Strade Bianche 2013

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Italia Strade Bianche 2013
Edizione
Data 2 marzo
Partenza Gaiole in Chianti
Arrivo Siena
Percorso 188 km
Tempo 5h01'53"
Media 37,36 km/h
Valida per UCI Europe Tour 2013
Ordine d'arrivo
Primo Italia Moreno Moser
Secondo Slovacchia Peter Sagan
Terzo Italia Rinaldo Nocentini
Cronologia
Edizione precedente
Strade Bianche 2012
Edizione successiva
Strade Bianche 2014

La Strade Bianche 2013, settima edizione della corsa e valida come evento dell'UCI Europe Tour 2013 categoria 1.1, si svolse il 2 marzo 2013 su un percorso totale di 188 km. Fu vinta dall'italiano Moreno Moser che giunse al traguardo con il tempo di 5h01'53" alla media di 37,36 km/h.

Percorso[modifica | modifica sorgente]

La gara con partenza da Gaiole in Chianti si conclude a Siena nella celebre Piazza del Campo, per una distanza complessiva di 188 km, percorrendo la componente più caratteristica della corsa, le strade bianche, 57,2 km, suddivise in otto settori:

  • Settore 1 Radi: dal km 33,3 al 47,8 di km 13,5
  • Settore 2: dal km 53,2 al 58,7 di km 5,5
  • Settore 3 Lucignano d'Asso: dal km 81,0 al 92,9 di km 11,9
  • Settore 4 Pieve a Salti: dal km 93,8 al 101,8 di km 8,0
  • Settore 5 Monte Sante Marie: dal km 130,9 al 142,4 di km 11,5
  • Settore 6 Montechiaro: dal km 160,6 al 163,9 di km 3,3
  • Settore 7 Colle Pinzuto: dal km 168,6 al 171,0 di km 2,4
  • Settore 8 Le Tolfe: dal km 174,8 al 175,9 di km 1,1

Il percorso è caratterizzato, oltre che dallo sterrato, da un tracciato molto ondulato e accidentato senza rettilinei significativi e con numerose curve. Il tracciato comprende brevi strappi con un'unica salita di una certa lunghezza, quella che porta a Montalcino in 4 km d'asfalto al 5%. Una ripida salita, con punti al 18% di pendenza, si conclude a Le Tolfe a 12 km dal traguardo. A due Km dall'arrivo si inizia l'ultima salita di Porta di Fontebranda con pendenza al 9%-10%, e punta massima in via di Santa Caterina (16%) a 500 metri dall'arrivo finale. Piazza del Campo, dove è posto l'arrivo, si raggiunge in leggera discesa transitando in via Banchi di Sotto.

Squadre partecipanti[modifica | modifica sorgente]

N. Cod. Squadra
1-8 RLT Lussemburgo RadioShack-Leopard
11-18 ALM Francia AG2R La Mondiale
21-28 AND Italia Androni Giocattoli-Venezuela
31-38 AST Kazakistan Astana Pro Team
41-48 BAR Italia Bardiani Valvole-CSF Inox
51-58 BLA Paesi Bassi Blanco Pro Cycling Team
61-68 BMC Stati Uniti BMC Racing Team
71-78 CAN Italia Cannondale Pro Cycling
81-88 CRE Belgio Crelan-Euphony
N. Cod. Squadra
91-98 GRS Stati Uniti Garmin-Sharp
101-108 IAM Svizzera IAM Cycling
111-118 KAT Russia Katusha Team
121-128 LAM Italia Lampre-Merida
131-138 MOV Spagna Movistar Team
141-148 ARG Paesi Bassi Team Argos-Shimano
151-158 VCD Paesi Bassi Vacansoleil-DCM
161-168 VIN Italia Vini Fantini-Selle Italia

Resoconto degli eventi[modifica | modifica sorgente]

In una giornata resa difficile non solo dal percorso ma anche da un forte vento, il gruppo rimase compatto fino al primo settore di sterrato, in cui un piccolo gruppo si staccò, grazie a una azione di Michael Schär (BMC), raggiunto da Aleksejs Saramotins (IAM Cycling), Maksim Bel'kov (Katusha) e Giairo Ermeti (Androni). Dopo circa 70 km il distacco dei fuggitivi era già salito a più di 10 minuti e solo il quinto settore sterrato iniziò a fare selezione nel gruppo inseguitore, con la Cannondale in testa a tirare e il distacco dimezzato. Con tutti i favoriti a curare la ruota di Peter Sagan, nessuno diede importanza all'attacco di Moreno Moser che raggiunse tutti i fuggitivi in fronte alla corsa, staccandoli e giungendo solo al traguardo[1].

Ordine d'arrivo (Top 10)[modifica | modifica sorgente]

Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Italia Moreno Moser Cannondale 5h01'53"
2 Slovacchia Peter Sagan Cannondale a 6"
3 Italia Rinaldo Nocentini AG2R La Mond. a 7"
4 Svizzera Fabian Cancellara RadioShack s.t.
5 Lettonia Aleksejs Saramotins IAM Cycling s.t.
6 Belgio Greg Van Avermaet BMC Racing s.t.
7 Russia Aleksandr Kolobnev Katusha Team s.t.
8 Italia Francesco Reda Androni s.t.
9 Italia Giampaolo Caruso Katusha Team a 10"
10 Russia Maksim Bel'kov Katusha Team a 13"

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Stephen Farrand, Moser thrills tifosi with Strade Bianche win in Cyclingnews.com, 2 marzo 2013. URL consultato il 6 ottobre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]