Stratiomyoidea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Stratiomyoidea
Chloromyia speciosa01.jpg
Chloromyia speciosa
Classificazione filogenetica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Panorpoidea
Ordine Diptera
Sottordine Brachycera
Infraordine Stratiomyomorpha
Woodley, 1989
Superfamiglia Stratiomyoidea
Hendel, 1928
Famiglie

Stratiomyoidea (Hendel, 1928), è una superfamiglia di Insetti dell'ordine dei Ditteri, sottordine Brachycera ed unico raggruppamento sistematico compreso nell'infraordine Stratiomyomorpha Woodley, 1989.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

La superfamiglia degli Stratiomyoidea si presenta eterogenea sotto l'aspetto morfologico. Negli adulti, i caratteri comuni a tutti gli Stratiomyoidea consistono nella struttura delle antenne e della suddivisione del radio. Le antenne hanno una struttura primitiva: come nella generalità dei Brachiceri, i primi tre articoli (scapo, pedicello e primo flagellomero) sono ben sviluppati ed evidenti, in particolare il primo flagellomero, che in genere si presenta più grosso degli altri segmenti; gli altri flagellomeri formano, invece dell'arista, una struttura segmentata in cui sono riconoscibili gli antennomeri, di forma anulare. Solo in alcuni Stratiomyidae, i flagellomeri distali tendono a fondersi formando un'arista rudimentale. La nervatura alare presenta il settore radiale diviso in tre branche, R2+3, R4 e R5. Fanno eccezione solo gli Stratiomyidae della sottofamiglia Chiromyzinae. Una caratteristica morfologica propria dei soli Pantophthalmidae è la dimensione del corpo: in questa famiglia sono comprese, infatti, alcune specie che si annoverano fra le più grandi nell'ambito dei Ditteri, raggiungendo anche i 10 cm di apertura alare.

La pupa è obtecta come negli altri brachiceri primitivi, ma a differenza di questi si sviluppano in un pupario rudimentale formato dall'exuvia dell'ultimo stadio larvale.

Le larve hanno habitat acquatico oppure terrestre e si comportano nella generalità dei casi come saprofaghe a spese di materiale organico in decomposizione.

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

La superfamiglia, inquadrata nelle più recenti classificazioni nell'infraordine degli Stratiomyomorpha, su base filogenetica, comprende tre piccole famiglie di Ditteri Ortorrafi, di cui quella più rappresentativa per numero di specie, notorietà e distribuzione è quella degli Stratiomyidae:

  • Pantophthalmidae (syn. Acanthomeriidae). È una piccola famiglia rappresentata solo nella neotropicale. In passato era ripartita in più generi, attualmente riuniti tutti nel genere Pantophthalmus (syn. Acanthomera, Atopomyia, Rhaphiorhynchus), al quale si aggiunge il genere Opetiops con la sola specie Opetiops alienus.
  • Stratiomyidae. È una famiglia cosmopolita ma con una notevole biodiversità nelle regioni tropicali. Comprendente insetti denominati comunemente, in inglese, soldier flies ("mosche soldato"). Nel complesso si conoscono oltre 2000 specie ripartite in 400 generi. La tassonomia suddivide gli Stratiomyidae in 12 sottofamiglie:
  • Xylomyidae (syn. Volvidae). È una piccola famiglia cosmopolita, maggiormente rappresentata in Asia. Comprende alcune decine di specie ripartite in quattro generi: Arthropeina, Coenomyiodes e Xylomya.

Filogenesi[modifica | modifica sorgente]

Nell'albero filogenetico, gli Stratiomyomorpha formano un clade monofiletico con il ramo Tabanomorpha + Xylophagomorpha, al quale sono correlati per le sinapomorfie relative alla catena gangliare ventrale[3][4]. Il clade si colloca su un ramo collaterale a quello dei restanti Brachiceri, identificati nei Muscomorpha, e si configura come il raggruppamento più primitivo fra i Brachiceri.

Il cladogramma degli Stratiomyomorpha vede una stretta correlazione fra gli Xylomyidae e gli Stratiomyidae, mentre il numero di sinapomorfie si riduce sensibilmente includendo i Pantophthalmidae[4]. In definitiva la collocazione cladistica dell'infraordine è riassunta nel seguente schema[5]:

 Brachycera  
 Brachiceri inferiori  
 Stratiomyomorpha  

 Pantophthalmidae




 Xylomyidae



 Stratiomyidae






 Xylophagomorpha



 Tabanomorpha





 Muscomorpha




Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Keith Bayless, Rhaphiocerinae in The Tree of Life Web Project, 2008. URL consultato il 10 maggio 2009.
  2. ^ (EN) Nomenclator Detail Record in The Diptera Site, US Department of Agriculture. URL consultato il 10 maggio 2009.
  3. ^ David K. Yeates, Relationships of the lower Brachycera (Diptera): A quantitative synthesis of morphological characters in Zoologica Scripta, vol. 31, 2002, pp. 105-121.
  4. ^ a b Yeates et al. (2007), op. cit.
  5. ^ Wiegmann & Yeates (2004). Vedi collegamenti esterni.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi