Strenia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Strēnĭa o Strēnŭa era una divinità della religione romana - di origine sabine secondo alcuni autori classici - simbolo del nuovo anno, di prosperità e buona fortuna[1]. Secondo Varrone e Festo, alla dea erano dedicati un altare (sacellum) e un bosco sacro (lucus) sulla Via Sacra, a Roma.[2][3][4]

Andrea Bacci (autore rinascimentale, noto anche come Elpidiano) ipotizzò che il suo nome, nella lingua dei Sabini, significasse «salute».[5] A questa divinità vengono ricondotti il nome e la tradizione dello scambio di doni augurali (strēna) durante le festività latine dei Saturnalia (17-23 dicembre in epoca domizianea), una tradizione assorbita, successivamente, dalle festività natalizie (strenna).[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Robert E.A. Palmer, The Archaic Community of the Romans (Cambridge University Press, 2009), p. 101.
  2. ^ «Carinae postea Cerionia, quod hinc oritur caput sacrae viae ab Streniae sacello quae pertinet in arce<m>, qua sacra quotquot mensibus feruntur in arcem et per quam augures ex arce profecti solent inaugurare. Huius sacrae viae pars haec sola volgo nota quae est a foro eunti primore clivo». Marco Terenzio Varrone, De lingua latina 5.47
  3. ^ «Sacram viam quidam appellatam esse existimant quod in ea foedus ictum sit inter Romulum ac Tatium: quidam quod eo itinere utantur sacerdotes idulium sacrorum conficiendorum causa. Itaque ne eatenus quidem, ut vulgus opinatur, sacra appellanda est a regia ad domum regis sacrificuli, sed etiam a regis domo ad sacellum Streniae, et rursus a regia usque in arcem». Sesto Pompeo Festo 290.
  4. ^ The Roman Festivals of the Period of the Republic (Londra, 1908), p. 278.
  5. ^ a b Strenna in Dizionario Etimologico Online (2011).