Suffrage Hikes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le Suffrage Hikes (marce per il suffragio) furono azioni dimostrative condotte tra il 1912 e il 1914 da alcune suffragette statunitensi.[1] Rosalie Gardiner Jones organizzò la prima marcia che, partita da Manhattan il 16 dicembre 1912, raggiunse Albany il 28 dicembre.[2] La seconda marcia coprì il percorso da New York a Washington di 230 miglia (370 chilometri) in 17 giorni.[3]

Partecipanti[modifica | modifica sorgente]

Le maggiori partecipanti alle marce, e le sole che coprirono l'intera distanza, furono la giornalista Emma Bugbee,[4] Ida Craft (soprannominata "il Colonnello"),[5] Elisabeth Freeman,[6] e Rosalie Gardiner Jones, indicata come "il Generale".[6]

Marcia New York-Albany del 1912[modifica | modifica sorgente]

La prima marcia avvenne tra Manhattan, lasciata il 16 dicembre 1912 alle 9:40 del mattino, e Albany, raggiunta il 28 dicembre, alle 4 del pomeriggio. Furono percorse 170 miglia (273 chilometri) in tredici giorni, affrontando le avversità atmosferiche, incluse pioggia e neve durante il percorso. Alla partenza, si era radunata una folla di 500 donne e vari giornalisti e furono in 200 a mettersi in cammino (sebbene furono poi meno di una decina a percorrere l'intera marcia).[2][7]

Durante il percorso, le suffraggette distribuirono volantini e tennero discorsi.

Marcia New York-Washington del 1913[modifica | modifica sorgente]

Suffragette in marcia a Newark, New Jersey, nel 1913.
Una seconda immagine della marcia scattata a Newark.

Il 21 febbraio 1913 ebbe inizio una seconda marcia, che da New York avrebbe raggiunto Washington, percorrendo 230 miglia (370 chilometri) in 17 giorni.[3] Partirono sedici "pellegrine per il suffraggio" (suffrage pilgrims), alcune delle quali furono sostituite nel percorso. Il giornale della Woman Suffrage Association dello stato di New York che seguì l'iniziativa, la descrisse così:

(EN)
« no propaganda work undertaken by the State Association and Party has ever achieved such publicity. »
(IT)
« Nessuna azione azione di propaganda intrapresa dalla Associazione statale e dal partito ha mai ottenuto una tale notorietà. »

Elizabeth Freeman compì la marcia indossando abiti gitani e guidando un carretto giallo, trainato da un cavallo denominato Suffragette; la marcia fu inoltre parzialmente filmata nel documentario On to Washington (1913).[1]

Itinerario[modifica | modifica sorgente]

La partenza avvenne dall'Hudson Terminal di New York, alle 9:00 del 12 febbraio 1913. Dopo aver attraversato Newark, Elizabeth e Rahway nel New Jersey, fu raggiunto Metuchen nella notte, dopo aver percorso 28 miglia (45 chilometri)[8]

Le tappe successive toccarono New Brunswick[8], Princeton, Trenton e Filadelfia. Baltimora fu raggiunta il 25 febbraio.[5][6] Il giorno seguente, a Laurel, nel Maryland, furono raggiunte da un gruppo di suffragette afroamericane ed insieme inviarono una bandiera e un messaggio al neo-eletto presidente Woodrow Wilson, che avrebbe dovuto precedere il loro arrivo.[9] Arrivarono a Washington il 1º marzo, con l'obiettivo di partecipare alla manifestazione in favore del suffragio femminile del 3 marzo che disturbò l'arrivo in città, in previsione della cerimonia d'insediamento come presidente del giorno seguente, di Woodrow Wilson.[10][11][12]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Sheridan Harvey, Marching for the Vote, Library of Congress. URL consultato il 22 febnbraio 2014.
  2. ^ a b (EN) Ida Husted Harper, Susan Brownell Anthony e Matilda Joslyn Gage, History of woman suffrage, Fowler & Wells, 1922, p. 452. ISBN non esistente
  3. ^ a b (EN) Suffrage Hike Begins Today. 16 Women Will Start On Tramp To Washington Plan To Cover 230 Miles From New York In 17 Days. Will Hold Mass Meetings Along The Way in Hartford Courant, 12 febbraio 1913. URL consultato il 22 febbraio 2014.
    «The long-heralded women's suffrage "hike" from New York to Washington will start tomorrow. Sixteen women, with "General" Rosalie G. Jones in command, have pledged themselves it was announced, to walk the entire distance 230 miles. They hope to complete their...».
  4. ^ (EN) Beverly G. Merrick, Two Case Histories, Ishbel Ross and Emma Bugbee: Women Journalists Ride the Rail with the Suffragettes, Education Resources Information Center, 1989. URL consultato il 22 febbraio 2014.
    «Bugbee walked with the suffragists on a week-long winter march from New York City to Albany».
  5. ^ a b (EN) Col. Craft Is Angry. Snub For Gen. Jones. Talks of Rushing About Country at Six-Day-Bicycle-Race Speed and Says She Doesn't Like It. in New York Times, 25 febbraio 1913.
    «So angry that she would not speak to General Rosalie Jones Colonel Ida Craft, second in command, led the detachment of suffragist hikers that spent the night at Overlea into Baltimore late this afternoon. General Jones was not in the lobby of the Hotel Stafford when Colonel Craft came tramping in.».
  6. ^ a b c (EN) Col. Craft Walks On, But Hikers Protest. Her Feet Swollen So Badly That She Falls Behind Companions. Says 'I Am Going Through.' (PDF) in New York Times, 23 febbraio 1913. URL consultato il 22 febbraio 2014.
    «Gen. Rosalie Jones, in command of the suffragist hikers, changed the army's schedule once to-day, and then she changed it back again. Early in the day, although the pilgrims were walking over bad roads under a sullen downpour of rain, the General said that from this town tomorrow the pilgrims would proceed to Baltimore, twenty-six miles away.».
  7. ^ (EN) Six Tired Pilgrims End First Day's Hike. But the Drum Gives Out at the Start of the Suffrage March on Albany. (PDF) in New York Times, 17 dicembre 1912. URL consultato il 22 febbraio 2014.
  8. ^ a b (EN) Suffrage Hikers Undaunted By Cold. Plod on to Metuchen, N.J., Though One Woman Needs a Doctor When She Gets There (PDF) in New York Times, 13 febbraio 1913. URL consultato il 22 febbraio 2014.
    «'The Army of the Hudson,' the warlike name selected for the suffragette hikers by Gen. Rosalie Jones, arrived in this town to-night after its first day's march toward Washington, where it will take part in the suffragette parade on March 3.».
  9. ^ (EN) Sufferage Hikers send Wilson a Flag in New York Times, 27 febbraio 1913.
  10. ^ (EN) Peter R. Eisenstadt, Laura-Eve Moss (a cura di), The Encyclopedia of New York State, Syracuse University Press, 2005, p. 827, ISBN 9780815608080.
  11. ^ (EN) Kenneth Florey, Women's Suffrage Memorabilia: An Illustrated Historical Study, McFarland, 2013, ISBN 9781476601502.
  12. ^ (EN) Jone Johnson Lewis, Women Marchers Attacked at Inauguration, About.com. URL consultato il 27 febbraio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]