Streets: A Rock Opera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Streets: A Rock Opera
Artista Savatage
Tipo album Studio
Pubblicazione 1991
Durata 68 min : 33 s
Dischi 1
Tracce 12
Genere Heavy metal
Etichetta Atlantic Records
Produttore Paul O'Neill
Registrazione Gennaio-luglio 1991
321 Studios, New York
Savatage - cronologia
Album precedente
(1989)
Album successivo
(1993)

Streets: A Rock Opera è un concept album dei Savatage, che ha a che fare con l'ascesa e la caduta del musicista DT Jesus. È uscito nel 1991 sotto la casa discografica Atlantic Records. All'album è servito quasi un anno per la registrazione.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

La storia parla di DT Jesus, che all'inizio della storia è uno spacciatore di droga, e fa parte della malavita delle strade di New York City. Streets espone la storia che sta dietro a DT Jesus e la sua ascesa al successo e la sua caduta.

Il concept di Streets è basato su un libro scritto da Paul O'Neill molti anni prima del coinvolgimento di Paul con la band. Sebbene molti lo sostengano, Streets non è mai stato considerato una autobiografia da parte di Jon Oliva.[1] Infatti, è stato scritto nel 1979 come spettacolo di Broadway e fu conservato in un cassetto a casa di Paul O'Neill, fino a che Criss Oliva lo trovò e lo propose come album dei Savatage. È una casualità che la vita del cantante Jon Oliva rispecchiasse al tempo il personaggio di DT Jesus.

Canzoni come Jesus Saves e Ghost In The Ruins sono state rifatte in occasione dell'album in versione più rock, ha detto O'Neill, mentre molte altre, come Believe, Heal My Soul e A Little Too Far compaiono tutte nella stessa versione progettata per lo spettacolo di Broadway. Altre tracce come Streets e Strange Reality sono state espressamente scritte per l'album.

Essendo la title track del loro precedente album non completata in tempo, i Savatage avrebbero voluto chiamare la registrazione Gutter Ballet, ma la sua inclusione nel loro precedente album significò che non era possibile. Al suo posto il gruppo voleva chiamare l'album Ghost in the Ruins. Alla fine, un album intitolato Ghost in the Ruins è stato pubblicato nel 1995 come tributo a Criss Oliva.

L'album originariamente doveva essere un doppio CD, ma alla casa discografica Atlantic Records non piacque l'idea, perciò alcune canzoni furono tolte dalla registrazione, mentre altre furono riscritte attraverso gli anni e alla fine formarono parti di canzoni di Edge of Thorns. Tra le canzoni che furono tolte c'erano: DT Jesus, canzone successivamente pubblicata nella compilation From the Gutter to the Stage; Larry Elbows" (ritenuta da qualcuno la diciassettesima traccia); Stay, che coinvolge il personaggio sconosciuto di Duke; Desiree; Tonight I Would Be King; Sanctuary e Beyond Broadway. Originariamente l'album avrebbe dovuto contenere più parti parlate rispetto all'unica usata nell'introduzione di Jesus Saves (che fu una rielaborazione di DT Jesus dopo che all'Atlantic non piacque la versione originale e fu registrata con solo Jon e Criss in studio, come Gutter Ballet). Il gruppo non ha espresso il desiderio di rilasciare l'album in un doppio CD come doveva essere originariamente inteso, in parte a causa del fatto che le uniche registrazioni rimaste sono su audiocassetta e in parte per il fatto che la maggior parte delle idee originali per le canzoni furono utilizzate in lavori successivi.

La band registrò un video musicale per la canzone Jesus Saves che ha ricevuto qualche passaggio su MTV e anche un video per New York City Don't Mean Nothing, ma il video è stato "perso" e non è mai andato in onda.

Contrariamente alla credenza popolare, Paul O'Neill non scrisse tutti i testi delle canzoni. In brani come Tonight He Grins Again, Agony and Ecstasy e If I Go Away Jon Oliva scrisse le parole e la maggior parte della musica.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Streets - 6:50
  2. Jesus Saves - 5:13
  3. Tonight He Grins Again / Strange Reality - 8:02
  4. A Little Too Far - 3:25
  5. You're Alive / Sammy and Tex - 4:58
  6. St. Patrick's - 4:17
  7. Can You Hear Me Now - 5:11
  8. New York City Don't Mean Nothing - 4:01
  9. Ghost in the Ruins - 5:32
  10. If I Go Away - 5:17
  11. Agony and Ecstasy / Heal My Soul - 6:11
  12. Somewhere in Time / Believe - 9:02
Bonus-track sulla re-release europea Edel
  • 13. Desiree - 3:54
Bonus-tracks sulla re-release europea SPV
  • 13. Ghost in the Ruins (live) - 5:20
  • 14. Jesus Saves (live) - 4:02

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ FAQ sul sito ufficiale Savatage