianza riguardo al fatto di aver partecipato ad una rissa con Orlando Anderson (avvenuta alcune ore prima che 2Pac venisse assassinato).

L'abbandono di Dr. Dre e degli Outlawz[modifica | modifica sorgente]

L'etichetta subisce una grave perdita quando Dr. Dre stanco della reputazione da gangster e dall'inclinazione alla violenza di Suge Knight lasciò l'etichetta, fondandone una sua, l'Aftermath Entertainment. A inizio 2000 anche gli Outlawz decisero di abbandonare la casa discografica ma per fattori economici, avendo infatti appena vinto una causa da 4,5 milioni di dollari contro la stessa Death Row per il fatto di non essere stati pagati e di essere stati spesso ostacolati nella propria carriera in presenza di prospettive economiche vantaggiose. D'altronde, come nel caso di Dre, essi daranno vita a una propria etichetta discografica, la Outlaw Records.

Problemi recenti[modifica | modifica sorgente]

Nel 2006 Knight viene attaccato da un ex membro della Death Row, il rapper di Long Beach Snoop Dogg (nel frattempo passato alla No Limits Records), che ha rilasciato dichiarazioni contro il produttore di Compton sulla rivista Rolling Stone; Suge ha risposto sul sito pagesix.com dicendo che Snoop non è altro che "una spia" ("a rat") e "una ragazzina piangente" ("a crybaby") e accusandolo di non essere mai andato in prigione solo per le sue buone relazioni con le forze dell'ordine[4].

Il 10 maggio 2008 Suge viene coinvolto in una rissa per questioni economiche al di fuori di un night club di Hollywood; viene colpito per 3 minuti, e all'ospedale non collabora con la polizia[5]. Circa un mese dopo la rissa vende la Death Row alla Global Music Group per 24 milioni di dollari[6].

Il 27 agosto Knight è stato arrestato mentre trasportava droga dopo aver lasciato uno strip club di Las Vegas. Quando la polizia è arrivata il produttore stava minacciando con un coltello la sua ragazza, gli agenti fermano l'uomo e nella macchina trovano Ecstasy e Idrocodone[7]. La fidanzata di Suge, Melissa Isaac, è stata chiamata come testimone al processo contro l'uomo ma poco dopo è sparita, e i sospetti sono ricaduti sul produttore discografico[8].

Il 29 dicembre 2010 viene reso noto sul Web l'arresto di Suge Knight per l'omicidio di Tupac, ma la notizia si rivela essere falsa.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ The New York Times - Does a Sugar Bear Bite?. URL consultato il 20-11-2008.
  2. ^ Las Vegas Sun - Former coaches portray Knight in positive light. URL consultato il 20-11-2008.
  3. ^ L.A. Weekly - Cop's book says Sean Combs, Suge Knight ordered Tupac and Biggie killings.
  4. ^ New York Post - Suge Knight responds to Snoop Dogg. URL consultato il 23-11-2008.
  5. ^ Suge Knight knocked out in nightclub fight. URL consultato il 22-11-2008.
  6. ^ Death Row label is sold for $24m. URL consultato il 22-11-2008.
  7. ^ Suge Knight arrested in Las Vegas. URL consultato il 22-11-2008.
  8. ^ Suge Knight's Girlfriend is Missing. URL consultato il 22-11-2008.

Controllo di autorità VIAF: 36466974 LCCN: no00079332