Struttura narrativa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La struttura narrativa è, nella narratologia, l'architettura strutturale che soggiace all'ordine e al modo in cui viene presentata una narrazione a un lettore, un ascoltatore o uno spettatore.

Nella narratologia strutturalista[modifica | modifica sorgente]

I critici e teorici della narrativa che descrivono la struttura narrativa di un testo possono fare riferimento a elementi strutturali quali l'introduzione, nella quale vengono descritti i personaggi e le circostanze fondamentali di una storia; un coro, che usa la voce di un astante per descrivere gli eventi o indicare la risposta emotiva appropriata (felicità, tristezza, ecc.) rispetto a ciò che si è appena verificato; o una coda, che cade alla fine di una narrazione e presenta delle considerazioni concludive. Descritta per la prima volta nei tempi antichi da filosofi indiani[1] e da greci (quali Aristotele e Platone), la nozione di struttura narrativa ha goduto di una rinnovata popolarità come concetto critico dalla metà alla fine del XX secolo, quando gli esponenti della critica strutturalista come Vladimir Propp e i formalisti russi, e di seguito Roland Barthes, Joseph Campbell e Northrop Frye hanno sostenuto che tutte le narrazioni umane hanno certi elementi strutturali profondi in comune. Questa posizione è stata criticata dai fautori del poststrutturalismo come Michel Foucault e Jacques Derrida, secondo i quali asserire l'esistenza di tali strutture profonde universali era logicamente impossibile.

I miti di Frye[modifica | modifica sorgente]

Northrop Frye, nella sua Anatomia della critica, tratta estesamente di quelli che chiama miti della primavera, estate, autunno e inverno.

Strutture narrative lineari e non-lineari[modifica | modifica sorgente]

Una narrazione non-lineare è una che non procede secondo una linea retta, passo dopo passo; può esserne esempio una storia in cui l'autore racconta l'epilogo prima che si sia completato lo svolgimento della trama. L'opposto di tale narrazione è quella lineare, nella quale la diegesi procede regolarmente senza interruzioni e inversioni dell'ordine cronologico dei fatti narrati. Tenendo conto della distinzione, enunciata dai formalisti russi e ripresa dalla critica strutturalistica, tra fabula e intreccio, la linearità o non-linearità di una trama dipende dalla maggiore o minore aderenza dell'intreccio alla fabula (rappresentando quest'ultima l'ideale linearità assoluta).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scott R. Stroud, Narrative as Argument in Indian Philosophy: The Astavakra Gita as Multivalent Narrative in Philosophy and Rhetoric, vol. 37, n. 1, 2004, pp. 42–71.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura