Suddivisioni della Lettonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lettonia

Questa voce è parte della serie:
Politica della Lettonia








Altri stati · Atlante

Dalla proclamazione dell'indipendenza dall'Unione Sovietica la Lettonia era suddivisa in 26 rajoni (sing. rajons) e 7 "città della Repubblica" (Republikas pilsētas), che fungevano da divisioni amministrative di primo livello; i rajoni erano a loro volta suddivisi in circa 500 fra città (pilsētas; sing. pilsēta), comuni (novadi; sing. novads), territori rurali (lauku teritorija) e frazioni (pagasti; sing. pagasts).

Nel 2008 la Legge sui Territori Amministrativi e sulle Aree Residenziali - ha trovato l'approvazione del Parlamento lettone (Saeima) il 18 dicembre 2008[1] ed è stato promulgato dal presidente Valdis Zatlers.

In base alla nuova legge, entrata in vigore il 1º luglio 2009, le suddivisioni amministrative lettoni sono state leggermente modificate, con l'abolizione dei rajoni e la promozione dei novadi (ora 109) a suddivisioni amministrative di primo livello, a fianco delle città della Repubblica (passate da 7 a 9). La stessa legge prevede che un novads debba avere almeno 4.000 residenti ed un capoluogo avente almeno 2.000 residenti; al di sotto dei novadi i pagasti fungono da suddivisioni di secondo livello. Una mappa con le suddivisioni amministrative è allegata all’atto normativo[2].

Mappa con le vecchie suddivisioni della Lettonia in vigore fino al 30 giugno 2009

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Regional reform bill passes final reading
  2. ^ http://www.saeima.lv/Likumdosana/lik_imag9/LP0684_01.jpg

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]