Stylus Magazine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stylus Magazine
URL http://www.stylusmagazine.com/
Commerciale
Tipo di sito rivista online di cinema e musica
Registrazione no
Proprietario Todd Burns
Creato da Todd Burns
Lancio 2002
Stato attuale non attivo

Stylus Magazine è stata una rivista online di cinema e musica, lanciata nel 2002. Pubblicava quotidianamente quattro rassegne musicali, oltre a recensioni cinematografiche, diversi podcast, un blog in formato mp3 e uno testuale. Il sito aveva appuntamenti giornalieri come The Singles Jukebox, che esaminava singoli pop da tutto il mondo, e Soulseeking, rubrica basata sulle considerazioni del pubblico in ascolto.

Nonostante il numero dei lettori non abbia mai raggiunto quello di Pitchfork Media, Stylus Magazine è stato elogiato dalla stampa per la qualità dei suoi articoli. Nel 2006 l'Observer Music Monthly lo collocò al 20º posto nella classifica "25 siti web musicali indispensabili" (in inglese 25 most essential music websites)[1].

La rivista online chiuse ufficialmente il 31 ottobre 2007[2], mentre a partire da luglio 2010 venne comunque data la possibilità di consultarlo senza alcuna nuova pubblicazione.

Il 4 gennaio 2010 il direttore e fondatore, Todd Burns, acconsentì al lancio da parte dello storico scrittore dello Stylus Nick Southall di un nuovo sito web, The Stylus Decade, con liste e articoli musicali sugli ultimi dieci anni[3]. La rubrica The Singles Jukebox divenne nel marzo 2009 anch'essa indipendente dall'iniziativa di molti ex collaboratori di Stylus Magazine[4].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Paul Flynn, Site and sound in The Guardian, 16 marzo 2006. URL consultato il 24-8-2011.
  2. ^ (EN) Leon Neyfakh, Stylus Magazine, Respected Online Music Publication, Will Fold After Halloween in The Observer, 26-10-2007. URL consultato il 23-8-2011.
  3. ^ (EN) Sito ufficiale, TheStylusDecade.com. URL consultato il 23-8-2011.
  4. ^ (EN) Sito ufficiale, TheSinglesJukeBox. URL consultato il 23-8-2011.