Strato di Ekman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
In un fluido lo strato di Ekman è quello in cui il flusso è il risultato del bilanciamento tra il gradiente di pressione, la forza di Coriolis e la resistenza fluidodinamica turbolenta. Nell'immagine, il vento che soffia in direzione Nord crea una tensione sulla superficie dell'acqua del mare che dà luogo alla formazione di una spirale di Ekman nella sottostante colonna d'acqua.

In un fluido lo strato di Ekman è quello in cui il flusso è il risultato del bilanciamento tra il gradiente di pressione, la forza di Coriolis e la resistenza fluidodinamica turbolenta. Fu descritto per la prima dall'oceanografo svedese Vagn Walfrid Ekman.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

L'esploratore norvegese Fridtjof Nansen durante la sua spedizione nell'Artide del 1893 a bordo del veliero Fram, aveva notato che la deriva degli iceberg nel mare non avveniva esattamente nella direzione in cui spiravano i venti prevalenti, ma che i blocchi di ghiaccio si muovevano con un angolo compreso tra 20° e 40°. Al suo ritorno Nansen chiese al professor Vilhelm Bjerknes di indagare sulla questione. Bjerknes incaricò uno dei suoi studenti, Vagn Ekman, di occuparsi della questione. Ekman presentò i risultati del suo studio nella sua tesi di laurea del 1902.[1][2]

Formulazione matematica[modifica | modifica wikitesto]

La formulazione matematica dello strato di Ekman può essere trovata assumendo che il fluido sia stratificato in modo neutro, con il momento orizzontale in equilibrio tra il gradiente di pressione, la forza di Coriolis e la resistenza fluidodinamica turbolenta.


\begin{align}
  -fv &= -\frac{1}{\rho_o} \frac{\part p}{\part x}+K_m \frac{\part^2 u}{\part z^2}, \\
   fu &= -\frac{1}{\rho_o} \frac{\part p}{\part y}+K_m \frac{\part^2 v}{\part z^2}, \\
    0 &= -\frac{1}{\rho_o} \frac{\part p}{\part z},
\end{align}

dove \ u e \ v sono le velocità rispettivamente nelle direzioni \ x and \ y , \ f è il valore locale del parametro di Coriolis e \ K_m è la viscosità diffusiva dei vortici.

Condizioni al contorno[modifica | modifica wikitesto]

Sono molteplici le situazioni in cui è possibile la formazione di uno strato di Ekman; esse includono la parte bassa dell'atmosfera, in prossimità della superficie di separazione tra terra e oceano, il fondo degli oceani, vicino al fondale marino e la superficie oceanica all'interfaccia tra aria e acqua.

Ognuna di queste regioni ha differenti condizioni al contorno. Consideriamo le condizioni al contorno dello strato di Ekman alla superficie dell'oceano:[3]


  \text{per } z = 0 : 
  \quad A \frac{\part u}{\part z} = \tau^x \quad \text{e} 
  \quad A \frac{\part v}{\part z} = \tau^y,

dove \ \tau^x e \ \tau^y sono le componenti della tensione alla superficie, \ \tau , del campo del vento o la strato dei ghiacci sulla superficie oceanica e \ u_g e \ v_g sono i flussi geostrofici nelle direzioni \ x and \ y, dato che \ z \to \infty : u \to u_g, v \to v_g.

Soluzioni[modifica | modifica wikitesto]

Tre visualizzazioni di uno strato di Ekman indotto dal vento, sulla superficie oceanica nell'emisfero Nord. La velocità geostrofica in questo esempio è uguale a zero.

Queste equazioni differenziali possono essere risolte, trovando:


\begin{align} 
  u &= u_g + \frac{\sqrt{2}}{fd}e^{z/d}\left [\tau^x \cos(z/d - \pi/4) - \tau^y \sin(z/d - \pi/4)\right ],
  \\
  v &= v_g + \frac{\sqrt{2}}{fd}e^{z/d}\left [\tau^x \sin(z/d - \pi/4) + \tau^y \cos(z/d - \pi/4)\right ],
  \\
d &= \sqrt{2 K_m/f}.

\end{align}

Nel diagramma è riportata la variazione della velocità orizzontale in funzione della profondità (-z), nota come spirale di Ekman.

Applicando l'equazione di continuità, possiamo trovare la velocità verticale nel seguente modo:

w = \frac{1}{f\rho_o}\left [-\left (\frac{\partial \tau^x}{\partial x} + \frac{\partial \tau^y}{\partial y} \right )e^{z/d}\sin(z/d) + \left (\frac{\partial \tau^y}{\partial x} - \frac{\partial \tau^x}{\partial y} \right )(1-e^{z/d}\cos(z/d))\right ].

Si può notare che, nell'emisfero settentrionale, quando il volume trasportato associato alla spirale di Ekman viene integrato verticalmente esso si trova alla destra della direzione del vento.

Osservazioni sperimentali dello strato di Ekman[modifica | modifica wikitesto]

Le difficoltà connesse con l'osservazione di uno strato di Ekman derivano da due difficoltà fondamentali: la teora è troppo semplicistica in quanto assume una velocità costante dei vortici, come già lo stesso Ekman aveva anticipato dicendo:[4]

(EN)
« It is obvious that \ \left[\nu \right] cannot generally be regarded as a constant when the density of water is not uniform within the region considered. »
(IT)
« È ovvio che \ \left[\nu \right] non può in generale essere considerata costante quando la densità dell'acqua non è uniforme all'interno della regione considerata. »

è poiché è difficile progettare strumenti con una sensitività abbastanza elevata da essere in grado di rilevare il profilo di velocità in un oceano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ V. W. Ekman, Om jordrotationens inverkan på vindstrømmar i hafvet, 1902.
  2. ^ Benoit Cushman-Roisin, Chapter 5 - The Ekman Layer in Introduction to Geophysical Fluid Dynamics, 1st, Prentice Hall, 1994, pp. 76–77, ISBN 0-13-353301-8.
  3. ^ Geoffrey K. Vallis, Chapter 2 – Effects of Rotation and Stratification in Atmospheric and Oceanic Fluid Dynamics, 1st, Cambridge, UK, Cambridge University Press, 2006, pp. 112–113, ISBN 0-521-84969-1.
  4. ^ V.W. Ekman, On the influence of the earth's rotation on ocean currents in Ark. Mat. Astron. Fys., vol. 2, nº 11, 1905, pp. 1–52.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Colling, A., Ocean Circulation, Open University Course Team. Second Edition. 2001. ISBN 978-0-7506-5278-0
  • Knauss, J.A., Introduction to Physical Oceanography, Waveland Press. Second Edition. 2005. ISBN 978-1-57766-429-1
  • Mann, K.H. and Lazier J.R., Dynamics of Marine Ecosystems, Blackwell Publishing. Third Edition. 2006. ISBN 978-1-4051-1118-8
  • Pond, S. and Pickard, G.L., Introductory Dynamical Oceanography, Pergamon Press. Second edition. 1983. ISBN 978-0-08-028728-7
  • Sverdrup, K.A., Duxbury, A.C., Duxbury, A.B., An Introduction to The World's Oceans, McGraw-Hill. Eighth Edition. 2005. ISBN 978-0-07-294555-3
  • Ekman, V.W., 1905. On the influence of the earth's rotation on ocean currents. Arch. Math. Astron. Phys. 2, No. 11
  • Gill, A.E. (1982). Atmosphere-Ocean Dynamics. Academic Press Inc. New York, London, Tokyo, ISBN 0-12-283520-4
  • Fennel, W. and H.-U. Lass, 1989. Analytical Theory of Forced Ocean Waves. Akademie-Verlag-Berlin, ISBN 3-05-500421-3
  • Weller, R.A., Plueddemann, A.J., 1996. Observations of the vertical structure of the oceanic boundary layer. J. Geophys. Res., 101, C4, 8789-8806
  • Schudlich, R.R., Price, J.F., 1998. Observations of Seasonal Variation in the Ekman Layer. J. Phys. Oceanogr., 28, 6, 1187-1204

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]